D. Crowe : “People over Capital”

D. Crowe : “People over Capital”

La cooperativa è stata la sostituta dei principali attori, del capitale e dello stato, che si sono esibiti solo dove i mercati falliscono o non cercano di competere in quanto è considerato non redditizio, o quando le soluzioni burocratiche sottosopra dello stato sono inadatte e insostenibili. L’assurdità del nostro dramma economico e politico continua: gli Stati in bancarotta stanno offrendo solo austerità, mentre le democrazie socializzate stanno promettendo programmi e progetti a misura unica che continuano a fare cose per le persone invece di cercare di potenziare, educare e produrre risorse per fare le cose per se stessi; le società capitaliste, nel frattempo, sono soggette a crescenti livelli di sfiducia, alienazione e cinismo riguardo alle loro motivazioni e all’etica del loro modello operativo. In queste circostanze, è giunto il momento che la cooperazione diventi il centro della scena. Ma mentre usciamo allo scoperto e cerchiamo di superare i poteri dello stato e del capitale, dobbiamo assicurarci di conoscere le nostre linee. Dobbiamo essere aperti e onesti e ammettere che, rispetto alla forza del capitalismo e alla prerogativa dello stato, al momento potremmo essere nel migliore dei casi marginali, ma che siamo l’avanguardia di un’ondata democratica che spazzerà via la nostra politica, la nostra società e le nostre economie. Siamo un movimento che cerca di rimettere il capitale nelle mani e sotto la direzione della gente, piuttosto che rinviare la responsabilità a una burocrazia remota, o lasciarla ai profittatori senza altro scopo che arricchirsi.

Dan Gregory :”People over Capital”

Dan Gregory :”People over Capital”

Sembra che stiamo conducendo un duello distruttivo tra pubblico e privato, lottando per metterci alle spalle l’uno dell’altro e allo stesso tempo sprofondiamo insieme nel fango. Siamo incappati in una sorta di capitalismo di stato accidentale, che combina, da un lato, una versione mostruosa dello stato interventista di John Maynard Keynes, interferendo goffamente per un periodo più lungo e in misura maggiore di quanto avrebbe mai immaginato, e, dall’altro, una patetica mutazione della mano invisibile di Friedrich Hayek, che, nonostante la sua diffusione pervasiva nel pubblico e nelle sfere sociali, ora non riesce a consegnare i beni. A questo ritmo, la battuta di Keynes che “a lungo termine saremo tutti morti” sembra ottimistica.

Ayelet Shachar: “Dangerous Liaisons: Money and Citizenship”

Ayelet Shachar: “Dangerous Liaisons: Money and Citizenship”

Questo è un mondo di mobilità regolamentata e di opportunità disuguali, un mondo in cui non tutti i passaporti vengono trattati allo stesso modo ai valichi di frontiera.

[…]

L’atto pubblico di naturalizzazione – trasformare un non membro in un cittadino – ha sempre comportato un’aria di magia legale, con il risultato che è l’aspetto “più densamente regolato e politicizzato delle leggi sulla cittadinanza”. Agli investitori facoltosi stranieri è stata offerta la cittadinanza a Cipro come “risarcimento” per le loro perdite sul deposito di conto bancario cipriota. Nel 2012, il Portogallo ha introdotto un “permesso di soggiorno dorato” per attirare investimenti immobiliari e altri da parte di persone benestanti che cercano un punto d’appoggio nell’UE. La Spagna ha recentemente adottato un piano simile. Il 12 novembre 2013, Malta ha approvato le modifiche alla sua legge sulla cittadinanza che istituisce una nuova categoria giuridica per gli investitori individuali che consentirà ai richiedenti di alto valore netto di ottenere un “passaporto d’oro” in cambio di $ 650.000; questa somma è stata più tardi aumentata a 1,15 milioni, aprendo una porta di servizio privilegiata alla cittadinanza europea.

[…]

Oltre l’Europa, chi cerca un nuovo passaporto può guardare a St. Kitts e Nevis, dove la cittadinanza economica può essere acquistata a partire da $ 250.000 (una somma forfettaria) o $ 400.000 (se i fondi sono destinati a un progetto immobiliare), ed emessa in pochi mesi. Potrebbero anche considerare Antigua e Barbuda, che è l’ultima di una lista crescente di paesi a lanciare un programma di cittadinanza per investimento o il Commonwealth della Dominica. Considerando che ordinariamente la legge richiede periodi di residenza significativi per coloro che cercano la naturalizzazione in queste nazioni insulari (quattordici anni a Saint Kitts e Nevis, sette anni nel Commonwealth della Dominica e in Antigua e Barbuda, rispettivamente), il requisito di residenza è ridotto a solo sette giorni – una breve vacanza sotto il sole tropicale – o addirittura abolito per coloro che acquistano il loro passaporto veloce agevolato.

Cliff Mills :”People over Capital”

Cliff Mills :”People over Capital”

Questa è davvero una domanda fondamentale sulla natura umana e sull’istinto della specie per sopravvivere. Se il capitalismo sta distruggendo il pianeta, a che punto l’umanità si renderà conto che la sua dipendenza dalla ricerca del guadagno alla fine porterà alla sua distruzione? Con la combinazione di risorse naturali limitate, una popolazione mondiale in crescita e un’economia globale il cui motore è la crescita basata sul perseguimento di guadagni privati, è probabile un solo risultato. Se considerate la disponibilità di armi di distruzione di massa e i governi in gran parte legati agli interessi commerciali, il futuro appare fragile. Ma il futuro è davvero nelle nostre mani. Nel XXI secolo, il capitale disponibile è in gran parte legato a quote di aziende che massimizzano i profitti. Una grande parte del denaro che risparmiamo per la nostra pensione e il denaro che paghiamo per tutti i tipi di premi assicurativi e numerosi altri prodotti e servizi finanziari sono archiviati o investiti in luoghi in cui coloro che prendono decisioni su dove investirli pensano che farà il massimo ritorno possibile. Questo è il mondo professionale degli investimenti, in cui piccole somme provenienti da una miriade di fonti diverse sono aggregate in somme molto grandi gestite da chi osserva i comportamenti del mercato, studiando gli sviluppi sociali, politici ed economici e facendo ipotesi per prevedere dove collocare i nostri fondi per garantire il miglior ritorno. Il capitale di cui le aziende hanno bisogno esiste già. Come dice il prete quando si rivolge ai fedeli sul lancio dell’appello per i fondi per riparare il tetto della chiesa: “La buona notizia è che abbiamo già i soldi di cui abbiamo bisogno. La cattiva notizia è che sono ancora nelle vostre tasche. “Esiste il capitale necessario per finanziare un’economia cooperativa. Nell’industrializzazione della Gran Bretagna nel diciannovesimo secolo, era nelle tasche della gente, sotto il letto e in altri luoghi dove non era produttivo. Oggi è troppo occupato a rincorrere il profitto. Se desideriamo davvero un mondo diverso, allora la soluzione è nelle nostre mani, perché coloro che gestiscono i nostri fondi stanno facendo ciò che vogliamo che facciano: darci il massimo ritorno. Se vogliamo qualcosa di diverso, allora dobbiamo chiederglielo. È qui che sorge la domanda fondamentale sulla natura umana.

Wayne Ellwood :”People over Capital”

Wayne Ellwood :”People over Capital”

Secondo l’ICA, oltre un miliardo di persone sono ora coinvolte in iniziative di cooperazione come membri, clienti, dipendenti o lavoratori/proprietari. Le cooperative forniscono oltre 100 milioni di posti di lavoro, il 20 per cento in più delle transnazionali. Ci sono cooperative di produzione, vendita al dettaglio e consumatori e sono diffuse in tutti i settori. I membri possono beneficiare di prezzi più convenienti, un servizio amichevole o un migliore accesso ai mercati, ma, soprattutto, la struttura democratica delle cooperative significa che i membri sono in fin dei conti responsabili. Un principio fondamentale è “un membro, un voto”. È quel senso di controllo che costruisce il capitale sociale e rende le cooperative una fonte così vitale di identità comunitaria. I profitti potrebbero essere reinvestiti nel business, condivisi tra i membri o convogliati alla comunità locale. Dato che esistono per avvantaggiare i loro membri, piuttosto che riempire le tasche degli azionisti privati, le cooperative sono fondamentalmente più democratiche. Autorizzano le persone. Costruiscono comunità. Rafforzano le economie locali.
Il movimento op è stato un motivo sufficiente per celebrare il 2012 come Anno internazionale delle cooperative delle Nazioni Unite. Ma i tempi erano propizi per altre ragioni. Viviamo in un sistema economico che sta producendo una vasta ricchezza per pochi a scapito della maggioranza. Il modello si è rotto e il danno alle persone, alle comunità e al mondo naturale sta crescendo. Dopo il grande tracollo finanziario del 2008 e la persistente instabilità dell’economia globale, c’è un bisogno urgente – e una profonda aspirazione – di equilibrio e uguaglianza. La ricerca di alternative non è mai stata più urgente. Come ha scritto il critico e autore sociale statunitense Chris Hedges: “Il folle progetto di espansione capitalista senza fine, consumo dissoluto, sfruttamento insensato e crescita industriale è ora imploso”.