Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Ricordate, parlare di “libero scambio” va bene negli editoriali, ma nessuno in realtà lo pratica nella realtà: in ogni economia moderna, i contribuenti sono fatti per sovvenzionare le società private, che poi mantengono i profitti per se stesse. Ma il punto è che diversi paesi hanno diversi modi di organizzare tali sussidi. Quindi dai un’occhiata alle parti competitive dell’economia statunitense, le parti che hanno successo nel commercio internazionale: sono tutti sovvenzionati dallo stato. L’alta intensità di capitale nell’agricoltura è un caso ben noto: l’agricoltura ad alta intensità di capitale americana è in grado di competere a livello internazionale perché lo stato acquista i prodotti in eccesso e li accantona, e sovvenziona gli input energetici e così via. O guardate l’industria dell’alta tecnologia: la ricerca e lo sviluppo dell’alta tecnologia sono molto costosi e le aziende non ne traggono alcun profitto direttamente, quindi il contribuente è obbligato a pagarli. E negli Stati Uniti, questo è stato tradizionalmente fatto in gran parte attraverso il sistema del Pentagono: il Pentagono paga per la ricerca e lo sviluppo high-tech, quindi se ne viene fuori qualcosa che può essere venduto, viene consegnato alle società private in modo che possano ottenerne profitti. E la ricerca per lo più non verte sulle armi, per inciso, ma su cose come i computer, che sono il centro di qualsiasi economia industriale contemporanea, e sono stati sviluppati attraverso il sistema del Pentagono negli Stati Uniti. E lo stesso vale praticamente per tutta l’alta tecnologia, in pratica. E inoltre, c’è un altro sussidio importante: il Pentagono acquista anche l’output dell’industria ad alta tecnologia, serve come un mercato garantito dallo stato sulla produzione di rifiuti: ecco quali sono i contratti per il sistema di sviluppo delle armi; voglio dire, tu in realtà non usi le armi per le quali stai pagando, semplicemente le distruggi in un paio di anni e le sostituisci con la prossima serie di cose ancora più avanzate di cui non hai bisogno. Bene, tutto ciò è semplicemente perfetto per versare sussidi continui ai contribuenti nel settore dell’alta tecnologia, ed è a causa di questi enormi sussidi che l’alta tecnologia americana è competitiva a livello internazionale.

Andrew Yang : “The War on Normal People: The Truth About America’s Disappearing Jobs and Why Universal Basic Income Is Our Future (English Edition)”

Andrew Yang : “The War on Normal People: The Truth About America’s Disappearing Jobs and Why Universal   Basic Income Is Our Future (English Edition)”

Un’analisi del Roosevelt Institute sulla proposta di erogare ad ogni adulto $ 12.000 all’anno ha rilevato che l’adozione di questa misura farebbe crescere in modo permanente l’economia dal 12,56 al 13,10% – o circa 2,5 trilioni di dollari entro il 2025 – e aumenterebbe la manodopera da 4,5 a 4,7 milioni di persone. Mettere soldi nelle mani delle persone e tenerli lì sarebbe a impulso perpetuo e sostegno alla crescita dell’occupazione e all’economia. Il costo sarebbe di circa 1,3 trilioni di dollari aggiuntivi all’anno in cima ai programmi di welfare esistenti, la maggior parte dei quali verrebbero ripiegati nel piano, oltre ad aumentare gli imponibili entrate e risparmi sui costi. I conservatori si rallegrerebbero che il mosaico di 126 piani con incentivi perversi e le burocrazie ingombranti sparirebbero quasi completamente. Il costo di 1,3 trilioni di dollari sembra eccessivo. Per riferimento, il budget federale è di circa $ 4 trilioni e l’intera economia degli Stati Uniti circa $ 19 trilioni. Ma ci sono una miriade di modi per pagarlo. Il modo più ragionevole per pagarlo a mio avviso sarebbe con una tassa sul valore aggiunto (IVA) -un consumo tasse – che genererebbero reddito dalle persone e dalle imprese che beneficiano maggiormente della società. Ecco la sfida: abbiamo bisogno di estrarre più valore dall’automazione per pagare beni pubblici e supportare i lavoratori sfollati. Molte persone si arricchivano grazie alla manna della stampa di denaro, ma erano tra le classi sociali agiate, non quelle degli strati sociali più bassi. Lo abbiamo fatto perché credevamo nelle istituzioni molto più di quanto crediamo nella nostra gente. Con il Dividendo della Libertà, il denaro verrebbe messo nelle mani dei nostri cittadini in un momento di dislocazione economica senza precedenti. Servirebbe a far crescere l’economia dei consumi. È uno stimolo per le persone. La stragrande maggioranza dei soldi andrebbe direttamente nell’economia ogni mese, per pagare le bollette, dare da mangiare ai bambini, visitare i propri cari, fare sport giovanili, mangiare al ristorante locale, prendere lezioni di piano, come aiuto extra di tutorato, riparazioni auto, piccole imprese, miglioramenti abitativi, vitamine prenatali, cure agli anziani e così via. La maggior parte degli americani sono così a corto di soldi che la maggior parte del denaro verrebbe speso rapidamente a livello locale. Il governo deve adottare come sua principale missione la gestione della transizione economica che l’automazione porterà. Siamo molto indietro rispetto alla svolta e dobbiamo recuperare. Sono relativamente fiducioso che gli Stati Uniti supereranno questo ostacolo con una politica UBI come il Freedom Dividend nei prossimi anni. È semplice, è giusto, è equo, è facile da capire, ne beneficia almeno l’80% della popolazione e sarà necessario per mantenere saldo il tessuto della società durante l’ondata dell’automazione.

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Devi iniziare da dove è il problema. Ad esempio, non inizi dicendo: “Va bene, rovesciamo le corporazioni transnazionali”, perché in questo momento non è nel tuo raggio d’azione. Quindi cominci dicendo: “Guarda, ecco dov’è il problema, che cosa possiamo iniziare a fare? “Bene, puoi iniziare a fare cose che porteranno le persone a capire meglio ciò che è possibile fare, e quanto possono ottenere se sono coinvolte nell’attivismo politico. E una volta che hai individuato il raggio d’azione
istituisci solo organizzazioni, tutto qui. Lavori su cose su cui vale la pena lavorare. Se stanno prendendo il controllo della tua comunità, lavori su quello. Se stanno prendendo il controllo del tuo posto di lavoro, è quello l’obiettivo. Se si lavora sulla solidarietà, è quello. Se ci si sta prendendo cura dei senzatetto, è quello.

Andrew Yang : “The War on Normal People: The Truth About America’s Disappearing Jobs and Why Universal Basic Income Is Our Future (English Edition)”

Andrew Yang : “The   War on Normal People: The Truth About America’s Disappearing Jobs and Why Universal Basic Income Is Our Future   (English Edition)”

Il lavoro comprende tre cose: i mezzi attraverso i quali l’economia produce beni e servizi, i mezzi con cui le persone guadagnano reddito e un’attività che presta significato o scopo alla vita di molte persone. Dovremmo affrontarli uno alla volta, iniziando dal più semplice. In un futuro senza lavoro, le persone dovranno essere in grado di provvedere a loro stessi ed ai loro bisogni di base. Alla fine, il governo dovrà intervenire per prevenire la diffusione di squallore, disperazione e violenza. Quanto prima agirà il governo, tanto più alto sarà lo standard della nostra società.
Il primo grande cambiamento sarebbe quello di implementare un reddito base universale (UBI), che chiamerei il “Dividendo della libertà”.
Gli Stati Uniti dovrebbero fornire un reddito annuo di $ 12.000 per ogni americano di età compresa tra 18 e 64 anni, con l’importo indicizzato che aumenta con l’inflazione. Richiederebbe una sovranità costituzionale per modificare o emendare. Il Dividendo della libertà sostituirà la stragrande maggioranza dei programmi di welfare esistenti. Questo piano è stato proposto da Andy Stern, ex capo del più grande sindacato del paese, nel suo libro Raising the Floor. La linea di povertà è attualmente $ 11.770. Essenzialmente staremmo portando tutti gli americani alla soglia di povertà e alleviando la povertà. Il reddito base universale è una versione della sicurezza sociale in cui tutti i cittadini ricevono una quantità di denaro al mese indipendentemente dal loro stato di lavoro o reddito. Ognuno da un miliardario di hedge fund a New York a una mamma single impoverita in West Virginia riceverebbe un assegno mensile di $ 1.000. Se qualcuno lavora come cameriera o operaio edile che guadagna $ 18.000, lui o lei guadagnebbero effettivamente $ 30.000. UBI elimina il disincentivo a lavorare che la maggior parte delle persone trova preoccupante nei programmi di benessere tradizionali, se lavori potresti davvero iniziare a risparmiare e andare avanti. Con la crescente minaccia dell’automazione, il concetto ha guadagnato una rinnovata attenzione, avendo svolto prove sperimentali a Oakland, in Canada, in Finlandia, in India e in altre parti del mondo in via di sviluppo.

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

L’istituzione più totalitaria nella storia umana – o certamente vicina ad essa – è una società: è un’istituzione gestita a livello centrale in quale l’autorità è strutturata rigorosamente da cima a fondo, il controllo è nelle mani dei proprietari e degli investitori, se sei dentro l’organizzazione tu prendi ordini dall’alto e li trasmetti ai livelli più bassi, se ne sei fuori ci sono solo controlli popolari estremamente deboli, che in effetti si stanno rapidamente erodendo. E questa non è una mia nuova visione, per inciso; ad esempio, questo concetto è stato sottolineato da Thomas Jefferson nei suoi ultimi anni, nei quali la corporazioni stavano nascendo. Jefferson ha avvertito che se il potere fosse passato nelle mani di quelle che chiamava “istituzioni bancarie e incorporazioni fornite di denaro”, allora l’esperimento democratico sarebbe finito: avremmo avuto una forma di assolutismo peggiore di quella contro la quale i coloni avevano combattuto faticosamente. Il secondo tipo di pagamento del welfare sono le misure fiscali regressive, che sono solo un altro modo di mascherare finanziamenti ai ricchi. Ad esempio, se aumenti le detrazioni fiscali per le spese aziendali, diciamo, è l’esatto equivalente finanziario di dare un assegno di sussistenza. Voglio dire, supponiamo che ci sia una madre con sei figli e nessun lavoro, e lei riceve un assegno da cento dollari – okay, questo è welfare. Adesso supponiamo che io sia ricco, e ottenga un centinaio di dollari di sgravio fiscale perché ho un mutuo per la casa: è lo stesso pagamento del governo.
Intendo dire che uno di questi è una somma diretta di denaro e l’altro è nascosto
in misure di alleggerimento fiscale, ma da un punto di vista economico, sono
esattamente la stessa cosa – come, sarebbe stato esattamente uguale se  mi avessero dato i cento dollari e le avessero tolto cento dollari dalle tasse.
Bene, se diamo un’occhiata a tutto il welfare che va ai ricchi attraverso misure fiscali regressive come queste, è in quantità enorme. Prendete un abbuono di tasse per contributi di beneficenza: quasi tutto va ai ricchi, è un modo per ridurre le tasse, il che significa che è un sussidio, esattamente l’equivalente di un assegno del welfare. O prendete le detrazioni fiscali per i mutui sulla casa: circa l’80 per cento di quel welfare va a persone con redditi superiori a $ 50.000 all’anno e le detrazioni diventano sproporzionatamente maggiori quanto più alto è il tuo reddito, se hai una casa da un milione di dollari ottieni uno sgravio molto più grande di chi ha una casa da duecentomila dollari o qualcosa di simile. O semplicemente guardate
le detrazioni di imposte sul reddito per le spese aziendali: questo è un enorme
programma di welfare, e va tutto ai ricchi.

Andrew Yang : “The War on Normal People: The Truth About America’s Disappearing Jobs and Why Universal Basic Income Is Our Future (English Edition)”

Andrew Yang : “The War on Normal People: The Truth About America’s Disappearing Jobs and Why Universal Basic Income Is Our Future (English Edition)”

il tasso di disoccupazione non misura quello che probabilmente pensate misuri. A settembre 2017, il tasso di disoccupazione è solo del 4,2%, vicino al tasso più basso dalla crisi economica del 2008. Suona grandioso, e gli economisti parlano del caso molto ottimistico di “piena occupazione”, che è quando un’economia dispone di tanti posti di lavoro per le persone nella forza lavoro quanti essi ne richiedono. Il problema è che il tasso di disoccupazione è definito da quante persone nella forza lavoro sono alla ricerca di un lavoro ma non riescono a trovarlo. Non considera le persone che abbandonano la forza lavoro per qualsiasi motivo, inclusa la disabilità o semplicemente rinunciano a cercare di trovare un lavoro. Se ti scoraggi e smetti di cercare per qualsiasi motivo, non sarai più considerato “disoccupato”.
Il tasso di disoccupazione non prende in considerazione anche le persone che sono sottoccupate – cioè, se un laureato svolge un lavoro come barista o altro ruolo che non richiede una laurea.
L’economista conservatore Nick Eberstadt afferma che il tasso di disoccupazione “non è più una stima affidabile sui numeri o sulle proporzioni delle persone che non lavorano – o per quello che serve, per quelli che stanno lavorando”.
Il tasso di disoccupazione è come verificare come sta andando una festa sulla base di tutti quelli che sono alla festa. Non tiene conto delle persone che non sono mai state invitate alla festa o non hanno potuto entrare. Inoltre, non prende in considerazione le persone che si trovano nella stanza sbagliata alla festa e che non si stanno divertendo. La proporzione di americani che non sono più nella forza lavoro e hanno smesso di cercare lavoro è vecchia di decenni.
Attualmente c’è un record di 95 milioni di americani in età lavorativa, un 37 per cento di adulti, che sono fuori dalla forza lavoro. Nel 2000 erano solo 70 milioni.
Il cambiamento può essere spiegato in parte dai dati demografici: numeri più alti di studenti e pensionati, ma ci sono ancora 5 milioni di americani fuori dal mondo della forza lavoro che vorrebbero un lavoro in questo momento e che non sono considerati nel tasso di disoccupazione. Entrambi il tasso di partecipazione al lavoro storicamente basso e misure più ampie come il tasso “U-6” che include la sottoccupazione mostrano alti livelli di dislocazione e un mercato del lavoro meno sano, in particolare per i lavoratori più giovani. La Federal Reserve di New York ha recentemente misurato il tasso di sottoccupazione di neolaureati e ne ha stimati il 44 per cento. Il tasso di disoccupazione U-6 era dell’8,4% a maggio 2017, quasi il doppio del numero osservato in precedenza. Il tasso U-6 è una misurazione molto più attendibile ed è variato tra il 9 e il 16 percento per i passati 10 anni.
Il tasso di disoccupazione è un numero terribilmente ingannevole sul quale
dovremmo smettere di fare affidamento a meno che non sia accompagnato da una discussione su entrambi il tasso di sottoccupazione e il tasso di partecipazione della forza lavoro.

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

La violenza ambientale dei confini richiede regolamenti globali che limitino le attività che producono danni e incorporino i loro costi reali. Per rendere possibile ciò, dobbiamo ripensare all’idea che gli stati abbiano il diritto esclusivo di prendere decisioni ambientali nei loro territori. L’ambiente non rispetta i confini e nemmeno dovrebbero farlo gli sforzi degli umani per usare e proteggere la terra. La struttura e lo scopo delle Nazioni Unite rendono difficile raggiungere questo obiettivo attraverso l’infrastruttura istituzionale internazionale esistente. Tuttavia, è anche difficile immaginare come un accordo globale – che richiede almeno due parti – possa essere raggiunto senza la partecipazione di Stati e Nazioni Unite. Forse è necessario creare una nuova infrastruttura istituzionale dedicata all’ambiente che abbia la capacità di prevalere sulla sovranità dello stato su questioni che riguardano l’ambiente globale. Inoltre limiti rigorosi sull’estrazione e l’inquinamento delle risorse nocive, alcuni dei fondi raccolti con le tasse e le multe su queste pratiche dovrebbero essere utilizzati per riabilitare ambienti danneggiati dall’attività umana, in particolare quelli che sfidano il normale modello di responsabilità basato sullo stato. Ad esempio, l’inquinamento plastico galleggiante nell’Oceano Pacifico, spesso soprannominato The Great
Pacific Garbage Patch, è il risultato delle attività degli umani in tutte le aree che circondano l’Oceano Pacifico, come un enorme tsunami.
Tuttavia, i detriti si accumulano nel vortice del Pacifico, che è al di fuori della
giurisdizione di ogni stato sovrano. Grazie alla sua posizione remota, è causato da tutti ma nessuno ne ha la responsabilità. Futuri accordi ambientali globali dovranno affrontare questi problemi sovranazionali allineandoli al processo decisionale politico per quanto riguarda l’ambiente alla scala dei problemi ambientali. La violenza economica e ambientale delle risorse recintate si estende all’idea di proprietà privata. Proprio come l’idea di stato e nazione appare spesso naturale ed eterna, è difficile pensare al di fuori dello spazio limitato della proprietà. Tuttavia, i diritti dei detentori di proprietà di limitare il movimento sulle loro terre, il controllo esclusivo delle risorse e lo sfruttamento delle loro proprietà hanno conseguenze simili a quelle dell’idea di controllo statale sovrano sul territorio. Di conseguenza, un vero riorientamento progressivo della politica globale includerebbe anche cambiamenti alla nozione di proprietà privata. Certamente ci deve essere un ripensamento sul diritto dei proprietari di sfruttare le risorse sulla loro proprietà senza limiti. Ciò potrebbe significare che i diritti di proprietà non siano indefiniti ma tornino ai beni comuni dopo un periodo di tempo o la morte del proprietario.
Cambiando il modo in cui è regolamentato l’uso del territorio, l’uso e l’abuso
della terra può essere riformato.

Robert B. Westbrook : “John Dewey And American Democracy”

Robert B. Westbrook : “John Dewey And American Democracy”

Quando chiediamo “Chi governa il mondo?” adottiamo comunemente la convenzione standard secondo la quale gli attori negli affari mondiali sono gli stati, in primo luogo le grandi potenze, e noi consideriamo le loro decisioni e le relazioni tra loro. Non è sbagliato. Ma faremmo bene a tenere presente che questo livello di astrazione può anche essere molto fuorviante.
Naturalmente gli stati hanno strutture interne complesse e le scelte e le decisioni della leadership politica sono pesantemente influenzate dalle concentrazioni interne di potere, mentre la popolazione generale è spesso emarginata. Questo è vero anche per le società più democratiche, e ovviamente per le altre. Non possiamo ottenere una comprensione realistica di chi governa il mondo ignorando i “padroni dell’umanità”, come li definì Adam Smith: ai suoi tempi, i mercanti e i produttori dell’Inghilterra; ai nostri, conglomerati multinazionali, enormi istituzioni finanziarie, imperi al dettaglio e simili. Sempre seguendo Smith, è anche saggio prestare attenzione alla “vile maxim” a cui sono dedicati i “maestri dell’umanità”: “Tutto per noi stessi e niente per gli altri” – una dottrina altrimenti conosciuta come guerra di classe amara e incessante, spesso unilaterale, a grande discapito della gente del paese d’origine e del mondo.
Nell’ordine globale contemporaneo, le istituzioni dei maestri detengono un enorme potere, non solo nell’arena internazionale, ma anche nei loro stati d’origine, sui quali fanno affidamento per proteggere il loro potere e fornire un sostegno economico con un’ampia varietà di mezzi. Quando consideriamo il ruolo dei maestri dell’umanità, ci rivolgiamo a queste priorità politiche del momento come la partnership Trans-Pacifico, uno degli accordi sui diritti degli investitori definito con astuzia “accordi di libero scambio” nella propaganda e nei commenti. Sono negoziati in segreto, a parte le centinaia di legislatori e lobbisti aziendali che scrivono i dettagli cruciali. L’intenzione è di farli adottare in buon stile stalinista con procedure “fast track” progettate per bloccare la discussione e consentire la scelta di sì o no (quindi sì). I progettisti operano regolarmente abbastanza bene, non a caso. Le persone sono secondarie, con le conseguenze che si potrebbero anticipare.

L’Unione Europea (UE), uno degli sviluppi più promettenti del periodo post-Seconda Guerra Mondiale, è stata vacillante a causa del duro effetto delle politiche di austerità durante la recessione, condannata anche dagli economisti del Fondo Monetario Internazionale (se non gli attori politici del FMI). La democrazia è stata indebolita dal momento in cui le decisioni si sono spostate sulla burocrazia di Bruxelles, con le banche del nord che gettano la loro ombra sui loro procedimenti. I partiti mainstream hanno perso rapidamente membri a sinistra e a destra. Il direttore esecutivo del gruppo di ricerca di Parigi EuropaNova attribuisce il generale disincanto a “un sentimento di impotenza arrabbiata poiché il vero potere di plasmare gli eventi si è spostato dai leader politici nazionali [che, almeno in linea di principio, sono soggetti alla politica democratica] al mercato, le istituzioni dell’Unione Europea e le corporazioni”, in accordo con la dottrina neoliberale. Processi molto simili sono in corso negli Stati Uniti, per ragioni abbastanza simili, una questione di importanza e preoccupazione non solo per il paese ma, a causa del potere degli Stati Uniti, per il mondo.
La crescente opposizione all’assalto neoliberista mette in evidenza un altro aspetto cruciale della convenzione standard: mette da parte il pubblico, che spesso non accetta il ruolo riconosciuto di “spettatore” (piuttosto che “partecipante”) ad esso assegnato nella teoria liberaldemocratica.

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Per inciso, penso che ci sia un altro motivo per cui molte persone potenti si affannavano a far cadere Nixon in quel momento – e aveva a che fare con
qualcosa di molto più profondo della Lista dei Nemici e dell’Affare Watergate.
Sospetto che abbia a che fare con gli eventi dell’estate del 1971, quando l’amministrazione Nixon ha praticamente rotto l’accordo economico internazionale che era stato in vigore per i precedenti venticinque anni
[Cioè il cosiddetto sistema “Bretton Woods”, fondato nel 1944 alla
Conferenza monetaria e finanziaria delle Nazioni Unite a Bretton Woods, New
Hampshire]. Vedete, nel 1971 la guerra del Vietnam aveva già indebolito gravemente gli Stati Uniti economicamente rispetto ai suoi rivali industriali, e uno dei modi in cui l’amministrazione Nixon aveva reagito era stato semplicemente cancellare il sistema Bretton Woods, che era stato istituito per organizzare
l’economia mondiale dopo la seconda guerra mondiale. Il sistema Bretton Woods aveva fatto degli Stati Uniti il banchiere del mondo – in pratica, aveva stabilito il dollaro USA come valuta di riserva globale fissata all’oro, non aveva imposto condizioni sulle quote di importazione, e così via. E Nixon ha strappato tutto a brandelli: ha abolito il gold standard, ha fermato la convertibilità del dollaro, ha aumentato i dazi all’importazione. Nessun altro paese avrebbe avuto il potere di farlo, ma Nixon lo ha fatto, e questo gli ha creato molti nemici potenti, perché le multinazionali e le banche internazionali facevano affidamento su quel sistema e non piaceva loro che fosse distrutto. Quindi se guardiamo indietro, scopriremo che Nixon è stato attaccato anche dal Wall Street Journal in quell’occasione, e ho il sospetto che da quel momento in poi ci siano state molte persone potenti che volevano la sua testa.
Il Watergate ha soltanto offerto un’opportunità. In effetti, a questo riguardo io
penso che Nixon sia stato trattato in modo estremamente ingiusto. Voglio dire, sono stati commessi veri e propri crimini nell’amministrazione Nixon, ed egli avrebbe dovuto essere processato, ma non per quelli del business di Watergate. Prendete l’attentato in Cambogia, ad esempio: il bombardamento della Cambogia è stato infinitamente peggiore di qualsiasi cosa sia emersa nelle Udienze sul Watergate – questa cosa che chiamano il “bombardamento segreto” della Cambogia, che era “segreto” perché la stampa non parlava di quello che sapeva.
Gli Stati Uniti hanno ucciso forse duecentomila persone in Cambogia, hanno
devastato una società contadina. Il bombardamento della Cambogia non apparve nemmeno negli Articoli di Impeachment di Nixon. Quindi in termini di tutte le orribili atrocità che ha perpetrato il governo Nixon, il Watergate non vale nemmeno la pena di essere nominato. Era una banalità, Il Watergate è un chiaro esempio di cosa succede ai servi quando dimenticano il loro ruolo e perseguono le persone che comandano davvero: sono rimessi molto rapidamente nella loro scatola, e sostituiti da qualcun altro. Non si può  fare un esempio migliore di quello … ed è ancora più drammatico perché questo serve a dimostrare quanto sia libera e critica la nostra stampa.