Wolfgang Streeck : “Buying Time”

Wolfgang Streeck : “Buying Time”

La deregolamentazione come programma per la crescita ha il considerevole vantaggio politico che nessuno può seriamente aspettarsi che faccia miracoli a breve termine – e che, se i miracoli non si verificano anche a lungo termine, si può sempre argomentare che, in modo tutt’altro che perfetto, non ne era stata applicata abbastanza. Nel frattempo, per calmare il paziente mentre viene somministrata la medicina amara, la democrazia deve essere sospesa il più possibile, ad esempio con l’installazione di “governi di esperti”.

[…]

La coalizione che vuole mantenere l’euro include naturalmente “i mercati”, nella misura in cui hanno investito in essa e vogliono essere sicuri che i loro prestiti denominati in euro saranno rimborsati per intero. Tuttavia, potrebbero anche fare soldi da un collasso della valuta comune, se dovessero adeguarsi nel tempo e, così facendo, accelerare l’eliminazione delle monete nazionali, a favore di una moneta comune, idealmente per l’intero mercato comune, come era nella logica della svolta neoliberista volta a liberare l’economia dall’invasione politica; è stato il vero coronamento del progetto del mercato unico. Un’economia politica stilizzata della coalizione pro-euro che fino ad oggi ha sceneggiato le politiche di crisi europee inizia con le industrie di esportazione dei paesi in eccedenza – soprattutto quelli della Germania, che in questo aspetto è in completo accordo con i sindacati che organizzano i loro lavoratori. Per loro, l’euro garantisce che le misure protettive dei governi stranieri non possano rendere i loro beni artificialmente più costosi in altri paesi europei. Un ulteriore motivo per cui difendono l’euro è che nell’attuale crisi i problemi economici dei paesi deficitari riducono il tasso di cambio dell’euro rispetto alle altre valute, migliorando così le opportunità di mercato per la sezione competitiva dell’industria europea al di fuori dell’Europa. In Germania, quindi, né la Democrazia Cristiana, il partito vicino all’industria, né il partito Socialdemocratico, che è vicino ai sindacati, mettono in dubbio la politica di aderire all’euro a qualsiasi prezzo, sia considerandolo come una pietra angolare dell’interesse nazionale che il più importante terreno comune della politica nazionale tedesca.

Stephen Hawking: “The fifth lie of rentier capitalism”

Stephen Hawking: “The fifth lie of rentier capitalism”

“Ognuno può godere una vita di lussi e agi se la ricchezza prodotta dalle macchine è condivisa, al contrario molte persone possono finire in miserabile povertà se i proprietari delle macchine si coalizzano con successo contro la redistribuzione della ricchezza. Finora, la tendenza sembra andare verso la seconda opzione, con la tecnologia al servizio della disuguaglianza sempre crescente”.

Stephen Hawking, Ottobre 2015

Wolfgang Streeck : “Buying Time”

Wolfgang Streeck : “Buying Time”

Come è diventato dolorosamente chiaro dopo il 2008, l’enorme afflusso di denaro durante quegli anni è servito principalmente a creare bolle che potevano sembrare una crescita ma non era così nella realtà; il brusco risveglio arrivò quando i prestiti a buon mercato si prosciugarono in mezzo alla crisi del sistema finanziario mondiale e i governi, allo stesso modo delle famiglie e delle imprese, non furono più in grado di servire il loro debito. Sorprendentemente, la discussione pubblica sulla crisi finanziaria e fiscale difficilmente tocca la questione del perché nessuno nei grandi macchinari di supervisione dei grandi stati nazionali e dell’UE, della BCE, dell’OCSE o dell’IMF ha notato cosa stava succedendo sotto i loro occhi. Quando la Grecia dovette mascherare il proprio debito per ottenere l’ammissione all’Unione Monetaria Europea, e poi iniziare a riscuotere enormi debiti ai nuovi bassi tassi di interesse, è ora noto al pubblico che la famigerata banca d’investimenti americana Goldman Sachs l’aiutò – con i suoi tassi usuali esorbitanti – a sanare i suoi conti. Sembra a malapena credibile che nulla di tutto ciò sia stato oggetto di sospetto nell’alta “comunità finanziaria” internazionale “in rete”. Il presidente della banca centrale greca all’epoca era l’economista Lukas Papademos; fatto il suo lavoro, è diventato vicepresidente della Banca centrale europea (e nel 2011 è stato nominato primo ministro greco dai governi dell’UE, in qualità di “esperto” apolitico esterno, incaricato di attuare “riforme” per garantire che il suo paese potesse rimborsare i suoi creditori). Dovremmo credere che, dopo la sua promozione a Francoforte, i suoi contatti in Grecia siano stati così completamente distrutti da non poter più ottenere informazioni attendibili sullo stato reale delle finanze pubbliche della Grecia? All’incirca all’epoca in cui Papademos si trasferì alla BCE, Mario Draghi, vicepresidente di Goldman Sachs con responsabilità speciale per le sue attività europee, fu nominato governatore della Banca d’Italia, con un seggio nell’esecutivo della BCE. Questa mossa, che implica un attacco di amnesia, significa probabilmente che il mondo della politica e dell’alta finanza fossero entrambi più che contenti della sostituzione, facilitata dall’unione monetaria, delle sovvenzioni fiscali internazionali con prestiti nazionali: i governi, perché il loro spazio di manovra fiscale era esaurito; e l’industria monetaria, per l’apertura di nuovi mercati e perché è stata incoraggiata a credere che, se tutto il resto fosse fallito, gli Stati membri più ricchi avrebbero pagato i debiti dei più poveri, in modo che le istituzioni finanziarie dell’Europa e dell’America uscissero indenni, qualunque cosa fosse accaduta.

Michael Hardt, Antonio Negri : “Impero”

Michael Hardt, Antonio Negri : “Impero”

Al giorno d’oggi, la mobilita’ della forza lavoro e i movimenti migratori sono estremamente diffusi e sono molto difficili da descrivere. Anche i piu’ significativi movimenti di popolazioni della modernita’ – comprese le migrazioni atlantiche dei bianchi e dei neri – rappresentano fenomeni di proporzioni lillipuziane a confronto degli enormi trasferimenti di popolazione dei nostri tempi. Lo spettro delle migrazioni di massa si aggira per il mondo. Tutte le potenze del vecchio mondo si sono coalizzate in una campagna spietata contro di esse, ma il movimento e’ irresistibile. Accanto alla fuga dal cosiddetto Terzo mondo, ci sono i flussi dei rifugiati politici e i movimenti della forza lavoro intellettuale, a cui si aggiungono i massicci trasferimenti del proletariato rurale, manifatturiero e dei servizi. Le migrazioni legali di individui che possiedono dei documenti non sono nulla a confronto delle migrazioni clandestine. I confini degli stati nazionali sono ridotti a colabrodi e qualsiasi tentativo di regolazione integrale si scontra con una pressione irriducibile. Gli economisti si sforzano di spiegare questi fenomeni ricorrendo alle equazioni e ai modelli che, se anche fossero esaustivi, non spiegherebbero mai l’irriducibile desiderio della liberta’ di movimento. Negativamente, quello che spinge queste moltitudini e’ la necessita’ di disertare le miserabili condizioni culturali e materiali della riproduzione imperiale; positivamente, e’ la ricchezza del desiderio e l’accumulazione delle capacita’ espressive e produttive, determinate dalla globalizzazione, nella coscienza di ogni individuo e gruppo umano – e, dunque, anche una certa speranza. La diserzione e l’esodo sono potenti forme della lotta di classe all’interno e contro la postmodernita’ imperiale. La mobilita’, tuttavia, costituisce un livello ancora spontaneo della lotta e, come abbiamo gia’ notato, molto spesso comporta nuove e sradicate condizioni di poverta’ e miseria.

Adam Buick and John Crump :”The Alternative to Capitalism”

Adam Buick and John Crump :”The Alternative to Capitalism”

Il capitalismo non è un sistema che dà priorità alla produzione di profitti per il consumo personale di coloro che monopolizzano i mezzi di ricchezza produttiva; è un sistema in cui la maggior parte dei profitti realizzati dal capitale investito nella produzione vengono reinvestiti nella produzione. L’obiettivo della produzione capitalistica non è tanto il profitto quanto l’accumulo di capitale. Ora possiamo vedere la logica di definire il capitale impersonalmente come valore auto-espansivo. L’espansione del valore e il suo accumulo come nuovo capitale è qualcosa che viene imposto agli uomini e alle donne indipendentemente dalla loro volontà. Il capitale è un prodotto del lavoro della gente che è sfuggito al suo controllo e che la domina sotto forma di leggi economiche coercitive che non hanno altra alternativa che obbedire e applicare.

Ci si dovrebbe sempre preoccupare quando uno Stato invita un imprenditore for-profit nella struttura di gestione di qualcosa come la detenzione connessa all’immigrazione … L’introduzione di imprenditori privati sposta l’attenzione politica dal benessere dei migranti alla linea di fondo di un società che capitalizza la violazione dei diritti dei detenuti, nonché dei lavoratori che impiegano. Ciò è inevitabile, questa è la natura del business.

Michael Flynn (progetto di detenzione globale), aprile 2014

Derek Wall :”Economics after Capitalism”

Derek Wall :”Economics after Capitalism”

Il capitalismo ha promosso l’espansione economica, ma è un sistema ecologicamente insostenibile. Non possiamo consumare, produrre e buttare via a tassi sempre più veloci senza effetti catastrofici. Il capitalismo, come anche i suoi più forti sostenitori ammettono sotto pressione, promuove la disuguaglianza ed è fondamentalmente instabile. Lievi riformisti come Keynes ei suoi seguaci, tra cui Stiglitz e Soros, mostrano che promuovendo la speculazione, la diffusione delle forze di mercato promuove la volatilità. I difensori del mercato che chiedono meno presenza dello Stato per rendere puro il mercato, possono proporre alcuni punti interessanti. il potere statale spesso promuove il monopolio, concentra la ricchezza e il potere, guida la guerra e, attraverso la protezione sulle banche che sono “troppo grandi per fallire”, alimenta la catastrofe finanziaria. Il pericolo morale è prodotto dell’azione statale. Il mercato contro l’opposizione statale è un falso.