Ci sono due modi comuni per creare denaro senza creare valore. Uno è generare debiti. L’altro e’ alzare il valore degli “asset”. Il sistema finanziario globale è abile nell’utilizzo di entrambi questi dispositivi per creare denaro sganciato dalla creazione di valore.

Il problema è che lavorano all’interno di un sistema predatorio che richiede di non chiedere:” Qual è la cosa giusta da fare? “Ma piuttosto:” Qual è la cosa più immediatamente redditizia da fare? “Questo crea un terribile dilemma ai manager con una vera e propria visione sociale del ruolo dell’ azienda nella società, devono accettare compromessi o rischiare di essere espulsi dal sistema. La Stride Rite Corporation, una società di calzature, fornisce un esempio. Oltre ai suoi generosi contributi alle cause caritative, È diventata nota per la sua politica di individuare le strutture di distribuzione in alcune delle zone più depresse delle città e delle comunità rurali in America, per rivitalizzarle e fornire posti di lavoro sicuri e pagati per le minoranze. La politica era un forte impegno personale di Arnold Hiatt, Direttore capo esecutivo di Stride Rite, che credeva che le imprese possano e debbano contribuire maggiormente alla vita della comunità, piuttosto che generare profitti per i propri azionisti. Come amministratore delegato, Hiatt fu in grado di mantenere il suo consiglio di amministrazione in linea con questa politica fino al 1984. In quell’anno, un calo del 68 per cento del reddito, la prima caduta in tredici anni, ha convinto i dirigenti della società che la sopravvivenza dell’azienda dipendeva dallo spostamento della produzione all’estero. Erano preoccupati, tra l’altro, che se non avessero fatto questa mossa, la società sarebbe diventata un obiettivo da acquisire. Hiatt ha combattuto il consiglio di amministrazione su questa politica per tutto il tempo che ha potuto e alla fine ha ceduto. Secondo Myles Slosberg, un direttore e ex vice presidente esecutivo di Stride Rite, il perseguimento di mano d’opera a basso costo è diventato un sacro graal per la società.

Le forze sistemiche su Stride Rite erano enormi. I suoi lavoratori statunitensi percepivano una media di $ 1.200-1.400 al mese di salario, oltre ai benefici accessori. I lavoratori specializzati in Cina ora assunti dai contraenti per produrre i pattini di Stride Rite guadagnano da $ 100 a $ 150 al mese, lavorando cinquanta – sessanta ore alla settimana.
Oltre a spostare le proprie fabbriche all’estero, Stride Rite ha spostato il suo centro di distribuzione nazionale negli Stati Uniti dal Massachusetts a Louisville, Kentucky, per approfittare della manodopera americana a basso costo e un’offerta di abolizioni fiscali dello Stato valutate 24 milioni di dollari nell’arco di dieci anni. Le vendite di Stride Rite sono raddoppiate e il prezzo delle azioni è aumentato di sei volte, rendendolo un favorito sulla borsa di New York, tra gli investitori socialmente coscienti, colpiti dal suo record di corporate giving. Secondo Ervin Shames, l’attuale presidente di Stride Rite, “creare posti di lavoro in luoghi in cui non ha senso economico è una diluizione di ricchezza aziendale e comunitaria. L’esperienza di Stride Rite rappresenta un esempio raffinato del funzionamento inesorabile di un’economia mondiale predatoria e delle distorsioni di una logica autogiustificante che ignora la distinzione tra ricchezza aziendale e ricchezza comunitaria. Con l’offerta della parte di Stride Rite dell’onere fiscale pubblico e degli spostamenti di posti di lavoro da lavoratori ben pagati a mano d’opera a scarsa retribuzione, le azioni della gestione di Stride Rite hanno portato ad una massiccia redistribuzione di ricchezza da coloro che producono ricchezza reale agli investitori passivi. Con le regole del sistema, la gestione di Stride Rite non aveva alcuna scelta reale. Se Hiatt, come amministratore delegato di Stride Rite, avesse prevalso, bloccato alle sue convinzioni e rifiutato di spostare la produzione all’estero, un gruppo di banchieri d’investimento avrebbe certamente acquisito l’azienda attraverso un acquisto ostile, licenziato la gestione socialmente interessata di Stride Rite, e spostato la produzione all’estero con conseguenze ancora peggiori per i lavoratori e la comunità.

Prendi un’industria internazionale davvero grande come quella delle automobili, in cui i prodotti sono complicati e abbastanza costosi. Scrivi tutti i nomi dei produttori (ci sono più di 20 grandi aziende di automobili) lungo i quattro lati di un quadrato. Ora disegna linee che collegano i produttori che hanno joint venture o alleanze tra loro, sia nella progettazione che nella ricerca, nei componenti, nell’assemblaggio completo, nella distribuzione o nel marketing, per un prodotto o più, ovunque nel mondo. Presto il disegno diventa un groviglio incomprensibile; quasi tutti sembrano essere alleati con tutti gli altri. E l’industria automobilistica non è un’eccezione. È lo stesso per l’hardware, il software per computer, il settore aerospaziale, i medicinali, le telecomunicazioni, la difesa e molti altri.

I giganti aziendali del mondo stanno creando un sistema di concorrenza gestita attraverso la quale limitano attivamente la concorrenza tra di loro, incoraggiando una concorrenza intensa tra le piccole imprese e realtà locali che costituiscono la loro periferia. Il processo costringe la periferia ad assorbire la maggior parte dei costi del “valore aggiunto” in modo che il nucleo possa produrre maggiori profitti per il proprio maestro insaziabile, il sistema finanziario globale.

I modelli sottostanti della trasformazione istituzionale fatta dalla globalizzazione economica spostano costantemente il potere dalle persone e dalle comunità per concentrarlo in mega-corporazioni che hanno spostato i confini della responsabilità umana e l’hanno sganciata dall’interesse del genere umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam