Harsha Walia, Andrea Smith : “Undoing Border Imperialism (Anarchist Interventions Book 6)

Harsha Walia, Andrea Smith : “Undoing Border Imperialism (Anarchist Interventions Book 6)

La decolonizzazione è più di una lotta contro il potere e il controllo; è anche l’immaginazione e la generazione di istituzioni e relazioni alternative.
La decolonizzazione è una doppia forma di resistenza sensibile allo smantellamento dei sistemi attuali dell’impero coloniale e alle gerarchie sistemiche, mentre prefigurano anche società basate sull’equità, mutuo soccorso e autodeterminazione. Annullare gli ordinamenti fisici e concettuali dell’imperialismo di frontiera richiede un riorientamento fondamentale di noi stessi, i nostri movimenti e le nostre comunità per pensare e agire con intenzionalità, creatività, militanza, umiltà e, soprattutto, un profondo senso di responsabilità e reciprocità. Io chiamerei questo cambiamento di paradigma decolonizzazione, e credo che creare le condizioni per la decolonizzazione
attraverso la rivoluzione, la liberazione e la trasformazione debba diventare la nostra priorità collettiva. La decolonizzazione è tanto un processo quanto un obiettivo; il modo nel quale ci arriviamo, insieme, è fondamentale quanto la
destinazione che raggiungiamo. In un mondo in cui prosperano capitalismo e colonialismo dovuti, almeno in parte, al falso senso della loro inevitabilità, la decolonizzazione è un’evocazione non solo per sognare ma anche per recuperare e
portarci fuori dalla cancellazione e dal vittimismo. Decolonizzare le nostre opinioni sul mondo naturale ci porterebbe più vicino alle visioni del mondo indigeno che sono anche anticapitaliste. Rendersi conto che dipendiamo da fonti di acqua e cibo che si stanno esaurendo rapidamente, prendendo solo ciò di cui abbiamo bisogno dalla terra e condividendolo, comprendendo che gli umani non sono superiori ad altre specie ma sono solo una parte del mondo naturale, rispettando i diritti intrinseci della natura tra cui il diritto basilare di esistere e promuovere una coscienza della Terra come fonte di vita da proteggere in opposizione al concetto di proprietà privata da sfruttare e scambiare sul mercato sono tutti fattori critici per la decolonizzazione. Nei recenti incontri internazionali indigeni, questa visione del mondo è stata definita “Vivere bene” in contrasto con “vivere di più”. Questa è una semplice ma profonda trasformazione dalla convinzione che il mercato può salvare l’ambiente ad una che può effettivamente soffocare il capitalismo industriale. Tali insegnamenti sfidano la logica della competizione del sistema capitalista e coloniale, mercificazione e dominio, e invece generano interdipendenza e rispetto tra tutti gli esseri viventi. L’obbligo della decolonizzazione sovrasta tutti noi.

Reddit Community, ʻAʻohe Mea : “Basic Income FAQ : Frequently Asked Questions (English Edition)”

Reddit Community, ʻAʻohe Mea : “Basic Income FAQ : Frequently Asked Questions (English Edition)”

La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, articolo 25, afferma:
“Tutti hanno il diritto a uno standard di vita adeguato per la salute e il benessere di se stessi e della propria famiglia, compreso cibo, abbigliamento, alloggio e cure mediche e servizi sociali necessari, e il diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, disabilità, vedovanza, vecchiaia o altra mancanza di mezzi di sostentamento in circostanze al di fuori del proprio controllo” (Nazioni Unite).

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

La violenza ambientale delle frontiere richiede regolamenti globali che limitino le attività che producono danni e comportano alti costi. Per rendere possibile tutto ciò, dobbiamo ripensare all’idea che gli stati hanno il diritto esclusivo di prendere decisioni ambientali nei loro territori. L’ambiente non rispetta i confini e neanche
gli sforzi umani per usare e proteggere la terra dovrebbero farlo. La struttura e lo scopo delle Nazioni Unite rendono difficile il raggiungimento di questo obiettivo
attraverso l’infrastruttura istituzionale internazionale esistente. Però, è anche difficile immaginare come un accordo globale, che richiede almeno due parti – possa essere raggiunto senza la partecipazione di Stati e dell’ONU. Forse è necessario creare una nuova infrastruttura istituzionale dedicata all’ambiente che abbia la capacità di annullare la sovranità dello stato su questioni che riguardano l’ambiente globale. Inoltre oltre limiti rigorosi sull’estrazione e l’inquinamento delle risorse nocive, alcuni dei fondi raccolti con le tasse e le multe su queste pratiche dovrebbero essere utilizzati per riabilitare ambienti danneggiati dall’attività umana, in particolare quelli che sfidano il normale modello di responsabilità basato sullo stato. Ad esempio,  l’inquinamento plastico galleggiante nell’Oceano Pacifico, spesso soprannominato il Grande Pacific Garbage Patch, è il risultato delle attività degli umani in tutte le aree che circondano l’Oceano Pacifico, così come un enorme tsunami.
Tuttavia, i detriti si accumulano nel vortice del Pacifico, che è al di fuori della
giurisdizione di ogni stato sovrano. Grazie alla sua posizione remota, esso è
causato da tutti ma sotto la responsabilità di nessuno. Futuri accordi ambientali globali devono affrontare questi problemi sovranazionali allineandoli al processo decisionale politico per quanto riguarda l’ambiente con la scala dei problemi ambientali. La violenza economica e ambientale delle risorse recintate si estende all’idea di proprietà privata. Proprio come l’idea di stato e nazione appare spesso naturale ed eterna, è difficile pensare al di fuori dello spazio limitato della proprietà. Tuttavia, i diritti dei detentori di proprietà a limitare il movimento sulla propria terra, il controllo esclusivo delle risorse e lo sfruttamento delle loro proprietà hanno conseguenze simili a quelle dell’idea di controllo statale sovrano sul territorio. Di conseguenza, un vero riorientamento progressivo della politica globale includerebbe anche cambiamenti alla nozione di proprietà privata. Certamente deve essere un ripensamento del diritto dei detentori di proprietà di sfruttarne le risorse senza limiti. Potrebbe significare che i diritti di proprietà non siano indefiniti ma tornino ai beni comuni dopo un periodo di tempo o dopo la morte del proprietario. Cambiando il modo in cui è regolamentato l’uso del territorio, l’uso e l’abuso della terra può essere riformato. Questi principi non potrebbero essere messi in atto nello spazio di una notte. L’infrastruttura globale della sicurezza delle frontiere è vasta ed è sostenuta dai forti interessi economici degli appaltatori militari e governativi nel settore della sicurezza dei confini.
Queste società hanno un interesse acquisito nel mantenere lo status quo dei confini militarizzati e inaspriti che continuano a colmare i loro forzieri. Altre potenti società estraggono risorse basate sull’idea di proprietà privata e utilizzano il lavoro differenziale e i regolamenti ambientali tra i confini per creare le condizioni più favorevoli possibili per i loro affari.  Tuttavia, un simile tipo di inerzia ha permeato la disuguaglianza economica e politica del passato. I sistemi erano trincerati e supportati da un sistema economico che perpetuava la loro esistenza, ma alla fine sono stati annullati. Il loro crollo è iniziato attraverso gli atti di individui che hanno sfidato l’ordine stabilito e hanno dato visibilità alla disuguaglianza di fondo.

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Il problema non è né la nostra conoscenza del cambiamento climatico, né il
riconoscimento da parte della maggior parte dei leader del mondo che qualcosa deve essere fatto. Il problema è che i contenitori di potere delimitati negli stati del mondo e il luogo in cui si fanno gli accordi, le Nazioni Unite, danno troppo peso alla sovranità individuale degli stati e non rappresentano adeguatamente le esigenze planetarie della terra. La tragedia  dell’estrattivismo chiuso è che ciò che è meglio per un piccolo gruppo di persone in un piccolo pezzo di terra non corrisponde a ciò che è meglio per l’intera umanità. Joe Nevins, professore di geografia al Vassar College, usa il termine privilegio ecologico per descrivere i vantaggi basati sullo sfruttamento delle risorse nel passato e che consentono ad alcune persone di continuare a utilizzare l’ambiente in un modo più intensivo. Il privilegio ecologico “porta a coloro che ne godono maggiori opzioni, accesso e controllo sulle risorse, potere sociale e sicurezza socioeconomica e biofisica”, scrive. Il termine descrive il diritto che ha qualcuno di continuare a usare
l’ambiente semplicemente perché lo ha sempre fatto e descrive anche il sistema di sovranità statale e l’estrazione capitalista che permette e incoraggia a farlo. Finché gli interessi economici degli stati individuali non coincideranno con i più grandi bisogni ambientali del mondo, non sarà raggiunto un accordo significativo sui cambiamenti climatici. Dopo tutto L’ONU, che è l’istituzione primaria per i negoziati sul clima, preserva i diritti sovrani degli stati rispetto ai bisogni dell’ambiente globale. Finché il testo degli accordi sul cambiamento climatico dà la priorità a questa idea, un modo di combattere questo fenomeno globale non sarà possibile finché non sarà troppo tardi.

Il sistema di stati, confini e contenitori di risorse è incorporato nella nostra cultura e nel nostro modo di vivere e permea molti aspetti della nostra esistenza, al punto che è difficile immaginare la vita al di fuori di esso. Ma gli ultimi duecento anni hanno incluso importanti cambiamenti sociali che prima erano impensabili dal momento che le persone hanno resistito collettivamente alle ingiustizie nel mondo, tra le quali la schiavitù, il colonialismo, la mancanza di suffragio universale e il sistema di apartheid del Sud Africa. Oggi diamo per scontato che queste pratiche fossero ingiuste e fosse solo una questione di tempo prima che crollassero, anche se a un certo punto il cambiamento sembrava impossibile.
L’attuale sistema dei confini non è diverso.

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Il problema è che i confini creano artificialmente salari diversi, pool di lavoro, regolamenti ambientali, tasse e condizioni di lavoro.
Anche se gli attuali presidenti americani volessero emanare regolamenti radicali,
non hanno la stessa abilità che Roosevelt dimostrò affrontando il problema economico, perché le aziende e i lavoratori non sono più completamente sotto
l’autorità di regolamentazione degli Stati Uniti. Mentre le aziende sono in grado di operare in molti paesi per trarre vantaggio da queste differenze, i lavoratori sono
di solito contenuti da questi confini e i regolatori non sono in grado di far rispettare regole al di fuori della loro giurisdizione. Il problema attraversa i confini, ma  le soluzioni sono contenute da essi. Dalla prospettiva del libero mercato della Chicago School, la crisi dell’economia americana nell’era post-1970 non era il risultato della concorrenza di produttori stranieri; il problema era che
l’interferenza del governo nell’economia aveva paralizzato le compagnie statunitensi con regolamenti onerosi e alti salari che le rendevano non competitive.
La soluzione, sostengono, è di rimuovere quei regolamenti e protezioni del lavoro
al fine di liberare le corporazioni statunitensi per produrre beni e servizi in modo più efficiente a costi inferiori. Ciò consentirebbe loro di competere con produttori stranieri con minori costi di produzione e di manodopera. Ciò che la scuola di Chicago trascura è che il sistema di stati confinati è di per sé un limite artificiale
sui mercati perché contiene il movimento dei lavoratori. I keynesiani mettono in discussione i costi sociali e morali di una corsa al ribasso sui salari, le condizioni di lavoro e le condizioni ambientali. Se il problema è la discontinuità dei regolamenti, perché non alzare gli standard ovunque?
gli accordi commerciali liberi hanno probabilmente un senso se sono accompagnati dal libero movimento delle persone. La limitazione del movimento dei lavoratori crea salari artificialmente bassi. Se i lavoratori potessero muoversi, i salari si stabilizzerebbero tra l’alto salario negli Stati Uniti e il basso salario altrove. Ciò consentirebbe all’economia di produrre beni in base al valore reale del
lavoro, senza un basso salario sussidiario prodotto artificialmente dai confini.
Non è ancora chiaro se funziona meglio su scala globale il modello economico della scuola keynesiana o di Chicago, perché nessuno dei due è in vigore. Invece, l’economia è stata ostacolata da barriere artificiali: i confini politici che contengono lavoro e regolatori ma non capitali.

Naomi Klein : “This Changes Everything”

Naomi Klein : “This Changes Everything”

i tre pilastri politici dell’era neoliberista – privatizzazione della sfera pubblica,
deregolamentazione del settore societario e abbassamento delle imposte sul reddito e sulle società, pagate con tagli alla spesa pubblica, sono tutti incompatibili con molte delle azioni che dobbiamo intraprendere per portare le nostre emissioni a livelli di sicurezza. E insieme questi pilastri formano un muro ideologico che ha bloccato una risposta seria ai cambiamenti climatici per decenni.

Naomi Klein : “This Changes Everything”

Naomi Klein : “This Changes Everything”

La vera ragione per cui non riusciamo ad affrontare l’emergenza climatica è che le azioni richieste mettono direttamente in discussione il nostro paradigma economico (capitalismo deregolato combinato con austerità pubblica), le storie su cui si fondano le culture occidentali (che ci distinguiamo dalla natura e possiamo superare in astuzia i suoi limiti), così come molte delle attività che formano le nostre identità e definiscono le nostre comunità (fare shopping, vivere virtualmente, fare ancora più shopping).
Inoltre, implicano l’estinzione per l’industria più ricca e potente che il mondo
abbia mai conosciuto: l’industria del petrolio e del gas, che non può sopravvivere in nessuna delle forme attuali se noi umani vogliamo evitare la nostra stessa estinzione. In breve, non abbiamo risposto a questa sfida perché siamo bloccati politicamente, fisicamente e culturalmente. Solo quando identificheremo queste catene avremo la possibilità di romperle.

Andrew Yang : “The War on Normal People: The Truth About America’s Disappearing Jobs and Why Universal Basic Income Is Our Future (English Edition)”

Andrew Yang : “The War on Normal People: The Truth About America’s Disappearing Jobs and Why Universal Basic Income   Is Our Future (English Edition)”

I lavori di ufficio, i lavori al dettaglio e i lavori di ristorazione sono quelli più comuni nel paese. Ogni categoria è in grave pericolo e destinata a ridursi drasticamente. Eppure non sono loro a preoccuparsi di più. Il lavoro più minacciato nella storia dell’automazione – quello che spaventa persino l’osservatore più difficile – è la quarta categoria: il trasporto di materiali su ruote.
Tendiamo a pensare all’automazione come minaccia per i colletti blu con lavori che implicano abilità di base e ripetitive. La verità è un po ‘più complicata di così. Le categorie importanti non sono il colletto bianco rispetto al colletto blu o anche abilità cognitive contro abilità manuali. La vera distinzione è la routine rispetto alla non-routine. I lavori di routine di tutte le fasce sono quelli più minacciati dall’intelligenza artificiale e dall’automazione, e nel tempo saranno colpite più categorie di lavoro. Medici, avvocati, contabili, consulenti patrimoniali, commercianti, giornalisti e persino artisti e psicologi, chi svolge attività di routine sarà minacciato dalle tecnologie di automazione. Alcuni dei lavori che richiedono più istruzione hanno in realtà più probabilità di diventare obsoleti. Alcuni di questi lavoratori minacciati, come i consulenti finanziari, potrebbero trovarsi sorpresi di essere considerati obsoleti dopo aver sostenuto il potenziale di crescita del profitto delle tecnologie automatizzate.

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Proprio come i confini sono usati per limitare il movimento dei poveri creando pool di lavoro sfruttabile, sono anche usati per controllare l’ambiente creando pool di risorse sfruttabili, con regole su estrazione e accesso che differiscono tra i vari territori. Questi contenitori consentono ad alcuni di utilizzare le risorse del pianeta limitando l’accesso e l’uso alla maggior parte degli altri. La divisione della terra in giurisdizioni politiche separate significa che la scala del processo decisionale (lo stato) non corrisponde alla scala del sistema (il globo), che può produrre sovrasfruttamento e esacerbare la sfida di affrontare i problemi che
attraversano i confini.

Pannello intergovernativo sui cambiamenti climatici, quinto rapporto di valutazione, Ginevra: Pannello intergovernativo sui cambiamenti climatici, 2013

Pannello intergovernativo sui cambiamenti climatici, quinto rapporto di valutazione, Ginevra: Pannello   intergovernativo sui cambiamenti climatici, 2013

“Le concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica, metano e protossido di azoto sono aumentate fino a livelli senza precedenti negli ultimi 800.000 anni. Le concentrazioni di anidride carbonica sono aumentate del 40% rispetto ai tempi preindustriali, principalmente a causa di emissioni di combustibili fossili e secondariamente dalle emissioni dovute al cambiamento della destinazione di uso del terreno: l’oceano ha assorbito circa il 30 percento dell’anidride carbonica antropogenica emessa, causando l’acidificazione degli oceani “.