Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Per inciso, penso che ci sia un altro motivo per cui molte persone potenti si affannavano a far cadere Nixon in quel momento – e aveva a che fare con
qualcosa di molto più profondo della Lista dei Nemici e dell’Affare Watergate.
Sospetto che abbia a che fare con gli eventi dell’estate del 1971, quando l’amministrazione Nixon ha praticamente rotto l’accordo economico internazionale che era stato in vigore per i precedenti venticinque anni
[Cioè il cosiddetto sistema “Bretton Woods”, fondato nel 1944 alla
Conferenza monetaria e finanziaria delle Nazioni Unite a Bretton Woods, New
Hampshire]. Vedete, nel 1971 la guerra del Vietnam aveva già indebolito gravemente gli Stati Uniti economicamente rispetto ai suoi rivali industriali, e uno dei modi in cui l’amministrazione Nixon aveva reagito era stato semplicemente cancellare il sistema Bretton Woods, che era stato istituito per organizzare
l’economia mondiale dopo la seconda guerra mondiale. Il sistema Bretton Woods aveva fatto degli Stati Uniti il banchiere del mondo – in pratica, aveva stabilito il dollaro USA come valuta di riserva globale fissata all’oro, non aveva imposto condizioni sulle quote di importazione, e così via. E Nixon ha strappato tutto a brandelli: ha abolito il gold standard, ha fermato la convertibilità del dollaro, ha aumentato i dazi all’importazione. Nessun altro paese avrebbe avuto il potere di farlo, ma Nixon lo ha fatto, e questo gli ha creato molti nemici potenti, perché le multinazionali e le banche internazionali facevano affidamento su quel sistema e non piaceva loro che fosse distrutto. Quindi se guardiamo indietro, scopriremo che Nixon è stato attaccato anche dal Wall Street Journal in quell’occasione, e ho il sospetto che da quel momento in poi ci siano state molte persone potenti che volevano la sua testa.
Il Watergate ha soltanto offerto un’opportunità. In effetti, a questo riguardo io
penso che Nixon sia stato trattato in modo estremamente ingiusto. Voglio dire, sono stati commessi veri e propri crimini nell’amministrazione Nixon, ed egli avrebbe dovuto essere processato, ma non per quelli del business di Watergate. Prendete l’attentato in Cambogia, ad esempio: il bombardamento della Cambogia è stato infinitamente peggiore di qualsiasi cosa sia emersa nelle Udienze sul Watergate – questa cosa che chiamano il “bombardamento segreto” della Cambogia, che era “segreto” perché la stampa non parlava di quello che sapeva.
Gli Stati Uniti hanno ucciso forse duecentomila persone in Cambogia, hanno
devastato una società contadina. Il bombardamento della Cambogia non apparve nemmeno negli Articoli di Impeachment di Nixon. Quindi in termini di tutte le orribili atrocità che ha perpetrato il governo Nixon, il Watergate non vale nemmeno la pena di essere nominato. Era una banalità, Il Watergate è un chiaro esempio di cosa succede ai servi quando dimenticano il loro ruolo e perseguono le persone che comandano davvero: sono rimessi molto rapidamente nella loro scatola, e sostituiti da qualcun altro. Non si può  fare un esempio migliore di quello … ed è ancora più drammatico perché questo serve a dimostrare quanto sia libera e critica la nostra stampa.

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Rifiutarsi di rispettare queste recinzioni e le restrizioni di movimento è un atto politico che può palesare la violenza dei confini e la disuguaglianza del regime di frontiera globale. Per gran parte del ventesimo secolo, i confini e la sovranità dello stato erano depoliticizzati nel senso che questi non erano in discussione. Era scontato che gli umani vivessero in stati, quegli stati contenevano nazioni, e quelle nazioni dovevano essere le unità politiche fondamentali nel mondo. Questa idea ha guidato il trattato di Versailles alla fine della prima guerra mondiale ed è il fondamento del mondo post-seconda guerra mondiale organizzato attraverso le Nazioni Unite. I movimenti di migranti sono tattiche che ripoliticizzano i concetti di stati, confini e nazioni. Questa ripoliticizzazione non significa necessariamente
che questi concetti siano rifiutati; essa potrebbe causare un ulteriore irrigidimento
dei confini e sistemi più estremi di cattura e controllo dei migranti, come attestano
le risposte xenofobe in molti paesi. Tuttavia, le migliaia di morti alle frontiere e il trattamento insensibile e disumano dei migranti costituiscono un motivo per mettere in discussione la logica sottostante del sistema statale che si basa sull’esclusione violenta alle frontiere. Nonostante le morti alle frontiere e la violenza dello stato, milioni di persone continuano a muoversi.
Le decisioni di questi migranti sono ciò che Simon Springer definisce una
“rivoluzione del quotidiano” in cui gli individui diventano “ribelli”  rifiutando le strutture esistenti del dominio e camminando a modo proprio. Rifiutandosi di rispettare un muro, una mappa, una linea di proprietà, un confine, un documento di identità, o un regime legale, le persone in movimento hanno sconvolto gli
schemi di esclusione, controllo e violenza degli stati. Lo fanno semplicemente spostandosi.

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

I ricchi sono in grado di muoversi liberamente in tutto il mondo per gestire le reti di trading a lunga distanza e per spendere il loro denaro in beni di consumo e servizi attraverso il turismo. Il conflitto che riguarda il movimento è in realtà tra ciò che i governanti e gli stati categorizzano come “buoni” e “cattivi” movimenti, tra movimenti benigni, regolati, osservati, permessi e tassati e movimenti che sono minacciosi, illeciti, invisibili, non approvati e non sottoposti a tassazione. Il conflitto fondamentale della modernità sta permettendo movimenti “buoni” evitando movimenti “cattivi”. I residenti dei ricchi percepiscono di essere più liberi di muoversi rispetto al passato, ma la realtà per la maggior parte delle persone nel mondo rispecchia restrizioni di movimento delle epoche precedenti. La coercizione esplicita della schiavitù sanzionata dallo stato è in gran parte del passato, ma i poveri sono ancora contenuti nei paesi in via di sviluppo e costretti, per mancanza di altre opzioni, a lavorare per salari molto bassi per fare prodotti a beneficio dei ricchi. Proprio come un servo o uno schiavo non poteva trasferirsi in un’altra piantagione per offrire il suo lavoro, i lavoratori oggi sono contenuti da confini e quindi i salari sono soppressi artificialmente. Dai primi stati fino al diciannovesimo secolo, il lavoro è stato confinato all’interno degli stati attraverso la schiavitù e servitù. Dopo una breve era di movimento relativamente libero per i poveri, oggi il lavoro è catturato tra gli stati attraverso il regime del confine globale dei documenti di identità, pattuglie di confine, muri e violenza.

Said Saddiki : “World of Walls: The Structure, Roles and Effectiveness of Separation Barriers (English Edition)”

Said Saddiki : “World of Walls: The Structure, Roles and Effectiveness of Separation Barriers (English Edition)”

Le attuali barriere di confine possono essere ordinate geograficamente. L’Asia,
come continente più recintato, contiene almeno venti barriere di confine:
India-Pakistan; India-Bangladesh; India-Birmania; Pakistan-Afghanistan;
Myanmar-Bangladesh; Iran-Pakistan; Iran-Afghanistan; Kazakhstan-Uzbekistan; Cina-Corea del Nord; Malesia-Thailandia; Uzbekistan e Afghanistan; Turkmenistan-Uzbekistan; Uzbekistan-Kirghizistan; Malesia-Brunei orientale (Limbang); Corea del Sud-Corea del Nord. Nel middle East, Israele ha recintato il suo intero confine di fatto con i palestinesi e i paesi arabi adiacenti alla Palestina. Nel Golfo, a causa di motivi di sicurezza e immigrazione, la maggior parte dei paesi della regione,in particolare l’Arabia Saudita, hanno cercato di fortificare i propri confini: Israele-Cisgiordania; Israele-Striscia di Gaza; Israele-Egitto; Israele-Giordania; Israele-Libano; Israele-Siria; Turchia-Siria, Egitto-Striscia di Gaza; Arabia Saudita-Yemen; Arabia Saudita-Iraq; Arabia Saudita-Oman; Arabia Saudita-Qatar; Arabia Saudita-Emirati Arabi Uniti; Emirati Arabi Uniti-Oman; Giordania-Iraq; Kuwait e Iraq.
In Africa, ci sono più di otto barriere di confine: il muro del Marocco nel Sahara occidentale; Spagna-Marocco (Ceuta); Spagna-Marocco (Melilla); Sud
Africa-Mozambico; Sud Africa-Zimbabwe; Zimbabwe-Zambia, Botswana-Zimbabwe; Mozambico-Zambia. L’Europa, a causa dell’avanzato processo di integrazione regionale, non ha assistito a una crescita dei muri di confine dopo la fine della Guerra Fredda. Invece, i muri in Europa sono stati smantellati (ad esempio, il muro di Berlino e il muro di Belfast). Oggi, ci sono solo alcune barriere fisiche ai confini in Europa: Grecia-Cipro turca; Russia (Abkhazia)-Georgia; Gibilterra-Spagna; Ungheria-Serbia; Ungheria-Croazia, sebbene alcune siano state costruite negli ultimi tempi in risposta alla “crisi” dei rifugiati. In Nord America, a causa di flussi di immigrazione irregolari, gli Stati Uniti hanno recintato i confini con il Messico e il Canada. L’America Latina è quasi priva di barriere fisiche ai confini tranne quelle costruite dagli Stati Uniti tra Guantanamo e Cuba.
La crescita delle barriere alle frontiere in tutto il mondo ha creato una grande attività commerciale sulla sicurezza. Le aziende private rappresentano la maggior parte di questo mercato in crescita. Le principali compagnie di armamento e difesa sono al centro del mercato della sicurezza delle frontiere, ma anche imprese specializzate nelle comunicazioni, nella sorveglianza, nella tecnologia dell’informazione o nella biometria assumono una parte significativa in questo nuovo mercato multimiliardario. Le compagnie israeliane sono le più famose in questa zona. Dal 2002, le esportazioni di tecnologia israeliana nei servizi di sicurezza alle frontiere sono aumentati del 22% ogni anno, e ci sono circa 450 compagnie israeliane specializzate nella protezione del territorio.
Le grandi aziende internazionali che fanno la parte del leone in questo mercato
includono Boeing (multinazionale americana aerospaziale e società di difesa),
Elbit Systems (produttori e integratori israeliani di dispositivi elettronici per la difesa), Magal Security Systems (compagnia israeliana che opera in più di 75
paesi in tutto il mondo), Amper (gruppo multinazionale spagnolo), Indra Sistemas
(Società spagnola di tecnologia dell’informazione e difesa) e gruppo EADS
(European Aeronautic Defence and Space Company).

Said Saddiki : “World of Walls: The Structure, Roles and Effectiveness of Separation Barriers (English Edition)”

Said Saddiki : “World of Walls: The Structure, Roles and Effectiveness of Separation Barriers (English Edition)”

La crescita dei muri ha preso strade diverse nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale. Furono costruiti solo diciannove muri e barriere tra il 1945 e il 1991, e furono aggiunte sette mura tra il 1991 e il 2001  ai tredici stati sopravvissuti alla guerra fredda. L’erezione dei muri di confine si è fermata brevemente dopo la Guerra Fredda, ma il periodo post 11 settembre ha visto il
ritorno del muro come oggetto e strumento politico. Ventotto muri sono stati eretti o pianificati nel periodo successivo al 9/11.

Harsha Walia, Andrea Smith : “Undoing Border Imperialism (Anarchist Interventions Book 6)

Harsha Walia, Andrea Smith : “Undoing Border Imperialism (Anarchist Interventions Book 6)

Negli ultimi anni, le organizzazioni indigene dell’Australia hanno rilasciato “Passaporti originali” ai richiedenti asilo che sono stati detenuti o privati dello status legale dal governo australiano. Più recentemente, nel maggio 2012, sono stati rilasciati passaporti a due Tamil detenuti richiedenti asilo. Durante la cerimonia, Ray Jackson della Indigenous Social Justice Association ha dichiarato: “Il governo australiano deve smettere di imprigionare gli indigeni, e deve smettere di imprigionare i richiedenti asilo. Sono orgoglioso di accogliere le persone bisognose nella nostra comunità”. L’Anziano indigeno Robbie Thorpe ha commentato: “Il governo australiano non ha il diritto legittimo di concedere o rifiutare l’ingresso a chiunque in questo paese, figuriamoci bloccare gente che fugge dalla guerra e dalle persecuzioni. “Questi momenti di solidarietà tra indigeni e migranti rappresentano non solo reti in crescita di comprensione e alleanza tra comunità emarginate, ma anche una sfida fondamentale all’autorità dei governi colonizzatori e coloniali ed alla sovranità dello stato occidentale. I Governi e gli stati occidentali sono costituiti da molteplici modalità, tra cui il primato del confine che delinea e riproduce il controllo territoriale, politico, economico, culturale e sociale. Come scrivono gli attivisti Alessandra Moctezuma e Mike Davis, “Tutti i confini sono atti di violenza di stato inscritti nel paesaggio”.
Costantemente ridefiniti, i confini rappresentano un regime di pratiche,
istituzioni, discorsi e sistemi che definisco come imperialismo di frontiera”.

Harsha Walia, Andrea Smith : “Undoing Border Imperialism (Anarchist Interventions Book 6)

Harsha Walia, Andrea Smith : “Undoing Border Imperialism (Anarchist Interventions Book 6)

Gli effetti del colonialismo e del capitalismo occidentali hanno creato economie politiche che costringono le persone a muoversi, eppure l’Occidente nega colpevolezza e responsabilità per i migranti sfollati. Liz Fekete dell’Institute of Race Relations riassume l’argomento contro i confini che normalizzano il protezionismo in Occidente: “Questo non è un mondo separato. La globalizzazione non è un mondo separato. Sto usando parole come “Primo mondo” [e] ‘Terzo Mondo’ per semplicità in questa discussione, ma sono una bugia: c’è un mondo e c’è un solo sistema economico. E quel sistema economico è dominato da Europa, Stati Uniti e Giappone. Questo sistema economico sta creando questi enormi spostamenti di persone, furibondo attraverso il mondo”. L’imperialismo di confine, segnato da spostamenti forzati e migrazioni precarie dalle periferie rurali a nuclei urbani e all’interno e attraverso i confini statali, è inestricabilmente legato alla circolazione globale di capitale e ai dettami imperiali occidentali, anche se l’Occidente si isola da questi corpi.

Harsha Walia, Andrea Smith : “Undoing Border Imperialism (Anarchist Interventions Book 6)

Harsha Walia, Andrea Smith : “Undoing Border Imperialism (Anarchist Interventions Book 6)

Le farfalle hanno sempre avuto le ali; le persone hanno sempre avuto le gambe.
Mentre la storia è segnata dall’ibridazione delle società umane e dal desiderio
di spostarsi, la realtà della maggior parte delle migrazioni oggi rivela l’ineguale
relazione tra ricchi e poveri, tra Nord e Sud, tra bianchi e popoli di diverso colore.

Noam Chomsky : “How the World Works (English Edition)”

Noam Chomsky : “How the World Works (English Edition)”

In realtà, i tassi di crescita sono rallentati molto; nei passati venti anni, sono stati circa la metà di quello che erano nei precedenti venti anni. Probabilmente questa tendenza verso una crescita inferiore continuerà.
Una causa è l’enorme aumento della quantità di capitale speculativo non regolamentato.  Le cifre sono davvero sorprendenti. John Eatwell, uno dei principali specialisti in finanza presso l’Università di Cambridge, stima che nel 1970 circa il 90% del capitale internazionale era utilizzato per il commercio e
l’investimento a lungo termine – cose più o meno produttive – e il 10% per la speculazione. Nel 1990, queste cifre si erano invertite: il 90% per la speculazione e il 10% per gli scambi e gli investimenti a lungo termine. Non solo c’è stato un radicale cambiamento nella natura del capitale finanziario non regolamentato, ma la sua quantità è cresciuta enormemente. Secondo una recente stima della Banca Mondiale, 14 miliardi di dollari si stanno muovendo ora in tutto il mondo, ogni giorno si muove circa 1 trilione di dollari.  Questa enorme quantità di capitale per lo più speculativo crea pressioni per politiche deflazionistiche, perché il capitale speculativo vuole bassa crescita e bassa inflazione. Esso sta portando gran parte del mondo ad un equilibrio a bassa crescita e basso salario. Questo è un tremendo attacco contro gli sforzi del governo per stimolare l’economia. Anche nelle società più ricche, è molto difficile; nelle società più povere, è senza speranza.

Harsha Walia, Andrea Smith : “Undoing Border Imperialism (Anarchist Interventions Book 6)

Harsha Walia, Andrea Smith : “Undoing Border Imperialism (Anarchist Interventions Book 6)

Una delle contraddizioni dell’imperialismo e del capitalismo di confine è che mentre siamo sempre più dipendenti da processi di produzione complessi per i nostri vestiti e cibo di base, siamo sempre più isolati l’uno dall’altro. Ognuno di noi svolge un ruolo così atomizzato nell’economia globale come ingranaggi in una ruota – che i nostri rapporti sociali arrivano ad imitare tale atomizzazione. Questo isolamento psicologico e sociale, in primo luogo, incoraggia la nostra dipendenza dalla cultura del consumatore, che a sua volta alimenta la produzione capitalista senza fine e, in secondo luogo, perpetua le nostre paure gli uni degli altri, il che
giustifica la sorveglianza dello stato in continua espansione e la criminalizzazione all’interno dell’imperialismo di confine.