The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Un aspetto dell’economia digitale è che pone nuove sfide per il diritto della concorrenza, le fusioni e acquisizioni e il benessere dei consumatori. L’ascesa delle imprese produttrici di piattaforme solleva questioni legate al potere di mercato (figura 2.2). Gli effetti di rete associati ad alcuni prodotti online spesso portano a benefici significativi per i primi utenti, con conseguente concentrazione del mercato e facilitazione alla nascita di monopoli. Nel 2017 Safaricom, il più grande operatore di telefonia mobile del Kenya, con l’80% del mercato, ha lanciato M-Pesa, il primo sistema di moneta mobile del paese. Un anno dopo, M-Pesa aveva la stessa quota di mercato nella moneta mobile.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

È difficile stimare la dimensione della gig economy. Laddove esistono dati, i numeri sono ancora piccoli. I dati provenienti da Germania e Paesi Bassi indicano che solo lo 0,4 per cento della forza lavoro di quei paesi è attivo nella gig economy. Nel mondo, la popolazione totale di liberi professionisti è stimata in circa 84 milioni, ovvero meno del 3 percento della forza lavoro globale di 3,5 miliardi. Una persona considerata come libero professionista può anche svolgere un lavoro tradizionale. Negli Stati Uniti, ad esempio, oltre i due terzi dei 57,3 milioni di liberi professionisti svolgono un lavoro tradizionale, utilizzando i freelance per integrare il proprio reddito. La migliore stima è che meno dello 0,5 percento della forza lavoro attiva partecipi alla gig economy a livello globale, con meno dello 0,3 percento nei paesi in via di sviluppo.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Fin dall’inizio, i robot dovevano sostituire gli umani sul posto di lavoro. In effetti, Karel Capek, lo scrittore ceco che ha inventato la parola robot nel 1920, ha usato la parola in lingua slava per lavoro, robota, per chiarire a cosa sarebbero servite queste macchine. Nel corso dell’ultimo secolo, le macchine hanno sostituito i lavoratori in molti compiti. A conti fatti, tuttavia, la tecnologia ha creato più posti di lavoro di quanti ne abbia spostato. La tecnologia ha portato una maggiore produttività del lavoro in molti settori riducendo la domanda di compiti di routine per i lavoratori. Eppure, così facendo, ha aperto le porte a nuovi settori una volta immaginati solo nel mondo della fantascienza.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

La disuguaglianza nella maggior parte delle economie emergenti è diminuita o è rimasta invariata nell’ultimo decennio. Dal 2007 al 2015, 37 di 41 di queste economie hanno sperimentato un calo o nessuna variazione nella disuguaglianza, misurata dal coefficiente Gini. Le quattro economie emergenti in cui le disuguaglianze sono aumentate sono state l’Armenia, la Bulgaria, il Camerun e la Turchia. Nella Federazione Russa, tra il 2007 e il 2015, la misura della disuguaglianza di Gini è scesa da 42 a 38. Tra il 2008 e il 2015, la quota di reddito del 10% superiore della popolazione (basata sul reddito al lordo delle imposte) è scesa dal 52 al 46%. La quota di occupazione nelle piccole imprese è aumentata durante quel periodo, il che ha migliorato i salari rispetto a quelli delle grandi imprese. Eppure c’è poco da festeggiare nel fatto che la disparità di reddito non è, nonostante le percezioni, in aumento – e ancor meno se si considera che 2 miliardi di persone a livello globale lavorano nell’economia informale, dove molti non hanno alcuna protezione. L’assicurazione sociale è praticamente inesistente nei paesi a basso reddito e anche nei paesi a medio-alto reddito raggiunge solo il 28 percento delle persone più povere.

John Torpey : ” The Invention Of Passport “

John Torpey : ” The Invention Of Passport “

Nei suoi scritti, Karl Marx ha cercato di dimostrare che il processo di sviluppo capitalistico implicava l’espropriazione dei “mezzi di produzione” dai lavoratori da parte dei capitalisti. Il risultato di questo processo fu che i lavoratori furono privati ​​della capacità di produrre da soli e divennero dipendenti dai salari dei proprietari dei mezzi di produzione per la loro sopravvivenza. Prendendo in prestito questa retorica, il più grande erede e critico di Marx, Max Weber, ha sostenuto che una caratteristica centrale dell’esperienza moderna è stata l’espropriazione di successo da parte dello stato dei “mezzi di violenza” dagli individui. Nel mondo moderno, in contrasto con il periodo medievale in Europa e con molta esperienza storica altrove, solo gli Stati potevano “legittimamente” usare la violenza; tutti gli altri potenziali detentori della violenza devono essere autorizzati dagli stati a farlo.
Gli stati moderni, e il sistema statale internazionale di cui fanno parte, hanno espropriato da individui e entità private i legittimi “mezzi di movimento”, soprattutto se non esclusivamente oltre i confini internazionali. Il risultato di questo processo è stato quello di privare le persone della libertà di muoversi attraverso determinati spazi e di renderle dipendenti dagli stati e dal sistema statale per l’autorizzazione a farlo – un’autorità ampiamente detenuta fino ad allora in mani private.

Yuval Noah Harari : ” Homo Deus – A Brief History of Tomorrow “

Yuval Noah Harari : ” Homo Deus – A Brief History of Tomorrow “

La medicina del ventesimo secolo ha beneficiato le masse perché il ventesimo secolo era l’era delle masse. Gli eserciti del ventesimo secolo avevano bisogno di milioni di soldati sani e l’economia aveva bisogno di milioni di lavoratori sani. Di conseguenza, gli stati hanno istituito servizi di sanità pubblica per garantire la salute e il vigore di tutti. I nostri più grandi successi medici sono stati la fornitura di strutture igieniche di massa, le campagne di vaccinazioni di massa e il superamento di epidemie di massa. L’élite giapponese nel 1914 aveva un interesse acquisito nel vaccinare i poveri e costruire ospedali e sistemi fognari negli slum, perché se volevano che il Giappone fosse una nazione forte con un forte esercito e un’economia forte, avevano bisogno di molti milioni di soldati sani e lavoratori. Ma l’era delle masse potrebbe essere finita, e con essa l’era della medicina di massa. Mentre i soldati e gli operai umani cedono il passo agli algoritmi, almeno alcune élite potrebbero concludere che non ha senso fornire condizioni di salute migliorate o addirittura standard a masse di poveri inutili, ed è molto più sensato concentrarsi sull’aggiornamento di una manciata di superumani oltre la norma.

A differenza del ventesimo secolo, quando l’élite aveva interesse a risolvere i problemi dei poveri perché militarmente ed economicamente vitali, nel ventunesimo secolo la strategia più efficiente (anche se spietata) potrebbe essere quella di lasciar andare le inutili carrozze di terza classe e scattare in avanti solo con la prima classe. Per competere con il Giappone, il Brasile potrebbe aver bisogno di una manciata di superumani potenziati, molto più di milioni di lavoratori ordinari sani.

I grandi progetti umani del ventesimo secolo – superare carestie, peste e guerre – miravano a salvaguardare una norma universale di abbondanza, salute e pace per tutte le persone senza eccezioni. Anche i nuovi progetti del ventunesimo secolo – ottenere l’immortalità, la beatitudine e la divinità – sperano di servire l’intera umanità. Tuttavia, poiché questi progetti mirano a superare piuttosto che salvaguardare la norma, potrebbero benissimo sfociare nella creazione di una nuova casta sovrumana che abbandonerà le sue radici liberali e tratterà gli umani normali non meglio di come gli africani del diciannovesimo secolo sono stati trattati dagli europei.

Yuval Noah Harari : ” Homo Deus – A Brief History of Tomorrow “

Yuval Noah Harari : ” Homo Deus – A Brief History of Tomorrow “

Nel diciannovesimo secolo la rivoluzione industriale creò una nuova enorme classe di proletariati urbani e il socialismo si diffuse perché nessun altro riuscva a rispondere ai loro bisogni, speranze e paure senza precedenti. Il liberalismo alla fine sconfisse il socialismo solo adottando le parti migliori del programma socialista. Nel ventunesimo secolo potremmo assistere alla creazione di una nuova grande classe sociale: persone prive di qualsiasi valore economico, politico o anche artistico, che non contribuiscono per nulla alla prosperità, al potere e alla gloria della società. Nel settembre 2013 due ricercatori di Oxford, Carl Benedikt Frey e Michael A. Osborne, hanno pubblicato “The Future of Employment”, in cui hanno esaminato la probabilità che diverse professioni vengano rilevate da algoritmi informatici entro i prossimi vent’anni. Il problema cruciale non è creare nuovi posti di lavoro. Il problema cruciale è creare nuovi posti di lavoro che gli esseri umani eseguano meglio degli algoritmi.

Yuval Noah Harari : ” Homo Deus – A Brief History of Tomorrow “

Yuval Noah Harari : ” Homo Deus – A Brief History of Tomorrow “

La domanda più importante nell’economia del ventunesimo secolo potrebbe benissimo essere cosa fare di tutte le persone superflue. Cosa faranno gli esseri umani coscienti, una volta che avremo algoritmi non coscienti altamente intelligenti che possono fare quasi tutto meglio?
Nel corso della storia il mercato del lavoro è stato suddiviso in tre settori principali: agricoltura, industria e servizi. Fino al 1800 circa, la stragrande maggioranza delle persone lavorava nell’agricoltura e solo una piccola minoranza lavorava nell’industria e nei servizi. Durante la rivoluzione industriale le persone nei paesi sviluppati hanno lasciato i campi e il bestiame. La maggior parte ha iniziato a lavorare nell’industria, ma un numero crescente ha anche iniziato a lavorare nel settore dei servizi. Negli ultimi decenni i paesi sviluppati hanno subito un’altra rivoluzione, con la scomparsa dei posti di lavoro nell’industria, mentre il settore dei servizi è cresciuto. Nel 2010 solo il 2% degli americani lavorava in agricoltura, il 20% nell’industria, il 78% lavorava come insegnanti, medici, designer di pagine web e così via. Quando algoritmi senza cervello saranno in grado di insegnare, diagnosticare e progettare meglio degli umani, cosa faremo?

Carmen M. Reinhart, Kenneth S. Rogoff :” This Time Is Different: Eight Centuries of Financial Folly “

Carmen M. Reinhart, Kenneth S. Rogoff :” This Time Is Different: Eight Centuries of Financial Folly “

La sorprendente correlazione tra la mobilità più libera del capitale e l’incidenza delle crisi bancarie è in linea con la moderna teoria delle crisi. Periodi di elevata mobilità del capitale internazionale hanno ripetutamente prodotto crisi bancarie internazionali, non solo come è accaduto in maniera eclatante negli anni ’90, ma storicamente.