UGANDA

A marzo, il ministro della preparazione alle catastrofi e dei rifugiati, Hilary Onek, ha detto ai rifugiati del Ruanda e del Burundi di prendere in considerazione il ritorno a casa perché i loro paesi erano politicamente stabili, nonostante i rapporti dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati stabilissero che le condizioni non fossero ancora favorevoli al loro ritorno.