Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

All’indomani della guerra, il ruolo dello Stato incombeva, sia come investitore, a sostegno di un salario sociale (il welfare state), sia, più tardi, dopo gli anni ’70, come sostenitore finanziario, con l’esplosione del debito pubblico. Lo Stato è un argomento estremamente complesso all’interno della società – né le statistiche né l’attuale quadro giuridico sono sufficienti per descrivere tutti i tipi e la complessità dell’intervento diretto e indiretto dello Stato sulla struttura dell’economia, sulle relazioni / condizioni di lavoro e sullo stile di vita. Non è il momento né il luogo per discuterne, ma è uno degli esiti principali della Seconda Guerra Mondiale: ovvero lo Stato si alza e si consolida, in termini di mantenimento della forza lavoro (sanità), di formazione (istruzione e formazione); politiche fiscali; debito pubblico e bilanci; aree pubbliche e gestione dei trasporti, ecc. Inoltre, le classi lavoratrici sono state incorporate nella produzione, in un contesto di scarsità di forza lavoro.

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Hiroshima non è mai stata “necessaria per vincere la guerra”. A Yalta, nel febbraio 1945, fu concordato che l’URSS sarebbe entrata in guerra contro il Giappone tre mesi dopo la resa tedesca. Ciò avvenne l’8 maggio 1945, quindi i russi sarebbero entrati e, di fatto, entrarono in guerra contro il Giappone l’8 agosto 1945. Ma gli USA, sganciando la bomba su Hiroshima il 6 agosto e su Nagasaki il 9 agosto provocarono la resa incondizionata del Giappone. Il 15 Agosto, l’imperatore giapponese Hirohito annunciò ai suoi sudditi la resa, firmata a Tokio Bay il 2 settembre 1945, a bordo della corazzata americana Missouri. Quindi, e contrariamente a quanto accaduto in Germania, gli Stati Uniti non dovevano condividere il territorio giapponese con i russi. Più di 200.000 persone sono morte sotto le due bombe atomiche. Il novanta per cento di questi erano civili. Non si sa quanti siano morti o si siano deformati e / o ammalati negli anni successivi a causa degli effetti delle radiazioni.

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

L’esercito americano scelse la base di Alamogordo nel New Mexico come piattaforma sperimentale per il suo programma nucleare. C’erano circa 3.000 lavoratori pronti a costruire la bomba atomica, a partire dal 1943. Molti dei fisici che facevano parte del progetto guidato da Oppenheimer lo fecero per impedire alla Germania di Hitler di sviluppare una simile bomba. Due di loro, non appena riconobbero che questo pericolo non esisteva più, nel 1944, si ritirarono dal progetto: Jozef Rotblat e Edward Condon. Nel giugno 1945, dopo la resa tedesca, un gruppo di scienziati guidati da James Franck chiese al governo degli Stati Uniti che la bomba non fosse usata in Giappone, ma su un’isola deserta. Alcuni funzionari e militari del governo giapponese avrebbero dovuto essere invitati a guardare la bomba esplodere e quindi, pensavano questi fisici, la calamità di Hiroshima e Nagasaki avrebbe potuto essere prevenuta. Il rapporto Franck è stato inoltrato al presidente Truman, che ha respinto la proposta.

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Ma perché gli ebrei sono stati uccisi e non hanno continuato a lavorare nei campi? La decisione di ucciderli (la “soluzione finale”) fu presa alla conferenza di Wannsee il 20 gennaio 1942. In questa conferenza, i nazisti calcolarono che era impossibile nutrire l’intero impero nazista con proteine (avrebbero mangiato solo patate) perché dopo la sconfitta a est, dove si trovavano le terre più fertili, in Ucraina, non avevano accesso ai campi di produzione essenziali. Per ottenere quella porzione di proteine per conto proprio, i nazisti conclusero che era necessario smettere di nutrire da 6 a 7 milioni di persone, anche se scarsamente. Alla prima Conferenza di Wannsee, è stata decisa la “soluzione finale”, la morte per gas, contro gli ebrei. Alla quinta Conferenza di Wannsee, è stata applicata ai Rom.

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Oggi è chiaro alla storiografia che il nazismo non è progredito solo con la forza della tecnica militare, dove c’erano evidenti fallimenti, ma anche attraverso la demoralizzazione politica dei suoi oppositori. Uno dei carri armati più potenti di Hitler fu la sconfitta della rivoluzione spagnola, la fine della speranza sul fronte popolare francese, la vacillante socialdemocrazia tedesca, la disastrosa politica del terzo periodo dell’Internazionale comunista – un ambiente psicologico che non può essere misurato quantitativamente . Tuttavia, non c’è dignità storica senza misurare l’impatto psicologico, su scala di milioni, di vittorie e sconfitte politiche.

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Il capitalismo ha permesso, abbattendo le barriere del sistema chiuso feudale o semifeudale, di introdurre la concorrenza, il mercato interno, il lavoro salariato, guidando il più grande salto nello sviluppo delle forze produttive di tutta l’umanità. Tuttavia, nell’ultimo terzo del diciannovesimo secolo, la prima grande depressione (1870) stava già dando segni di un motore innestato: “Mostrando l’esistenza di un surplus di capitale assoluto senza condizioni oggettive per alimentare il circuito di valutazione, l’incendio di la ricchezza diventa un imperativo del metabolismo del capitale, cioè guerra e barbarie, la produzione per la distruzione sarà il fatto principale e più catastrofico del ventesimo secolo: due guerre mondiali uccisero da 70 a 80 milioni di persone, in un violento processo politico di “liquidazione di valore”-“la distruzione della ricchezza è l’unico mezzo per ripristinare le condizioni per la ripresa del processo di accumulazione”. Come ci ricorda Chris Harman, l’imperialismo non è solo una fase della storia in cui c’è una disputa per le colonie, è un sistema la cui logica era la militarizzazione e la guerra totali, indipendentemente dalla dislocazione sociale che ciò ha causato.

Caroline Knowles : ” Flip-Flop “

Caroline Knowles : ” Flip-Flop “

La Cina ha la quarta flotta marittima più grande del mondo. Ma è il secondo più grande fornitore di marittimi, che operano le navi che tessono collegamenti translocali. L’ottantacinque percento della gente di mare del mondo proviene dal sud del mondo, e le Filippine sono il fornitore numero uno. In un’industria che deve ridurre i costi di trasporto per rimanere competitivi, i marittimi cinesi e filippini formano una forza lavoro a basso costo. Come i lavoratori delle fabbriche di infradito, i marittimi sono impiegati in modo flessibile, viaggio per viaggio. L’indagine sulle loro condizioni di lavoro rivela tensioni tra lo spazio dell’equipaggio e lo spazio di carico, le preoccupazioni per la sistemazione in cabina e le strutture a bordo, nonché il malcontento per la retribuzione, lo stile di vita in mare, il rischio e gli incidenti.

OXFAM – ” Come i governi possono andare oltre il PIL “

OXFAM – ” Come i governi possono andare oltre il PIL “

La necessità per i governi di mettere la crescita del PIL in una prospettiva diversa è stata evidenziata molto prima che l’attuale crisi colpisse.

– Nel gennaio 2009, una commissione internazionale di alto profilo (CMEPSP) ha raccomandato indicatori su disuguaglianza, benessere, sviluppo sostenibile e ambiente.

– In un documento di riferimento del 2018 invitato al Global Sustainable Development Report, scienziati indipendenti hanno sostenuto che i governi dovrebbero concentrare le proprie economie sugli obiettivi di miglioramento della vita e di riduzione delle emissioni.

– Una bozza di rapporto del settembre 2019, commissionata dall’OCSE, ha concluso che “i tempi sono maturi per un cambio di paradigma” e ha raccomandato che gli indicatori sociali e ambientali fossero necessari per guidare il processo decisionale.

Le singole città e paesi come la Nuova Zelanda stanno già fornendo esempi di buone pratiche sull’uso delle misurazioni oltre il PIL per informare il processo decisionale e chiaramente non mancano metodi per orientare il processo decisionale verso il benessere e la sostenibilità.

Accessibilità di un reddito di base

Nel maggio 2020 la Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi (ECLAC) ha stimato che coprire i bisogni di base di 215 milioni di persone che vivono in povertà (34,7% della popolazione) per il 2020 costerebbe il 2,8% del PIL. A settembre, secondo la Banca mondiale, la spesa totale per la protezione sociale nella regione era solo dello 0,92% del PIL, inclusi trasferimenti di denaro, assicurazioni sociali e lavoro. In confronto, la regione attualmente perde di più a causa dell’elusione e dell’evasione fiscale, al 6,1% del PIL.

Emily Kenway : ” The Truth About Modern Slavery “

Emily Kenway : ” The Truth About Modern Slavery “

In questo contesto globale estremamente disuguale, con le aziende che abbassano i prezzi e accelerano i tempi degli ordini, è logico che i lavoratori verranno sfruttati e che parte di tale sfruttamento sarà estremo. Ed è una strategia aziendale mirata per localizzare la produzione in paesi con bassa protezione dei lavoratori dove è più probabile che si verifichi lo sfruttamento. La liberalizzazione del commercio che fa parte del modo di governo neoliberista – in base al quale le restrizioni e le barriere al commercio del settore privato vengono rimosse o ridotte – ha dato alle imprese l’opportunità di selezionare dove collocare la loro produzione sulla base dei costi più bassi, il che significa bassi salari e scarse protezioni per i lavoratori. Ciò ha creato la concorrenza tra i paesi che competono per essere centro di fornitori per le nostre aziende, con organismi internazionali come la Banca mondiale che incoraggiano questo approccio. Ma mentre al capitale aziendale è stato permesso di diffondersi senza restrizioni in tutto il mondo, ai diritti dei lavoratori non è stata concessa la stessa opportunità. Questo ci porta a un punto importante: lo sfruttamento del tipo concettualizzato nella moderna storia della schiavitù è tutt’altro che un’aberrazione; ne è una caratteristica strutturale.

Emily Kenway : ” The Truth About Modern Slavery “

Emily Kenway : ” The Truth About Modern Slavery “

La minaccia non è ai nostri confini. Non è un virus curabile con la prescrizione di raid e salvataggi. È molto più vicino a casa. È il vero sangue della nostra società ed economia e del modo in cui trattiamo il resto del mondo. Se lo ignoriamo, permettiamo che gravi danni umani si perpetuino.

Non è “usare lavoro illegale” che sfrutta le persone, ma creare la stessa categoria di “lavoro illegale” perché criminalizzando le persone prive di documenti, le spingiamo nella parte informale della nostra economia, dove le normative non arrivano e gli abusi non vengono risolti , creando una ricetta per lo sfruttamento.