Anthony M. Messina : ” The Logics And Politics Of Post WWII Migration To Western Europe “

Anthony M. Messina : ” The Logics And Politics Of Post WWII Migration To Western Europe “

In contrasto con lo stato liberale ed i suoi paradigmi realisti incorporati, che assumono la sovranità degli stati e il loro predominio nel sistema internazionale, il paradigma della globalizzazione suppone che la sovranità statale sia sostanzialmente diminuita negli ultimi decenni poiché il suo potere e la sua autorità sono stati severamente circoscritti da forze transnazionali che superano la loro portata ed influenza.
Secondo questo paradigma, poiché i costi di transazione della migrazione internazionale sono diminuiti, i confini nazionali sono diventati più porosi e i diritti di cittadinanza nel sistema politico postindustriale sono stati riconfigurati in modo che siano regolarmente esercitati dai membri “postnazionali”, inclusi i lavoratori migranti ed altri non cittadini, le prerogative dei singoli Stati di regolare i flussi di immigrazione e dettare le condizioni in cui gli immigrati sono incorporati nella comunità politica e nella società sono state significativamente e irreversibilmente compromesse.

Secondo le stime delle Nazioni Unite, per mantenere la vitalità dei sistemi di sicurezza sociale europei e mantenere una popolazione attiva di 170 milioni, l’UE dovrebbe ammettere a tempo indeterminato circa 1,4 milioni di immigrati permanenti all’anno.

Carmen M. Reinhart, Kenneth S. Rogoff : ” This Time Is Different: A Panoramic View Of Eight Centuries Of Financial Crises “

Carmen M. Reinhart, Kenneth S. Rogoff : ” This Time Is Different: A Panoramic View Of Eight Centuries Of Financial Crises “

I nostri dati rivelano che il fenomeno del default seriale è un rito universale di passaggio attraverso la storia per quasi tutti i paesi che affrontano lo stato di sviluppo dei mercati emergenti. Ciò include non solo l’America Latina, ma l’Asia, il Medio Oriente e l’Europa. Scopriamo inoltre che l’inflazione elevata, gli arresti di valuta e le svalutazioni spesso vanno di pari passo con il default. Infine, ma non meno importante, scopriamo che storicamente, ondate significative di aumento della mobilità del capitale sono spesso seguite da una serie di crisi bancarie interne.

Con la sua successiva serie di inadempienze del diciannovesimo secolo, la Spagna ottenne il primato per la maggior parte delle insolvenze dalla Francia, che aveva abrogato i suoi obblighi di debito in otto occasioni tra il 1500 e il 1800. Poiché i monarchi francesi avevano l’abitudine di pagare i principali creditori nazionali durante gli episodi di default del debito esterno (una prima forma di “ristrutturazione del debito”), la popolazione è arrivata a riferirsi a questi episodi come “salassi di sangue”. Il ministro delle finanze francese Abbe Terray, che prestò servizio tra il 1768 e il 1774, sostenne addirittura che i governi dovrebbero essere inadempienti almeno una volta ogni 100 anni per ristabilire l’equilibrio.

L’Inghilterra, tuttavia, ha un primato precedente. Edoardo III, di Gran Bretagna si indebitò con i finanziatori italiani nel 1340 (vedi, ad esempio, MacDonald, 2007), dopo una fallita invasione della Francia che scatenò la Guerra dei Cent’anni. Un secolo dopo, Enrico VIII, oltre a impegnarsi in un epico declassamento della valuta, conquistò tutte le vaste terre della Chiesa cattolica. Pur non essendo strettamente un inadempimento obbligazionario, tali sequestri, spesso accompagnati da esecuzioni, si qualificano come rinegoziazione di obbligazioni finanziarie.

I valori di default sono anche abbastanza sensibili al ciclo del flusso di capitale globale. Quando i flussi scendono precipitosamente, più paesi scivolano in default.
Esiste una marcata correlazione visiva tra i picchi nel ciclo del flusso di capitale e le nuove impostazioni predefinite sul debito sovrano. I conti correnti dei centri finanziari catturano le pressioni dell ‘”eccesso di risparmio globale”, in quanto forniscono una misura netta dei risparmi paese-centrici in eccesso, piuttosto che la misura lorda fornita dalle serie di flussi di capitale nei nostri dati.

Wendy Brown : ” In The Ruins Of Neoliberalism “

Wendy Brown : ” In The Ruins Of Neoliberalism “

Soprattutto, quando il neoliberismo si riduce alla politica economica o alla razionalità, ci rende ciechi a tre cambiamenti tettonici nell’organizzazione e nella coscienza dello spazio nel quale essi stimolano certe reazioni politiche oggi e organizzano il teatro in cui si verificano.

Il primo di questi cambiamenti è l’orizzonte perduto dello stato, conseguente alla globalizzazione. Dai flussi di capitali ai flussi di immigrati, dalle reti digitali alle catene di approvvigionamento, il mondo ha invaso la nazione, indebolendo i suoi confini e la sua sovranità, ridistribuendo la produzione e il consumo e trasformando le condizioni esistenziali e le prospettive di ogni tipo di popolazione: rurale, suburbana, e urbana. Se questo cambiamento ha incitato il rancore sia verso i nuovi immigrati sia verso la politica e i politici ritenuti responsabili per averli lasciati invadere l’Occidente, sta anche producendo una divisione tra coloro che lo accettano e quelli che si ribellano furiosamente contro di esso.

Il secondo spostamento spaziale comporta la distruzione neoliberale del sociale. Mentre il neoliberismo dissolve quella sfera in un ordine di mercato, da un lato, e in uno familiare, dall’altro, lo spazio di uguaglianza civica e preoccupazione per il bene comune che la democrazia richiede scompare. Allo stesso tempo, l’ascesa del digitale genera una socialità radicalmente deterritorializzata e dedemocratizzata. Questa socialità non presenta protocolli chiari di condivisione del potere, rafforzamento o impegno a negoziare opinioni e bisogni, inclusioni o pluralità diverse. Qualunque siano i loro meriti, le “società” digitalizzate sono distaccate dalla sfida di condividere il potere equamente per dominare noi stessi. Possono avere altri potenziali democratizzanti, ma essi stessi non sono sostituti delle pratiche democratiche e dell’uguaglianza politica di cui hanno bisogno.

Il terzo spostamento spaziale riguarda l’ascesa del capitale finanziario e la modalità di valore che introduce nel mondo. Le multinazionali e le catene di montaggio globali post-fordismo hanno già messo in discussione la visibilità e la tangibilità della proprietà e del controllo del capitale. Tuttavia, i poteri vaporosi della finanza, che governano tutto, ma non vivono da nessuna parte, sono simili a una rivoluzione copernicana per la soggettività in relazione ai poteri che formano e governano il mondo. In effetti, proprio come la terra rotonda non può essere vista, ma può essere conosciuta solo in modo deduttivo, attraverso i suoi effetti, la regola da parte della finanza comporta una trasformazione della coscienza spaziale che paradossalmente si basa sulla disparializzazione del potere in quanto tale, non solo la deterritorializzazione identificata con la globalizzazione nei suoi primi decenni.

Wendy Brown : ” In The Ruins Of Neoliberalism “

Wendy Brown : ” In The Ruins Of Neoliberalism “

“Insieme alla paura dell’uomo abbiamo anche perso il nostro amore per lui, la nostra riverenza per lui, le nostre speranze per lui, persino la volontà per lui”. Di conseguenza, “che cosa è il nichilismo oggi se non questo? – Siamo stanchi dell’uomo”.
Tuttavia, il racconto di Nietzsche sul nichilismo, in cui prima Dio e poi l’uomo vengono rovesciati come fonte fondamentale di verità e moralità, è inadeguato al nostro presente. Altre cose influenzano il corso e le manifestazioni contemporanee del nichilismo. Oggi, ad esempio, il nichilismo si intensifica in un mondo che riflette l’umanità in quanto ha portato la specie a una miseria senza precedenti e il pianeta sull’orlo della distruzione. L'”uomo” non ha semplicemente perso valore o significato stabile, ma è accusato da una miriade di poteri generati, ma non controllati dagli umani, poteri che diminuiscono, deridono, rimproverano e mettono in pericolo l’uomo, non solo lo svalutano. Appariamo non solo senza nobiltà e grandezza, ma senza nemmeno la capacità di provvedere a noi stessi o o di rimediare ai danni provocati. Una specie di bambini giganti, assetati di potere, bramosi di piacere e portati al gioco; dobbiamo ancora diventare responsabili delle nostre creazioni, della nostra storia. Il paradosso dei poteri creati dall’umanità che diminuiscono l’umano rivelando la nostra incapacità di dirigere i nostri destini o persino di preservare noi stessi e il nostro habitat, raggiungendo nuove vette quando questi poteri vengono rivelati come tutto ciò che conta al mondo – questo genera un nichilismo al di là della più sfrenata immaginazione di Nietzsche.

Wendy Brown : ” In The Ruins Of Neoliberalism “

Wendy Brown : ” In The Ruins Of Neoliberalism “

La notevole stretta concordanza dell’Unione europea con questa visione nella gestione della crisi fiscale post 2008 ha portato diversi studiosi a sostenere che l’UE è diventata una politica ordoliberale. Se questo è corretto, il suo “deficit democratico” è ora una parte intrinseca, piuttosto che involontaria e facilmente risolvibile del progetto. Ciò che dovrebbe essere chiaro a questo punto è che, contrariamente a Hayek e Friedman, il liberalismo autoritario – tecnocratico non è una fase di transizione per gli ordoliberali, ma piuttosto la forma governativa appropriata al capitalismo moderno. Gli stati ordinoliberali non possono abbracciare la partecipazione dei cittadini o la condivisione democratica del potere; piuttosto, sono modellati da “un’espressione chiara e inattaccabile di volontà politica” fondata sull’esperienza tecnica. La gestione del capitalismo richiede una gestione non politica e non democratica da parte di autorità informate che intervengono “non sul mercato ma per il mercato… sulle condizioni del mercato “. Questa “terza via” economica (né il laissez-faire, né i regolamenti statali o la proprietà) è possibile solo se lo stato è isolato sia dagli interessi politici sia dal processo decisionale democratico. Tuttavia questo stato non democratico non deve essere antiliberale, neppure in una crisi, anche quando le sue caratteristiche autoritarie si manifestano chiaramente. L’imposizione di misure di austerità e di altre politiche che schiacciano, sradicano o rendono indigenti determinate popolazioni può evitare di toccare le libertà personali. Inoltre, il mercato stesso è ordinato liberalmente dai principi microeconomici della concorrenza e dall’efficiente meccanismo dei prezzi.

Wendy Brown : ” In The Ruins Of Neoliberalism “

Wendy Brown : ” In The Ruins Of Neoliberalism “

Ora siamo in grado di capire ciò che Hayek considera così pericoloso riguardo ai “guerrieri della giustizia sociale” che rifarebbero il mondo secondo un piano razionale o un grande calcolo morale. Essi attingono alla “presunzione fatale” della società e al principio sbagliato dell’uguaglianza per attaccare i pilastri gemelli della civiltà, della moralità tradizionale e dei mercati competitivi. Sono animati da una forma di primitivismo sociale e intellettuale che immagina un regista dietro “tutti i processi di auto-ordinamento” e manca della maturità per comprendere l’evoluzione storica e la cooperazione sociale che supera il disegno intenzionale. Sono infantili e richiedono l’uguaglianza dei risultati. Sottomettono in modo inappropriato la moralità a standard razionali e confondono il mercato e la giustizia morale con gli esiti, piuttosto che con le regole. Intervengono sui mercati in modo da danneggiare l’innovazione, lo sviluppo e l’ordine spontaneo. Oltre ad essere semplicemente fuorviante, la giustizia sociale attacca la giustizia, la libertà e lo sviluppo della civiltà garantiti da mercati e morale. Se la fiducia nella gestione sociale e politica della società è ciò che ci porta su questa strada, allora la società deve essere smantellata. Nel neoliberismo realmente esistente, questo smantellamento ha luogo su molti fronti. Epistemologicamente, smantellare la società implica negarne l’esistenza.

Politicamente, ciò comporta lo smantellamento o la privatizzazione dello stato sociale: welfare, istruzione, parchi, salute e servizi di ogni genere. Legalmente, implica il possesso di rivendicazioni sulla libertà per sfidare l’uguaglianza e laicità insieme a tutela dell’ambiente, della salute, della sicurezza, del lavoro e dei consumatori. Eticamente, implica sfidare la giustizia sociale con l’autorità naturale dei valori tradizionali. Culturalmente, implica una versione di ciò che gli ordoliberali chiamavano “demassificazione”, sostenendo individui e famiglie contro le forze del capitalismo che li minacciano.

Herman Daly : ” Growthism – Its Ecological, Economic and Ethical Limits “

Herman Daly : ” Growthism – Its Ecological, Economic and Ethical Limits “

Abbiamo molti problemi – povertà, disoccupazione, distruzione ambientale, cambiamento climatico, instabilità finanziaria, ecc. – ma solo una soluzione per tutto, vale a dire la crescita economica. Crediamo che la crescita sia la soluzione vantaggiosa e vincente per tutti i problemi, o almeno il presupposto necessario per qualsiasi soluzione. Questo è il crescitismo. Ora esso crea più problemi di quanti ne risolva.