ECUADOR

L’Ecuador ha ricevuto un enorme afflusso di esiliati venezuelani, molti dei quali passano attraverso altri paesi. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha riferito che, a novembre, 385.042 migranti e rifugiati venezuelani vivevano in Ecuador. A gennaio, in risposta all’omicidio di una giovane donna incinta commesso da un giovane venezuelano nella città settentrionale di Ibarra, l’Ecuador ha annunciato nuovi requisiti per l’ingresso dei venezuelani. Questi includevano controlli di base certificati per precedenti penali e carte d’identità venezuelane ufficiali. A questo hanno fatto seguito una serie di attacchi violenti xenofobi e molestie contro i venezuelani. Sebbene la Corte costituzionale abbia temporaneamente sospeso i requisiti d’ingresso durante la loro valutazione, il governo ad agosto ha annunciato un visto umanitario di residenza temporanea di due anni per i venezuelani che include requisiti che in pratica sono difficili da applicare per i venezuelani. Nel luglio 2017, il governo colombiano ha creato un permesso speciale che consente ai cittadini venezuelani che entrano legalmente nel paese ma soggiornano oltre la data consentita dai loro visti di regolarizzare il loro status e ottenere permessi di lavoro e accesso ai servizi pubblici di base.