John Kenneth Galbraith : “The New Industrial state”

John Kenneth Galbraith : “The New Industrial state”

Il potere nella vita economica è passato nel tempo dalla sua antica associazione con la terra all’associazione con il capitale e poi, in tempi recenti, al composto di conoscenze e abilità che comprende la tecnostruttura ,,, [cioè, il gruppo che] abbraccia tutti quelli che portano conoscenze specializzate, talento o esperienza per raggruppare il processo decisionale [nel governo e nella società].

Noam Chomsky : “Masters Of Mankind”

Noam Chomsky : “Masters Of Mankind”

La produzione industriale americana era già pari a quella di Regno Unito, Francia e Germania messi insieme. La mobilitazione nazionale alla guerra permise l’esercizio di mezzi per sfuggire alla stagnazione economica degli anni ’30 e fornì alcuni importanti spunti di riflessione sull’economia. Come dice Chandler:
La seconda guerra mondiale ha insegnato altre lezioni. Il governo spende molto di più di quanto il New Dealer più entusiasta abbia mai proposto. La maggior parte dell’output delle spese è stata distrutta o lasciata sui campi di battaglia di Europa e Asia. Ma il conseguente aumento della domanda ha portato la nazione ad un periodo di prosperità che non era mai stato visto prima. Inoltre, le forniture di enormi eserciti e flotte che combattevano la più massiccia guerra di tutti i tempi richiedevano un controllo serrato e centralizzato dell’economia nazionale. Questo sforzo ha portato i dirigenti aziendali a Washington a realizzare uno dei pezzi più complessi di pianificazione economica della storia. Quell’esperienza ha attenuato i timori ideologici sul ruolo del governo nella stabilizzazione dell’economia.
Apparentemente, la lezione è stata appresa molto bene. È stato sottolineato, con precisione, che nel mondo postbellico “l’industria degli armamenti ha fornito una sorta di stabilizzatore automatico per l’intera economia”, e manager aziendali illuminati, lungi dal temere l’intervento del governo nell’economia, considerano “la nuova economia come una tecnica per aumentare la redditività aziendale”. La successiva Guerra Fredda portò ulteriormente alla depoliticizzazione della società americana e creò un ambiente psicologico in cui il governo fu in grado di intervenire, in parte attraverso politiche fiscali, lavori pubblici e servizi pubblici, ma in gran parte attraverso la spesa “di difesa”, come “un coordinatore di ultima istanza “quando” i manager non sono in grado di mantenere un alto livello di domanda aggregata “(Chandler). La Guerra Fredda ha anche garantito le risorse finanziarie e l’ambiente psicologico che hanno consentito al governo di impegnarsi a fondo per il progetto di costruzione di un’economia mondiale integrata dominata dal capitale americano – “nessun sogno idealista”, secondo George Ball, ” ma una previsione dura: è un ruolo in cui siamo spinti dagli imperativi della nostra stessa tecnologia: lo strumento principale è la multinazionale, descritta da Ball nel modo seguente: “Nella sua forma moderna, la multinazionale, o comunque un’azienda con operazioni e mercati in tutto il mondo, è uno sviluppo decisamente americano. Attraverso tali società è diventato possibile per la prima volta utilizzare le risorse del mondo con la massima efficienza … Ma ci deve essere una maggiore unificazione dell’economia mondiale per dare pieno gioco ai benefici delle multinazionali”.
La multinazionale stessa è la beneficiaria della mobilitazione di risorse da parte del governo e le sue attività sono sostenute, in ultima analisi, dalla forza militare americana. Contemporaneamente, c’è un processo di accresciuta centralizzazione del controllo nell’economia domestica, come anche nella vita politica, con il declino delle istituzioni parlamentari – un declino che è, di fatto, evidente in tutte le società industriali occidentali.
L’ “unificazione dell’economia mondiale” da parte delle corporazioni internazionali con sede negli Stati Uniti pone ovviamente serie minacce alla libertà.

Shoshana Zuboff : “The Age of Surveillance Capitalism: The Fight for a Human Future at the New Frontier of Power (English Edition)”

Shoshana Zuboff : “The Age of Surveillance Capitalism: The Fight for a Human Future at the New Frontier of Power (English Edition)”

Il capitalismo di sorveglianza impone una scelta fondamentalmente illegittima che gli individui del ventunesimo secolo non dovrebbero dover fare, e la sua normalizzazione ci lascia cantare nelle nostre catene. Il capitalismo di sorveglianza opera attraverso asimmetrie senza precedenti nella conoscenza e il potere che deriva dalla conoscenza. I capitalisti di sorveglianza sanno tutto di noi, mentre le loro operazioni sono progettate per essere invisibili per noi. Essi accumulano vasti domini di nuove conoscenze da noi, ma non per noi. Prevedono il nostro futuro per il bene del guadagno altrui, non nostro. Finché il capitalismo di sorveglianza e i suoi mercati del futuro comportamentale sono autorizzati a prosperare, la proprietà dei nuovi mezzi di modificazione comportamentale eclissa la proprietà dei mezzi di produzione come fonte della ricchezza e del potere capitalista nel ventunesimo secolo.

Shoshana Zuboff : “The Age of Surveillance Capitalism: The Fight for a Human Future at the New Frontier of Power (English Edition)”

Shoshana Zuboff : “The Age of Surveillance Capitalism: The Fight for a Human Future at the New Frontier of Power (English Edition)”

LA DEFINIZIONE di Sur-veil-lance Cap-i-tal-ism:
1. Un nuovo ordine economico che rivendica l’esperienza umana come materia prima libera per pratiche commerciali nascoste di estrazione, previsione e vendite;
2. Una logica economica parassitaria in cui la produzione di beni e servizi è subordinata a una nuova architettura globale di modifica comportamentale;
3. Una mutazione canaglia del capitalismo segnata da concentrazioni di ricchezza, conoscenza e potere senza precedenti nella storia umana;
4. Il quadro fondamentale di un’economia di sorveglianza;
5. Una minaccia significativa per la natura umana nel ventunesimo secolo come il capitalismo industriale lo era per il mondo naturale nel diciannovesimo e ventesimo;
6. L’origine di un nuovo potere strumentale che asserisce il dominio sulla società e presenta sorprendenti sfide alla democrazia di mercato;
7. Un movimento che mira a imporre un nuovo ordine collettivo basato sulla certezza totale;
8. Un’espropriazione dei diritti umani critici che è meglio intesa come un colpo di stato dall’alto: un rovesciamento della sovranità popolare.

Reddit Community, ʻAʻohe Mea : “Basic Income FAQ : Frequently Asked Questions (English Edition)”

Reddit Community, ʻAʻohe Mea : “Basic Income FAQ : Frequently Asked Questions (English Edition)”

Il patriarcato ha messo la ricchezza del mondo nelle mani degli uomini, impedito alle donne di essere professioniste e imprenditori, costretto i poveri e le donne in posti di lavoro di seconda classe senza sbocco e costretto tutte le donne a diventare domestiche non retribuite e custodi dei giovani, anziani, e disabili delle loro famiglie. Le donne sono state costrette ad essere finanziariamente dipendenti da padri o mariti che spesso ne abusano. Un reddito di base cambierebbe tutto questo. Un reddito di base sarebbe un trasferimento massiccio di ricchezza da uomini a donne. Le donne sarebbero esenti dalla dipendenza finanziaria da qualsiasi uomo, e i giovani, gli anziani e i disabili sarebbero tutti pienamente
supportati. Le donne potrebbero permettersi di lasciare mariti che le sfruttano, quelle che scegliessero di occuparsi di qualcuno sarebbero completamente compensate e nessuna donna sarebbe forzata a fare un lavoro senza via d’uscita, e sarebbe invece in grado di perseguire i propri obiettivi finanziari come lo ritenesse opportuno.