Il microcredito è ora un fenomeno globale. Ha raggiunto ovunque tra 150 e 200 milioni di mutuatari, principalmente donne, ed è disponibile per molti altri. A volte è descritto, quasi come un personaggio di un mito greco, come una bestia con due capezzoli – una missione di profitto e una missione sociale – e sotto tutti gli aspetti ha conosciuto successi impressionanti su entrambi i fronti. Da un lato, il premio Nobel per la pace, assegnato a Muhammad Yunus e alla Grameen Bank, ha incoronato una serie di riconoscimenti pubblici; d’altra parte, l’Offerta pubblica iniziale (IPO) di Compartamos, una grande IFM messicana, nella primavera del 2007 è stata un (controverso) trionfo del lato commerciale.
L’offerta ha raccolto $ 467 milioni per Compartamos, sebbene abbia attirato anche l’attenzione sui tassi di interesse del 100 percento in più. (Yunus ha espresso pubblicamente il suo malcontento, chiamando i nuovi amministratori delegati di Compartamos, ma altre IFM stanno già seguendo le loro orme: a luglio 2010, l’IPO di SKS Microfinance, la più grande istituzione di microfinanza dell’India, ha raccolto $ 354 milioni.) Si può capire perché A Yunus potrebbe non piacere l’associazione con l’usura, ma in un (buon) senso il microcredito viene reinventato per uno scopo sociale. Come i prestatori di denaro tradizionali, le IFM fanno affidamento sulla loro capacità di controllare da vicino il cliente, ma lo fanno in parte coinvolgendo altri mutuatari che conoscono il cliente. Il tipico contratto di IFM prevede prestiti a un gruppo di mutuatari, che sono responsabili per i reciproci prestiti e quindi hanno un motivo per cercare di assicurarsi che gli altri rimborsino. Alcune organizzazioni si aspettano che i mutuatari si conoscano quando vengono a prendere in prestito, mentre altri li riuniscono facendoli venire alle riunioni settimanali. L’atto stesso di incontrarsi ogni settimana aiuta i clienti a conoscersi meglio e a diventare più disposti ad aiutare un membro del gruppo che si trova ad affrontare una difficoltà temporanea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam