David Kotz :”The Rise And Fall of Neoliberal Capitalism”

David Kotz :”The Rise And Fall of Neoliberal Capitalism”

La teoria economica neoliberale afferma che in un mercato libero ogni partecipante riceve un livello di reddito che riflette il contributo economico dell’individuo alla soddisfazione dei desideri dei consumatori, fornendo lavoro o capitale alla produzione. Mentre la teoria neoliberale non fornisce alcuna predizione specifica circa la tendenza della disuguaglianza economica in un sistema di libero mercato, ogni incremento di disuguaglianza che potrebbe emergere si suppone semplicemente che rifletta le diseguaglianze nel contributo economico e quindi sarebbe giustificato. Inoltre il sistema di incentivazione del mercato libero, comprensivo delle basse tasse per le imprese ed i ricchi, abbondanti profitti aziendali e redditi delle famiglie già ricche, avrebbe infine portato beneficio a quelli a metà e in basso nella scala sociale attraverso una crescita più rapida in output, produttività e posti di lavoro. La quota media della torta per persona potrebbe diminuire, ma la crescita più veloce di tutta la torta significherebbe che il reddito di tutti aumenterebbe più velocemente. Cioè, alcuni dei benefici ai ricchi sarebbero “traboccati” verso il resto della popolazione. Infine, la teoria economica neoliberista ritiene che un’economia capitalista, compreso il suo settore finanziario, sia intrinsecamente stabile. L’eliminazione dei tentativi keynesiani malaccorti per stabilizzare la macroeconomia non dovrebbe causare alcun problema, data la presunta stabilità naturale del libero mercato.

David Kotz :”The Rise And Fall of Neoliberal Capitalism”

David Kotz :”The Rise And Fall of Neoliberal Capitalism”

Le idee e le istituzioni del capitalismo regolamentato:
1. La dominanza delle idee e delle teorie keynesiane
2. L’economia globale: il sistema Bretton Woods, con i tassi di cambio fissi, un dollaro americano in oro come valuta mondiale e un’economia mondiale moderatamente aperta Con le tariffe e alcuni ostacoli al libero movimento del capitale
3. Il ruolo del governo nell’economia
a) politica fiscale e politica monetaria keynesiana con un basso tasso di disoccupazione e un tasso di inflazione accettabile
b) regolazione del governo delle industrie di base
c) Il settore finanziario d) la regolamentazione sociale: la sicurezza ambientale, la sicurezza e la salute sul lavoro e la sicurezza dei prodotti di consumo
e) forti esecuzioni antifrode
f) un elevato livello di prestazione di beni e servizi pubblici tra cui infrastrutture e istruzione
g) stato di welfare
4. Relazione Capitale-Lavoro
a) Un ruolo importante per la contrattazione collettiva tra società e sindacati.
b) Grande percentuale di posti di lavoro stabili e di lunga durata.
5. Il Settore delle Corporations
a) concorrenza co-competente
b) dirigenti aziendali promossi all’interno della società
c) principi burocratici disciplinano le relazioni all’interno delle società
d) le istituzioni finanziarie forniscono principalmente finanziamenti per le imprese non finanziarie e le famiglie.

David Kotz :”The Rise And Fall of Neoliberal Capitalism”

David Kotz :”The Rise And Fall of Neoliberal Capitalism”

Benché non tutti gli importanti cambiamenti istituzionali dell’era neoliberale implicassero direttamente il ruolo del governo nell’economia, quest’ultimo rappresentava una parte importante della ristrutturazione neoliberale che è iniziata alla fine degli anni ’70. Negli Stati Uniti una serie di cambiamenti nel ruolo dello Stato hanno trasformato la relazione tra stato e economia. Tra i più importanti ci sono i seguenti:

1) la rinuncia alla politica di gestione della domanda governata dai Keynesiani;

2) La deregolamentazione delle industrie di base;

3) La deregolamentazione del Settore finanziario;

4) L’indebolimento della sicurezza ambientale, dei prodotti di consumo e della sicurezza del lavoro;

5) La riduzione dell’applicazione delle leggi antifrode;

6) La privatizzazione o contrattazione di funzioni pubbliche;

7) L’eliminazione o riduzione dei programmi di welfare; E

8) L’attuazione di tagli fiscali per le imprese e le famiglie ricche.

Martin Ford :”The Lights in the Tunnel”

Martin Ford :”The Lights in the Tunnel”

Mentre non è concettualmente difficile prevedere come il governo possa recuperare pagamenti persi attraverso imposte speciali, è molto più difficile progettare un modo efficace per dirigere tali redditi ai consumatori in assenza di posti di lavoro. Infatti, gli incentivi relativi ai posti di lavoro offrono molti vantaggi oltre i redditi, sia per gli individui che per la società nel suo complesso: i posti di lavoro costituiscono un’occupazione utile per il nostro tempo. Essi forniscono agli individui uno scopo, e si traducono in una società più ordinata e civile. I lavori offrono speranza per l’avanzamento sociale. Anche i lavoratori negli impieghi più bassi possono sperare che verranno loro offerte migliori opportunità. La presenza di questa speranza per il futuro è una componente importante della stabilità, sia per lo stato emotivo di un individuo che per la società in generale. La convinzione della possibilità di un futuro migliore è anche un fattore importante del consumo attuale. I lavori motivano le persone a investire in istruzione, formazione e altre forme di miglioramento di sé. L’incentivo primario di un investimento di questo tipo può essere la promessa di una carriera migliore, ma sia l’individuo che la società nel suo insieme ne derivano molti vantaggi ausiliari. Chiaramente, se vogliamo trovare un meccanismo di reddito alternativo, è essenziale che questi incentivi siano in qualche modo preservati. La mancanza di questi incentivi è un problema primario dei programmi di welfare esistenti. Il welfare, come è attuato attualmente, fornisce pochi incentivi per il miglioramento di sé e poca speranza per il futuro. Tende a produrre una sottoclasse permanente e certamente non crea il tipo di consumatori vitali dei quali abbiamo bisogno per alimentare l’economia del futuro.

Mentre l’automazione avanza, i restanti lavori tradizionali sono probabilmente quelli che richiedono attributi unici umani. In futuro, continueremo a richiedere lavoratori sociali, attivisti della comunità, operatori sanitari e persone specializzate nel lavoro con l’infanzia. Sottolineando l’istruzione, probabilmente creeremo molti posti di lavoro tradizionali per gli insegnanti a tutti i livelli. È importante notare che il nostro nuovo modello economico non impedirà in alcun modo a individui che desiderano lavorare e possono trovare posti di lavoro di farlo e guadagnare ulteriori redditi. Riconosciamo semplicemente che non ci saranno abbastanza di questi posti per tutti e che non forniranno da soli un livello di reddito adeguato per la popolazione. I redditi guadagnati dai posti di lavoro tradizionali dovrebbero in generale essere in aggiunta e indipendenti dal reddito incentivato dal governo. Ciò garantisce che esista un incentivo sufficiente per attirare i lavoratori in settori dove il lavoro tradizionale è ancora necessario.

John Holloway :”Change the World Without Taking Power”

John Holloway :”Change the World Without Taking Power”

Il denaro è un processo di monetizzazione perché è impossibile separare la costituzione del denaro come forma di relazioni sociali dalla sua esistenza: l’esistenza del denaro è il processo della sua costituzione, una lotta impetuosa. Non vi è alcuna tregua, non c’è momento in cui il denaro può riposarsi sui suoi allori e dire a se stesso “ora che le relazioni monetarie sono state stabilite, esisto e continuerò ad esistere finché il capitalismo non viene abolito”. È così che sembra essere, ma l’apparenza è la negazione degli sforzi e delle azioni compiute in tal senso. Il capitalista che vediamo sedersi comodamente davanti ad un pranzo sontuoso è un capitalista solo perché è in quel momento è coinvolto in una lotta violenta per trarne vantaggio.