Martin Luther King Jr., “Beyond Vietnam”, 1967

Martin Luther King Jr., “Beyond Vietnam”, 1967

Giusto il tempo necessario per l’impossibile

“Noi come nazione dobbiamo subire una radicale rivoluzione di valori, dobbiamo iniziare rapidamente il passaggio da una ” società orientata alle cose ” a una ” società orientata alla persona “. Quando macchine e computer, motivi di profitto e diritti di proprietà, sono considerati più importanti della gente, la tripletta gigante del razzismo, il materialismo estremo e il militarismo non possono essere sconfitti “.

Robert F. Kennedy : “Excerpt of a Speech”

Robert F. Kennedy : “Excerpt of a Speech”

Il prodotto nazionale lordo non si cura della salute dei nostri figli, della qualità della loro istruzione o della gioia del loro gioco. Non include la bellezza della nostra poesia o la forza dei nostri matrimoni, l’intelligenza del nostro dibattito pubblico o l’integrità dei nostri funzionari pubblici. Non misura né il nostro spirito né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né il nostro apprendimento, né la nostra compassione né la nostra devozione per il nostro paese; misura tutto, in breve, tranne ciò che rende la vita degna di essere vissuta.

Robert F. Kennedy (1968)

Annie Lowrey: “Give People Money: The simple idea to solve inequality and revolutionise our lives”

Annie Lowrey: “Give People Money: The simple idea to solve inequality and revolutionise our lives”

L’aiuto inefficiente non è solo inefficiente, ma sprecato. E quell’aiuto sprecato
potrebbe fare molto per porre fine alla povertà. In questo momento, il divario di povertà – la quantità di denaro che ci vorrebbe per sollevare ogni uomo, donna e bambino dalla linea di estrema povertà della Banca Mondiale è di circa $ 66 miliardi, come stimato da Laurence Chandy e Brina Seidel della Brookings Institution. Che corrisponde a ciò che gli americani spendono ogni anno in biglietti della lotteria. È metà di ciò che il mondo spende per gli aiuti umanitari.

Annie Lowrey: “Give People Money: The simple idea to solve inequality and revolutionise our lives”

Annie Lowrey: “Give People Money: The simple idea to solve inequality and revolutionise our lives”

I gruppi che aiutano i rifugiati hanno anche iniziato a fornire denaro, invece
di cercare di indovinare esattamente di cosa potessero aver bisogno gli sfollati.
L’International Rescue Committee, che lavora in tutto il mondo, da Myanmar alla
Siria descrive il denaro come una delle forme più efficaci di aiuto. “Le persone
che scappano da un conflitto o un disastro portano pochi oggetti personali e
pochi soldi. L’aiuto in denaro consente loro di acquistare beni di prima necessità e
riprendere il controllo delle loro vite. “Poiché il 60 per cento dei rifugiati in tutto il mondo vivono in città piuttosto che nei campi, il contante ha dimostrato di essere un modo efficace per raggiungerli più velocemente e a costi inferiori”, sostiene. “Il potere di scelta consente alle famiglie dei rifugiati di decidere da soli ciò di cui hanno più bisogno. Esso inoltre permette loro di diventare collaboratori attivi dell’economia locale. “Uno studio condotto dal non profit, ad esempio, ha rilevato che ogni dollaro speso dai rifugiati siriani in Libano ha generato più di $ 2 nella produzione economica per l’economia locale. Più in generale, l’Overseas Development Institute, la Banca Mondiale e le Nazioni Unite hanno spinto per incrementare gli aiuti umanitari in contanti. Tuttavia, la stragrande maggioranza di tali aiuti – uno stimato 94 per cento – non è fornito in contanti.

Annie Lowrey: “Give People Money: The simple idea to solve inequality and revolutionise our lives”

Annie Lowrey: “Give People Money: The simple idea to solve inequality and revolutionise our lives”

Anche qui le prove sono forti e rassicuranti. L’Istituto per lo Sviluppo Oltremare ha condotto una revisione radicale della letteratura sui trasferimenti di denaro, aggregando dati da milioni di destinatari attorno al mondo. I risultati sono stati chiari. Miglioramento della frequenza scolastica. Maggiore proprietà di beni produttivi, come mucche e attrezzature agricole. Un calo della malnutrizione. Un aumento del risparmio. Meno lavoro minorile. Uso esteso di fertilizzante e semi. “Le prove riflettono quanto possa essere potente una politica di trasferimenti di denaro strumentali, e mette in evidenza la gamma di potenziali benefici per i beneficiari”, conclude la revisione. Forse la scoperta più importante, sebbene tautologica: il denaro è molto efficace a ridurre il tasso di povertà.

Annie Lowrey: “Give People Money: The simple idea to solve inequality and revolutionise our lives”

Annie Lowrey: “Give People Money: The simple idea to solve inequality and revolutionise our lives”

Si trattava di come fare il meglio. Le persone affamate hanno bisogno di cibo, quindi dai loro da mangiare, giusto? Sbagliato. Dai loro denaro. Persone bisognose di reddito hanno bisogno di lavoro, quindi offri loro una formazione lavorativa, sì? No, dai loro denaro. Ai bambini nelle aree povere serve un’educazione, quindi fornisci loro asili e borse di studio? Certo, ma ancora meglio, dai soldi ai loro genitori. La discussione riguardava l’efficacia di dare alle persone denaro contante piuttosto che dare loro cose o fornire loro servizi, e in cambio caricarli di
requisiti paternalistici.

Justin Smith : “Basic Income Policy and National Debts: The Basic Blueprint for a Global Planned Economy”

Justin Smith : “Basic Income Policy and National Debts: The Basic Blueprint for a Global Planned Economy”

Se un governo vede che, a causa di una sana globalizzazione (la condivisione
delle risorse necessarie), non è stato in grado di mantenere le infrastrutture,
assistenza sanitaria, impiego, ecc., quindi ha bisogno di finanziare una quantità enorme di iniziative di lavoro pubblico di base e progetti di ricerca e sviluppo. La
capacità di produrre / fabbricare prodotti passati, presenti e futuri deve essere sempre protetta. Questo è un punto importante, e il denaro non dovrebbe essere
di ostacolo a questo. Ciò che il governo deve fare è imparare come cancellare diplomaticamente il debito.
Questo è molto semplice e va dritto al punto. Non c’è bisogno di dibattito, perché
ogni nazione ha bisogno di lavoratori qualificati e ben supportati. Chiunque metta in discussione questo e il finanziamento / contabilità necessari per permettere ad una nazione di avere abbastanza fondi da prosperare, dovrebbe essere messo in prigione. Punto.

Justin Smith : “Basic Income Policy and National Debts: The Basic Blueprint for a Global Planned Economy”

Justin Smith : “Basic Income Policy and National Debts: The Basic Blueprint for a Global Planned Economy”

Un aspetto delle spese non commerciali non sovvenzionate correttamente, e delle aziende a scopo di lucro non abbastanza “redditizie” da sostenere i redditi e ulteriore sviluppo, è che l’economia globale fino ad oggi non sa come gestire il debito che sta soffocando lo sviluppo. Non c’è ragione per cui un paese non possa finanziare tutte le operazioni necessarie per garantire la non-povertà e un’ulteriore espansione economica con maggiori finanziamenti e sviluppo di opportunità di lavoro e prodotti e servizi migliori. Tutto ciò che il mondo deve fare è avere una contabilità perfetta, meccanismi di mercato non predatori e imparare a perdonare la difficoltà ad onorare il debito. Il resto è solo una questione di fornire sufficienti finanziamenti monetari ai progetti “essenziali” e permettere alle persone di avere un equilibrio di “sana proprietà” e “finanziamenti appropriati”. Quello che serve è un sistema nel quale ogni cittadino rispettoso della legge deve avere i mezzi per perseguire “la vita, la libertà e la ricerca della felicità”.

Rutger Bregman: “Utopia for Realists: And How We Can Get There”

Rutger Bregman: “Utopia for Realists: And How We Can Get There”

“L’effetto della frontiera sui salari dei lavoratori con uguale produttività intrinseca è superiore a qualsiasi forma di discriminazione salariale (genere, razza o etnia) che sia stato mai misurato”, osservano tre economisti. È apartheid su una scala globale. Nel ventunesimo secolo, la vera élite sono i nati non nella famiglia giusta o nella classe giusta ma nel paese giusto. Eppure questa élite moderna non è a conoscenza di quanto sia fortunata.

Rutger Bregman: “Utopia for Realists: And How We Can Get There”

Rutger Bregman: “Utopia for Realists: And How We Can Get There”

Sto parlando di frontiere aperte. Non solo per banane, derivati, e iPhone, ma per tutti – per i knowledge workers, per i rifugiati, e per la gente comune in cerca di pascoli più verdi. Certo, abbiamo imparato tutti nel modo più duro che gli economisti non sono indovini (l’economista John Kenneth Galbraith una volta ha scherzato sul fatto che l’unico scopo delle previsioni economiche è di dare all’astrologia un’immagine migliore), ma su questo punto le loro opinioni sono notevolmente coerenti. Quattro diversi studi hanno dimostrato che, a seconda del livello di movimento nel mercato globale del lavoro, la crescita stimata del “prodotto mondiale lordo” sarebbe nel range dal 67% al 147% . In effetti, l’apertura dei confini renderebbe il mondo intero due volte più ricco. Ciò ha portato un ricercatore dell’Università di New York a concludere che stiamo attualmente lasciando “trilioni di dollari sul marciapiede”.
Un economista dell’Università del Wisconsin ha calcolato che i confini aperti
aumenterebbero il reddito di un angolano medio di circa $ 10.000 all’anno, e
di un nigeriano di $ 22.000 all’anno.

I confini del mondo erano ancora aperti solo un secolo fa.
“I passaporti sono buoni solo per infastidire gente onesta”, il detective  nel romanzo di Jules Verne Il giro del mondo in 80 giorni (1874) ribatte al Console britannico a Suez. “Sa che un visto è inutile, e che non è richiesto il passaporto? ” dice il console quando il protagonista, Phileas Fogg, chiede un timbro. Alla vigilia della prima guerra mondiale, i confini esistevano per lo più come linee su carta. I passaporti erano rari e i paesi che li rilasciavano (come la Russia e l’impero ottomano) erano considerati incivili. Inoltre, quella meraviglia della tecnologia del diciannovesimo secolo, il treno, era pronta a cancellare i confini per sempre. E poi è scoppiata la guerra. All’improvviso, i confini vennero sigillati per tenere le spie fuori e tutti quelli necessari per lo sforzo bellico all’interno. Ad una conferenza del 1920 a Parigi, la comunità internazionale arrivò al primo accordo sull’uso dei passaporti. Al giorno d’oggi, chiunque ripercorresse il viaggio di Phileas Fogg dovrebbe richiedere dozzine di visti, passare attraverso centinaia di punti di controllo di sicurezza, ed essere perquisito più volte di quante potrebbe contare. In questa era di “globalizzazione”, solo il 3% della popolazione del mondo vive al di fuori del paese di nascita. Stranamente, il mondo è spalancato per tutto tranne che per le persone. Beni, servizi e scorte attraversano il mondo. Le informazioni circolano liberamente, Wikipedia è disponibile in 300 lingue, e la NSA può facilmente controllare quali giochi John in Texas sta giocando sul suo smartphone. Certo, abbiamo ancora alcune barriere commerciali. In Europa, ad esempio, abbiamo tariffe sul chewing gum (€ 1,20 al Kg.) e gli Stati Uniti tassano le capre vive importate ($ 0,68 ognuna), ma se eliminassimo tali barriere, l’economia globale crescerebbe di solo pochi punti percentuali. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, alzando le restanti restrizioni sul capitale, si guadagnerebbero al massimo 65 miliardi di dollari. Spiccioli, secondo l’economista di Harvard Lant
Pritchett. Aprire le frontiere al lavoro aumenterebbe la ricchezza molto di più:
mille volte di più. In numeri: $ 65.000.000.000.000. A parole: sessantacinque
trilioni di dollari.