Richard Wilkinson: “The Spirit Level”

Richard Wilkinson: “The Spirit Level”

Affrontare il cambiamento climatico dipende dalla cooperazione mondiale come mai prima d’ora: non possiamo riuscire se in pratica tutti cercano di eludere le norme. L’inganno dei regolamenti e il perseguimento di interessi settoriali o di interessi a breve termine non diventano solo anti-sociali, ma anti-umanità. Le politiche per ridurre le emissioni di carbonio dipendono da un più ampio senso di responsabilità sociale, di cooperazione e di spirito pubblico. Qui di nuovo le prove suggeriscono che le società più egualitarie hanno più successo. Abbiamo visto che la coesione sociale genera un più alto livello di fiducia che favorisce lo spirito pubblico. Abbiamo anche visto come ciò si ripercuota nelle relazioni internazionali: società più eque danno di più nell’aiuto allo sviluppo e ottengono risultati migliori nel Global Peace Index. Un maggiore senso di responsabilità pubblica in paesi più equi potrebbe influenzare il modo in cui le società rispondono alle questioni ambientali, ad esempio nella tendenza a riciclare una percentuale maggiore dei loro rifiuti. I dati provengono dall’Australia’s Planet Ark Foundation Trust, che mostra la classifica di ogni paese per la percentuale di rifiuti che essi riciclano. Quindi piuttosto che assumere che siamo bloccati su livelli di consumismo egoista, individualismo e materialismo che devono sconfiggere qualsiasi tentativo di sviluppare sistemi economici sostenibili, dobbiamo riconoscere che queste non sono espressioni fisse della natura umana. Invece riflettono le caratteristiche delle società in cui ci troviamo e variano anche da una democrazia ricca di mercato a un’altra.

Richard Wilkinson: “The Spirit Level”

Richard Wilkinson: “The Spirit Level”

L’idea che la disuguaglianza accresca la pressione competitiva sul consumo non è solo speculazione. Ha effetti osservabili. Mentre la disuguaglianza è aumentata negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, c’è stato un calo a lungo termine dei risparmi e un aumento del debito. Robert Frank nota che nel 1998, anche se l’economia americana era in piena espansione come mai prima, una famiglia su sessantotto ha presentato istanza di fallimento – quattro volte il tasso dei primi anni ’80 prima dei più drammatici aumenti della disuguaglianza. Entro il 2002, il debito non pagato delle carte di credito era di $ 9.000 per il titolare medio della carta. Osservando i cambiamenti su un periodo di dieci anni, Frank scoprì che i tassi di fallimento aumentavano di gran lunga in alcune parti degli Stati Uniti dove la disuguaglianza era aumentata di più. La crescita della disuguaglianza ha reso più difficile per le persone mantenere gli standard rispetto agli altri. L’accresciuta pressione a consumare ha portato le persone a risparmiare meno e ad indebitarsi di più a tal punto che l’espansione della domanda dei consumatori è diventata uno dei principali motori del lungo boom economico e della speculazione finanziaria che è sfociata nella crisi. Ciò si adatta bene al fatto che la spesa per la pubblicità varia anche in base alla disuguaglianza: in paesi più disuguali una quota maggiore del prodotto interno lordo viene spesa in pubblicità, e gli Stati Uniti e la Nuova Zelanda spendono il doppio di Norvegia e Danimarca. Un altro indicatore di come la disuguaglianza aumenti la pressione sul consumo deriva dal modo in cui le ore di lavoro variano nei diversi paesi in relazione alla disuguaglianza. Uno studio sull’orario di lavoro nei paesi OCSE di Sam Bowles, professore emerito di economia presso l’Università del Massachusetts, ha dimostrato non solo che i paesi più disuguali tendono ad avere orari di lavoro più lunghi, ma anche che le differenze nell’orario di lavoro sono cambiate in base ai cambiamenti nella disuguaglianza per diversi decenni.

[…]

Abbiamo bisogno di creare società più eque in grado di soddisfare i nostri reali bisogni sociali. Invece di politiche per affrontare il riscaldamento globale semplicemente come limiti imposti alle possibilità di soddisfazione materiale, devono essere sviluppate politiche egualitarie che ci guidino verso modi nuovi e fondamentali per migliorare la qualità delle nostre vite. Il cambiamento riguarda lo spostamento storico delle fonti di soddisfazione umana dalla crescita economica a una società più socievole.

“Roads to nowhere”, migrantvoice.org

“Roads to nowhere”, migrantvoice.org

Le opinioni espresse dai nostri intervistati e la nostra esperienza nei confronti dei richiedenti asilo da molti anni hanno contribuito a formare il nostro appello relativo ai seguenti risultati, diretti al Parlamento europeo, alla Commissione europea e agli Stati membri.

Raccomandazione 1: Sospensione immediata di tutti i trasferimenti di Dublino a Stati in cui esiste un numero significativo di relazioni contemporanee e credibili di abusi dei diritti umani.

Raccomandazione 2: Maggiore monitoraggio e segnalazione sull’applicazione del regolamento, compresa la condotta e le pratiche delle agenzie coinvolte nell’applicazione.

Raccomandazione 3: Un impegno per la trasparenza in tutte le fasi del processo di asilo.

Raccomandazione 4: Assegnare il dovuto peso alle connessioni che i richiedenti asilo richiedono nel loro paese di insediamento preferito. I collegamenti potenziali includono famiglia estesa o altre connessioni personali, abilità linguistiche o una storia di studio o di viaggi estesi.

Raccomandazione 5: Una definizione più ampia della connessione familiare. Il regolamento dovrebbe essere modificato per consentire alle famiglie di muoversi insieme.

Raccomandazione 6: Creazione di un’applicazione e un processo di asilo unico europeo standardizzato in tutti gli Stati membri, in sostituzione del regolamento di Dublino. Il processo includerebbe uno standard paneuropeo per l’accesso ai servizi vitali, alla ricezione e all’integrazione e terrebbe debito conto delle preferenze del richiedente asilo sul luogo di insediamento. Se le condizioni sono soddisfatte, riteniamo che il governo britannico dovrebbe cercare di preservare i diritti e responsabilità esistenti nel quadro dell’asilo paneuropeo in seguito a qualsiasi uscita dall’Unione europea. Se non lo sono, raccomandiamo che il Regno Unito si ritiri dal regolamento di Dublino in caso di uscita dall’Unione europea, pur riformando il suo sistema di asilo per sancire i principi enunciati nella raccomandazione 1, 3, 4 e 5. In un simile caso il Regno Unito dovrebbe inoltre concedere l’asilo a tutti coloro attualmente residenti nel Regno Unito, che vogliono rimanere ma sono stati schedati con impronte digitali negli Stati membri dell’UE.

Ivan Krastev :”After Europe”

Ivan Krastev :”After Europe”

La democrazia come regime che favorisce l’emancipazione delle minoranze (sfilate gay, marcia delle donne, politiche d’azione affermative) viene soppiantata da un regime politico che rinforza i pregiudizi delle maggioranze. E la forza trainante della trasformazione è lo shock politico causato dal flusso di rifugiati e migranti.

Nella distopia demografica, i cittadini affrontano una scelta non meno rigida. Per garantire la loro prosperità, gli europei devono aprire le loro frontiere; ma tale apertura minaccia di annientare la loro distinzione culturale. In alternativa, gli europei potrebbero chiudere i loro confini, ma avrebbero bisogno di essere preparati ad un ripido declino del livello generale di vita e un futuro dove tutti dovranno lavorare fino a che la resistenza fisica non lo rende impossibile.

john McMurtry :”The Cancer State of Capitalism”

john McMurtry :”The Cancer State of Capitalism”

La crisi economica mondiale che si avverte alla fine del millennio non è inaspettata se si osservano i macro-indicatori. Ma come vedremo, le sequenze che dal denaro producono più denaro che guidano i circuiti cancerogeni non hanno alcun corpo di riferimento al di là di se stessi nel sistema di mercato globale che alloca e dispensa la ricchezza delle nazioni. Tutte le coordinate della fusione ambientale, sociale e economica globale sono in realtà connesse e la loro causa comune sta nella proliferazione delle sequenze mutanti di domanda di denaro il cui principio definitivo – come il paradigma economico dominante che li ospita – non è quello di servire, ma di nutrire l’organismo ospitante. Una chiara comprensione dell’eziologia, dei determinanti e degli effetti di questa malattia globale e le sequenze di vita sottostanti che le resistono, è richiesta per combatterlo. Il riconoscimento di una malattia è sempre la condizione necessaria per rispondere con successo, a livello sociale dell’organizzazione della vita non meno che a livello cellulare. Ma in questa fase le risorse dei sistemi immunitari sociali e dei beni comuni civili che li portano sono basi vitali di risposta efficace che non sono ancora state pienamente comprese o mobilitate.

Pietra Rivoli: “The Travels of a T-Shirt in the Global Economy”

Pietra Rivoli: “The Travels of a T-Shirt in the Global Economy”

In effetti, le manovre imprenditoriali sorprendentemente creative che sono state intraprese per affrontare il regime delle quote sono evidenti come qualunque cosa nel fiuto per gli affari dei manager cinesi. I manager che sono cresciuti imparando ad affrontare il regime irrazionale di Mao Tse-tung hanno un vantaggio, sembra, nel trattare la politica commerciale statunitense. L’Esquel Corporation, oggi il più grande produttore mondiale di magliette di cotone, ha iniziato a Hong Kong alla fine degli anni Settanta, ma, incapace di ottenere una quota per vendere negli Stati Uniti, ha spostato la produzione nella Cina continentale. Quando gli Stati Uniti hanno ristretto le quote della maglietta cinese nei primi anni ’80, Esquel ha spostato la produzione in Malesia. Quando anche la quota malese divenne difficile da ottenere, Esquel si trasferì ancora una volta, questa volta in Sri Lanka. Il globe-hopping è continuato, con spostamenti in Mauritius e Maldive. Altre imprese cinesi hanno fatto lo stesso gioco, spedendo pelliccie di capre mongole alle piccole isole che avevano una quota extra di maglioni in cashmere. Un problema di questo sistema è che i paesi con quote spesso non avevano alcuna esperienza e pochi lavoratori, per cui le imprese furono costrette a spedire lavoratori cinesi a Mauritius e manager cinesi in Cambogia. I cinesi continuavano a produrre gli abiti, anche se i tempi di viaggio e la complessità delle operazioni erano notevolmente aumentati. L’immagine delle corporazioni di globe-trotting spesso presentate da attivisti antiglobalizzazione così come dai produttori tessili a Washington demonizza le aziende per la loro scarsa fedeltà, e soprattutto per le loro mosse fugaci alle posizioni di produzione più economiche e meno costose. Mentre questa storia “da corsa verso il basso” è effettivamente calzante, è importante notare che il globe-hopping che osserviamo nelle industrie tessili e di abbigliamento è anche il risultato delle politiche che sono state originate dagli interessi tessili. E’ stata la politica tanto quanto i mercati che hanno alimentato la gara alla base, anche se la politica altera il corso della gara. Come riferisce il Financial Times, l’industria dell’abbigliamento ha globalizzato in risposta alle barriere commerciali piuttosto che in risposta ai mercati aperti.

Wolfgang Streeck : “Buying Time”

Wolfgang Streeck : “Buying Time”

La democrazia, secondo Hayek, sarà compatibile con la libertà (in particolare la libertà economica) solo quando l’attività del governo (specialmente nell’ambito della politica economica) sara’ strettamente vincolata da regole generali e non può mai essere “arbitraria”. Soprattutto, alla democrazia deve essere impedito di cedere alla costante tentazione di interferire per correggere i risultati dei mercati liberi; questo deve essere impedito da disposizioni costituzionali.
Più specificamente, Hayek propone di trasferire i poteri legislativi a una “assemblea legislativa” i cui membri sono eletti per quindici anni, per un solo mandato. Ogni cittadino potrebbe votare solo una volta nella vita, all’età di 45 anni, in modo che le persone nate in un determinato anno occupassero un quindicesimo dei seggi nell’assemblea.
I rappresentanti dei partiti politici e dei gruppi di interesse (funzionari sindacali!) Non dovrebbero essere autorizzati a candidarsi alle elezioni; l’indipendenza dei deputati dovrebbe essere rafforzata da disposizioni generose per la loro vecchiaia. I mezzi usati oggi per immunizzare l’economia capitalista contro le politiche di intervento democratico sono ovviamente diversi, sebbene la Commissione Europea e la gestione della Banca Centrale Europea siano ancora meno soggette ad elezione dell’assemblea proposta da Hayek.

[…]

In pratica, i governi che si sono impegnati in un “tetto del debito” sono costretti a trovare e utilizzare nuovi tipi di finanziamento anticipato che non appariranno nei loro bilanci, in particolare per i progetti di investimenti pubblici. Pertanto, negli Stati di consolidamento ci si può aspettare un ampio mercato per il partenariato pubblico-privato (PPP), in base al quale le imprese private al posto del governo assumono prestiti per progetti di edilizia pubblica che lo Stato o i suoi cittadini devono pagare come utenti per anni o decenni. Le prime esperienze con accordi di questo tipo danno motivo di temere che governi e parlamenti, specialmente a livello subnazionale, abbiano solo raramente la competenza per comprendere accordi di partnership di migliaia di pagine redatti da studi legali internazionali, o per cogliere i veri costi e rischi loro connessi. Consulenti e avvocati potrebbero trovare in questo ambito un lavoro redditizio che costerà caro all’autorità pubblica. Una buona introduzione all’argomento si può trovare nella voce di Wikipedia su “Public – private partnership”.

Wolfgang Streeck : “Buying Time”

Wolfgang Streeck : “Buying Time”

La deregolamentazione come programma per la crescita ha il considerevole vantaggio politico che nessuno può seriamente aspettarsi che faccia miracoli a breve termine – e che, se i miracoli non si verificano anche a lungo termine, si può sempre argomentare che, in modo tutt’altro che perfetto, non ne era stata applicata abbastanza. Nel frattempo, per calmare il paziente mentre viene somministrata la medicina amara, la democrazia deve essere sospesa il più possibile, ad esempio con l’installazione di “governi di esperti”.

[…]

La coalizione che vuole mantenere l’euro include naturalmente “i mercati”, nella misura in cui hanno investito in essa e vogliono essere sicuri che i loro prestiti denominati in euro saranno rimborsati per intero. Tuttavia, potrebbero anche fare soldi da un collasso della valuta comune, se dovessero adeguarsi nel tempo e, così facendo, accelerare l’eliminazione delle monete nazionali, a favore di una moneta comune, idealmente per l’intero mercato comune, come era nella logica della svolta neoliberista volta a liberare l’economia dall’invasione politica; è stato il vero coronamento del progetto del mercato unico. Un’economia politica stilizzata della coalizione pro-euro che fino ad oggi ha sceneggiato le politiche di crisi europee inizia con le industrie di esportazione dei paesi in eccedenza – soprattutto quelli della Germania, che in questo aspetto è in completo accordo con i sindacati che organizzano i loro lavoratori. Per loro, l’euro garantisce che le misure protettive dei governi stranieri non possano rendere i loro beni artificialmente più costosi in altri paesi europei. Un ulteriore motivo per cui difendono l’euro è che nell’attuale crisi i problemi economici dei paesi deficitari riducono il tasso di cambio dell’euro rispetto alle altre valute, migliorando così le opportunità di mercato per la sezione competitiva dell’industria europea al di fuori dell’Europa. In Germania, quindi, né la Democrazia Cristiana, il partito vicino all’industria, né il partito Socialdemocratico, che è vicino ai sindacati, mettono in dubbio la politica di aderire all’euro a qualsiasi prezzo, sia considerandolo come una pietra angolare dell’interesse nazionale che il più importante terreno comune della politica nazionale tedesca.