Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Al livello concettuale più elementare, il processo di bilancio federale americano è un completo pasticcio, assolutamente incapace di affrontare queste crisi aggravate. È un processo che presuppone che il governo sia vincolato dalla liquidità piuttosto che un emittente di valuta. Per sua stessa natura, rende ciechi i suoi partecipanti a qualsiasi obiettivo finale diverso da budget fiscali “bilanciati” nel lungo periodo. È un processo progettato dai tecnocrati per incatenare le opzioni politiche, per elevare i bisogni di voci contabili astratte rispetto ai bisogni degli esseri umani in carne e ossa.

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

I deficit che abbiamo identificato sono quelli che colpiscono di più la gente comune e sono stati ignorati per troppo tempo. Sono ciò che sta al centro di ogni società dignitosa. La nostra infrastruttura nazionale si sta sgretolando. Il costo di un’istruzione universitaria è sempre più fuori portata e quarantacinque milioni di americani sono gravati da oltre 1,6 trilioni di dollari di debiti per prestiti studenteschi. La disuguaglianza di reddito e ricchezza è vicina ai massimi storici; i lavoratori medi hanno visto il loro salario reale aumentare di appena il 3% dagli anni ’70. Quasi un americano su quattro afferma che non potrà mai permettersi di andare in pensione. Il nostro sistema sanitario è a dir poco inadeguato, con ottantasette milioni di persone non assicurate o sottoassicurate.

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Come risultato del suo aggressivo programma di acquisto di obbligazioni, la Banca Del Giappone detiene ora circa il 50% di tutti i titoli di stato giapponesi. Quindi, mentre il Giappone è spesso descritto come il paese sviluppato più indebitato al mondo, metà del suo debito è già stato sostanzialmente ritirato (cioè ripagato) dalla sua banca centrale. E potrebbe facilmente arrivare fino al 100 percento. Se così fosse, il Giappone diventerebbe il paese sviluppato meno indebitato al mondo. In un giorno. Gli economisti della MMT lo capiscono. Ma non molti altri sembrano rendersi conto di quanto sarebbe facile per un paese come il Giappone (o altri emittenti di valuta sovrani) ripagare l’intero debito pubblico. Si potrebbe fare domani, senza riscuotere un centesimo dai contribuenti.

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

La teoria monetaria moderna riconosce almeno 4 importanti motivi di tassazione:

1. Le tasse consentono ai governi di provvedere autonomamente senza l’uso della forza esplicita.

2. Spendere un sacco di soldi senza tassare può causare un problema di inflazione.

3. Le tasse sono un modo potente per i governi di alterare la distribuzione della ricchezza e del reddito.

4. I governi possono utilizzare le tasse per incoraggiare o scoraggiare determinati comportamenti.

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Nei paesi emittenti di valuta come gli Stati Uniti o il Regno Unito i disavanzi fiscali sono più che triplicati dal 2007 al 2009. Nel 2009, entrambi i paesi hanno visto i disavanzi schizzare da meno del 3% a circa il 10% del PIL. Eppure, nello stesso periodo, il tasso di interesse medio sui titoli di Stato a dieci anni è sceso dal 3,3 per cento all’1,8 per cento negli Stati Uniti e dal 5 per cento al 3,6 per cento nel Regno Unito. Questo perché entrambi i paesi hanno una banca centrale che agisce per conto del governo.

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Il governo greco non aveva più una banca centrale nazionale che potesse agire per suo conto compensando tutti i suoi pagamenti. Per finanziare la sua spesa, il governo aveva davvero bisogno di “trovare i soldi” in anticipo. Il modello (TAB)S = (Tax And Borrows) Spend, non si applica a un governo emittente valuta come gli Stati Uniti, ma si applica a un paese come la Grecia, che si è trasformata in un utente di valuta quando ha interrotto il legame tra la banca centrale greca e la parlamento greco. Il problema, come la Grecia scoprì rapidamente, era che i prestatori non erano disposti ad acquistare titoli di stato greci a meno che non ricevessero un premio sostanziale per l’ovvio rischio che stavano correndo prestando miliardi di euro a un utente di valuta che avrebbe potuto avere difficoltà a ripagarli. Dal 2009 al 2012, il tasso di interesse sui titoli di stato decennali greci è salito da meno del 6% a oltre il 35%.

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Un cattivo ragionamento porta a una cattiva politica. E la cattiva politica riguarda tutti noi. Una delle cose più illuminanti che ho imparato è venuta da un gioco che vorrei fare con i membri del comitato (o con i loro membri dello staff). L’ho fatto decine di volte e ho sempre avuto la stessa incredibile reazione. Cominciavo chiedendo loro di immaginare di aver scoperto una bacchetta magica con il potere di eliminare l’intero debito pubblico con un semplice movimento del polso. Poi chiedevo: “Volete agitare la bacchetta?” Senza esitazione, tutti volevano che il debito fosse cancellato. Dopo aver stabilito un desiderio incrollabile di cancellare il debito, facevo una domanda apparentemente diversa: “Supponiamo che la bacchetta abbia il potere di liberare il mondo dai titoli di stato statunitensi. La usereste?” La domanda generava sguardi perplessi, sopracciglia aggrottate ed espressioni pensierose. Alla fine, tutti decidevano di non agitare la bacchetta. Sfortunatamente, non puoi azzerare il debito nazionale senza eliminare anche lo strumento che compone il debito nazionale: i titoli di stato statunitensi. Sono la stessa cosa.

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Stephanie Kelton : ” The Deficit Myth “

Bernanke ha confutato l’affermazione secondo cui i dollari dei contribuenti sarebbero stati utilizzati per salvare le banche dopo la crisi finanziaria. “Le banche hanno conti con la Fed”, ha spiegato. “Usiamo semplicemente il computer per contrassegnare la dimensione degli account.” I contribuenti non hanno salvato Wall Street. Lo ha fatto il segnapunti.