Wolfgang Streeck: “Buying Time”

Wolfgang Streeck: “Buying Time”

L’attuale crisi fiscale e il passaggio dallo stato fiscale allo stato del debito hanno inaugurato una nuova fase del rapporto tra capitalismo e democrazia, che non era previsto nelle teorie tradizionali della democrazia. La crisi post-2008 ha innalzato l’indebitamento delle democrazie ricche fino a un livello in cui i creditori non possono più essere sicuri che i governi saranno in grado e disposti in futuro a soddisfare i loro obblighi di pagamento. Di conseguenza i creditori cercano di proteggere le loro rivendicazioni molto più che in passato esercitando un’influenza sulle politiche del governo. Nello stato di debito, quindi, una seconda categoria di soggetti interessati appare accanto ai cittadini che, nello stato fiscale democratico e nella teoria politica consolidata, costituivano l’unico gruppo di riferimento dello stato moderno. L’ascesa dei creditori fino a diventare la seconda ‘circoscrizione’ dello stato moderno ricorda in modo sorprendente l’emergere di azionisti attivisti nel mondo delle imprese sotto la dottrina del “valore per gli azionisti” degli anni ’80 e ’90.

Wolfgang Streeck: “Buying Time”

Wolfgang Streeck: “Buying Time”

Una strategia per dissipare la tensione tra capitalismo e democrazia, e per stabilire il primato a lungo termine del mercato sulla politica, deve quindi incentrarsi sulle “riforme” incrementali delle istituzioni politico-economiche: il passaggio verso una politica economica legata a regole, banche centrali indipendenti e una politica fiscale sicura dai risultati elettorali; il trasferimento delle decisioni di politica economica agli organismi di regolamentazione e ai “comitati di esperti”; e limiti del debito sanciti dalla costituzione che sono legalmente vincolanti per i governi per i decenni a venire, se non per sempre. Nel corso di questo, gli stati del capitalismo avanzato devono essere costruiti in modo tale da guadagnare la fiducia duratura dei proprietari e dei movers del capitale, dando garanzie credibili a livello di politica e istituzioni che non interverranno nell’ “economia” – o che, se lo fanno, sarà solo per proteggere e far rispettare la giustizia del mercato sotto forma di adeguati rendimenti sugli investimenti di capitale. Una precondizione per questo è la neutralizzazione della democrazia, nel senso della socialdemocrazia del capitalismo del dopoguerra, e il completamento con successo di un programma di liberalizzazione Hayekiano.

Wolfgang Streeck: “Buying Time”

Wolfgang Streeck: “Buying Time”

Le teorie neo-marxiste della crisi sviluppate a Francoforte quattro decenni fa erano superiori alle altre teorie dell’epoca nel riconoscere la fragilità del capitalismo sociale. Ma hanno frainteso le sue cause, e quindi la direzione e la dinamica del cambiamento storico imminente. Il loro approccio escludeva la possibilità che il capitale, non il lavoro, annullasse la legittimità del capitalismo democratico che aveva preso forma nel “trentennio glorioso”.

[…]

Oggi, i mezzi per domare le crisi di legittimazione generando illusioni di crescita sembrano essere stati esauriti. In particolare, la magia monetaria degli ultimi due decenni, prodotta con l’aiuto di un’industria finanziaria senza vincoli, potrebbe essere alla fine diventata troppo pericolosa perché i governi osino dedicare più tempo ad essa. A meno che non ci sia un altro miracolo di crescita, il capitalismo del futuro potrebbe doversi gestire senza la formula di pace del consumismo basato sul credito. L’ideale utopico dell’attuale gestione delle crisi è di completare, con mezzi politici, la depoliticizzazione già avanzata dell’economia; ancorato in stati-nazione riorganizzati sotto il controllo della diplomazia governativa e finanziaria internazionale, isolato dalla partecipazione democratica, con una popolazione che avrebbe imparato, in anni di rieducazione egemonica, a considerare gli esiti distributivi dei mercati liberi equi o almeno privi di alternative.

D. Coates : “Capitalism: the Basics”

D. Coates : “Capitalism: the Basics”

I mercati non regolamentati nelle economie capitalistiche sono grandi meccanismi per generare disuguaglianze tra individui; e le ineguaglianze che generano sono invariabilmente cumulative. Mercati non regolamentati e approfondimento delle differenze socioeconomiche, in questo senso, vanno insieme. In generale i figli dei poveri rimangono poveri; e poiché succede questo, coloro che lasciano i mercati non regolamentati devono spiegare come conciliano la loro passione per la libertà e l’uguaglianza individuale con le disuguaglianze e le differenze di potere sociale che dividono i figli dei ricchi dai figli dei poveri. Un certo grado di reddito e di disuguaglianza di ricchezza sono chiaramente funzionali al capitalismo – che agisce come incentivo all’innovazione, al rischio e al duro lavoro – ma quando i livelli di disuguaglianza diventano troppo acuti, la legittimità generale del sistema nel suo complesso entra in discussione nelle menti di sempre più persone.

David Coates : “Capitalism: the Basics”

David Coates : “Capitalism: the Basics”

La distribuzione globale del reddito – la storia principale dei decenni di apertura del nuovo millennio è, in caso, ancora più inquietante. Cio’ significa che, all’interno di entrambi i sistemi capitalisti completamente sviluppati e in via di sviluppo, la disuguaglianza del reddito e della ricchezza si sta allargando di nuovo. Si sta ampliando nell’ambito delle economie in via di sviluppo: secondo la relazione UNDP 2013 sull’Umanità divisa, “In media, e tenendo conto della dimensione della popolazione, la disuguaglianza dei redditi è aumentata dell’11 per cento nei paesi in via di sviluppo tra il 1990 e il 2010.” (UNDP, 2013) nel contesto di un crescente riconoscimento, nella letteratura sulla crescita economica, che – lontano dalla vecchia ortodossia per la quale i paesi avevano bisogno di scegliere tra uguaglianza e efficienza (Okun, 1975) – “la riduzione della diseguaglianza e la crescita sostenuta possono essere due parti della stessa medaglia” e che “la riforma economica sostenibile è possibile solo se i suoi vantaggi sono ampiamente condivisi. “(Berg & Ostry, 2011: 15).
L’OCSE ha recentemente affermato, nella relazione sulla performance economica del Regno Unito: “le diseguaglianze dei redditi hanno un impatto significativo e statisticamente negativo sulla crescita e le politiche redistributive che raggiungono una maggiore parità nel reddito disponibile non presentano conseguenze negative per la crescita. “(Cingano, 2014: 6) Perche’ la disuguaglianza dei redditi non è solo un problema del mondo in via di sviluppo. Come dimostra la relazione OCSE sul Regno Unito, la disuguaglianza sta diventando una barriera potenziale anche per la crescita dei capitalismi di base. Naturalmente, i livelli di disuguaglianza dei redditi in alcune economie capitalistiche di base – non meno dell’economia degli Stati Uniti – sono di recente tornati ad un regime visto l’ultima volta negli anni immediatamente precedenti la prima guerra mondiale. Questa scala intensa di disuguaglianza non sta attualmente dividendo le possibilità di vita offerte ai membri di una classe sociale da quelle offerte a membri di classi meno privilegiate. Sta dividendo le possibilità di vita offerte a membri di diverse generazioni anche all’interno della stessa classe sociale.

[…]

Si noti che l’intensificazione della concorrenza globale dopo la caduta dell’Unione Sovietica e il rallentamento delle condizioni economiche dopo la crisi finanziaria del 2008 hanno concorso all’apertura di un significativo divario nelle possibilità di vita, nelle stesse basi del capitalismo, tra le generazioni addirittura fino ad oggi della classe media di successo. La concorrenza intensificata e una forte recessione hanno concorso insieme a derubare i nipoti dei babyboomers di successo degli adeguati salari iniziali, elevati livelli di sicurezza per i posti di lavoro e generosi programmi di pensione goduti da molti di quelli fortunati da poter entrare nella forza lavoro pagata tra la fine della seconda guerra mondiale e la prima crisi petrolifera degli anni ’70.

David Coates : “Capitalism: the Basics”

David Coates : “Capitalism: the Basics”

Certamente, un capitalismo basato sui diritti dei consumatori e sui lavoratori limitati non è necessariamente da preferire a quello in cui la capacità sfrenata di consumare è vincolata da una maggiore protezione per coloro che forniscono beni e servizi a disposizione per il consumo. Gli americani, in media, possono ancora godere di un livello più elevato di consumo personale rispetto alla maggioranza degli europei occidentali, per esempio, ma hanno anche una settimana lavorativa più lunga di quanto non sia comune in Europa occidentale: i lavoratori americani a tempo pieno attualmente hanno una media 47 ore di lavoro a settimana, contro 36 in Svezia (Gallup, 2014, CNN, 2013) e certamente consumano un numero molto maggiore di tranquillanti pro capite. Questa correlazione tra il consumo, il lavoro e le droghe può essere coincidente e non causale, ma la sua esistenza ci ricorda che tutti noi impersoniamo molti ruoli sociali. Non siamo solo consumatori; e la felicità individuale è il prodotto di tutta la persona, non solo del consumatore. Come possiamo altrimenti spiegare i punteggi di “soddisfazione della vita” che sono alti in società come il Ghana e la Nigeria quanto in Irlanda, Regno Unito, Svezia e Stati Uniti?

Fran Boait and Graham Hodgson: “Escaping Growth Dependency”

Fran Boait and Graham Hodgson: “Escaping Growth Dependency”

Ci sono diversi modi in cui nuovi soldi possono entrare nell’economia: per finanziare la spesa pubblica, al posto delle tasse o dei prestiti; per effettuare pagamenti diretti ai cittadini; per riscattare debiti insoluti, pubblici o privati; o per fare nuovi prestiti attraverso banche o altri intermediari. Per creare nuova moneta, il Tesoro emetterebbe una certa quantità di “obbligazioni zero coupon perpetue”. Queste non sarebbero commercializzabili, sarebbero senza interessi e non avrebbero mai bisogno di essere rimborsate. La banca centrale acquisterebbe quindi queste obbligazioni accreditando sul conto del Tesoro nuovi soldi sovrani.