Sandro Mezzadra and Brett Neilson : ” Border As Method. Or, The Multiplication Of Labor “

Sandro Mezzadra and Brett Neilson : ” Border As Method. Or, The Multiplication Of Labor “

Nelle epoche precedenti del capitalismo, era possibile identificare un singolo ciclo del prodotto principale (produzione tessile o automobilistica) e mappare la sua distribuzione spaziale per ottenere una rappresentazione cartografica della geografia generale del capitalismo. Oggi questo sembra molto più difficile. “Una caratteristica sorprendente del capitalismo contemporaneo”, scrive Silver, “è il suo eclettismo e flessibilità, visibile nella vertiginosa gamma di scelte nei beni di consumo e nel rapido emergere di nuovi prodotti e nuovi modi di consumare vecchi prodotti” (Silver 2003, 104). Ciò porta Silver a identificare almeno quattro settori emergenti come candidati per assumere il traino nel condurre un ciclo di prodotti: l’industria dei semiconduttori, i servizi alla produzione, l’industria dell’istruzione e i servizi alla persona. Ognuno di questi settori produce chiaramente il proprio spazio economico su scala mondiale, con particolari squilibri geografici e gerarchie. I frame risultanti dell’organizzazione spaziale sono tutt’altro che coincidenti. Tuttavia (e questo è ancora più importante), una combinazione specifica di questi quattro settori caratterizza, sebbene in proporzioni molto diverse, il capitalismo contemporaneo attraverso diverse scale geografiche e ben oltre ogni divisione tra nucleo e periferia.

Sandro Mezzadra and Brett Neilson : ” Border As Method. Or, The Multiplication Of Labor “

Sandro Mezzadra and Brett Neilson : ” Border As Method. Or, The Multiplication Of Labor “

Le pratiche di mobilità sono parte integrante della conseguente eterogeneità del lavoro vivente comandato e sfruttato dal capitale. L’approfondimento di questa eterogeneità deve essere colto se vogliamo spiegare con successo la proliferazione di confini che caratterizza il nostro presente globale. Questo approfondimento dell’eterogeneità del lavoro e questa proliferazione di confini tagliano e attraversano la mappa del mondo. Essi destabilizzano la possibilità stessa di dare per scontate le grandi divisioni quali nucleo e periferia, mettendo in discussione anche la capacità dei confini nazionali di circoscrivere spazi economici omogenei. Ciò non significa che il concetto di divisione internazionale del lavoro sia diventato inutile.

Ovviamente, non viviamo in un mondo “liscio”, in cui la geografia non conta più e il divario tra il comando (e le frontiere) del capitale e la sovranità politica (e i confini) sta svanendo. Questo divario continua ad esistere ma si articola all’interno di mutevoli assemblaggi di territorio e potere, che operano secondo una logica molto più frammentata e sfuggente di quanto non fosse nell’età classica dello stato-nazione.

Sandro Mezzadra and Brett Neilson : ” Border As Method. Or, The Multiplication Of Labor “

Sandro Mezzadra and Brett Neilson : ” Border As Method. Or, The Multiplication Of Labor “

“Un luogo non esiste semplicemente”, afferma il giovane narratore indiano del romanzo di Amitav Ghosh The Shadow Lines (1988), “deve essere inventato nella propria immaginazione”. Con questo pensiero, il narratore di Ghosh critica il suo amico di famiglia per aver dato per scontati lo spazio, il luogo e la geografia.
Inventati e istituiti attraverso processi storici spesso violenti, i confini sono siti di confronto, contatto, blocco e passaggio (metageografia).

Il romanzo di Ghosh è una testimonianza di tali processi di confine.
Preoccupato a livello centrale della divisione del subcontinente dell’Asia meridionale del 1947 e delle rivolte comunali che hanno preceduto la guerra di liberazione del Pakistan orientale, che ha portato alla creazione del Bangladesh nel 1971, The Shadow Lines esplora anche un’altra serie di confini che dividono lepersone dagli altri e da se stessi. Questi includono i confini che separano il colonizzatore dal colonizzato, il presente dal passato, la memoria dalla realtà, l’identità dall’immagine e, ultimo ma non meno importante, i confini cognitivi e generici che segnano diversi territori di conoscenza e scrittura. Questa proliferazione di confini, sia concettuali che materiali, fa parte di ciò che chiamiamo confine come metodo.

Sandro Mezzadra and Brett Neilson : ” Border As Method. Or, The Multiplication Of Labor “

Sandro Mezzadra and Brett Neilson : ” Border As Method. Or, The Multiplication Of Labor “

Fondamentale per qualsiasi considerazione degli attuali processi globali è il fatto che il mondo è diventato più aperto ai flussi di beni e capitali ma più chiuso alla circolazione dei corpi umani. Vi è, tuttavia, un tipo di merce inseparabile dal corpo umano e l’assoluta peculiarità di questa merce fornisce una chiave per comprendere e svelare la situazione apparentemente paradossale di cui sopra. Abbiamo in mente la merce della forza lavoro, che descrive immediatamente una capacità dei corpi umani ed esiste come un bene scambiato nei mercati su varie scale geografiche. Non solo la forza lavoro è una merce diversa dalle altre (l’unico termine possibile di confronto è la moneta), ma i mercati in cui viene scambiata sono peculiari. Questo anche perché il ruolo delle frontiere nella definizione dei mercati del lavoro è particolarmente pronunciato.
I processi di filtraggio e differenziazione che si verificano alla frontiera si svolgono sempre più all’interno di questi mercati, influenzando la composizione di ciò che, per usare un’altra categoria marxiana, chiamiamo lavoro vivente.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Le implicazioni fiscali di un UBI potrebbero essere significative. Una nuova analisi ha stimato i costi di fornitura di tale programma in quattro paesi europei. I trasferimenti UBI erano impostati uguali a quelli dei programmi di trasferimento di denaro esistenti. Secondo i risultati, il costo aggiuntivo di un UBI varia in modo significativo: il 13,8 per cento del PIL in Finlandia, il 10,1 per cento in Francia, l’8,9 per cento nel Regno Unito e il 3,3 per cento in Italia. Per coprire i costi aggiuntivi, sono state identificate due fonti di finanziamento: tassare i trasferimenti UBI insieme ad altri redditi e abolire le agevolazioni fiscali esistenti. In Finlandia e in Italia, queste misure erano più che adeguate per coprire i costi aggiuntivi di un UBI.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Otto von Bismarck, cancelliere tedesco alla fine del XIX secolo, è ampiamente riconosciuto come inventore di assicurazioni sociali: benefici per i lavoratori nel settore formale finanziati da imposte specifiche sui salari. Ciò che è meno noto, tuttavia, è che questo modello era il piano B di Bismarck. L’intenzione originale del cancelliere era quella di creare un sistema di pensioni finanziato dalle tasse sul tabacco. Quando questo piano fallì, Bismarck fece ricorso a finanziamenti contributivi basati sul salario.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

L’economia informale è onnipresente nella maggior parte delle economie emergenti. L’occupazione informale si attesta a oltre il 70 percento nell’Africa subsahariana e al 60 percento nell’Asia meridionale e a oltre il 50 percento in America Latina. In Kenya, l’occupazione informale è uno sbalorditivo 77,9 per cento dell’occupazione totale, uno dei tassi più alti nel continente africano. Quasi 6 milioni di aziende nel settore informale del Kenya non hanno licenza. E la produttività è bassa in questo settore: nelle economie emergenti i lavoratori informali sono, in media, solo il 15% più produttivi dei lavoratori formali.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Il mondo è più sano e istruito che mai. Nel 1980 solo 5 bambini su 10 in età scolare nei paesi a basso reddito erano iscritti a scuola. Nel 2015 questo numero era aumentato a 8 su 10. Nel 1980 solo 84 bambini su 100 hanno compiuto il loro quinto compleanno, rispetto ai 94 su 100 del 2018. Un bambino nato nei paesi in via di sviluppo nel 1980 poteva aspettarsi di vivere per 52 anni. Nel 2018 questo numero era di 65 anni. Quasi un quarto dei bambini di età inferiore ai 5 anni è malnutrito. In tutto il mondo, oltre 260 milioni di bambini e giovani non vanno a scuola. Nel frattempo, quasi il 60 percento dei bambini delle scuole primarie nei paesi in via di sviluppo non riesce a raggiungere una competenza minima nell’apprendimento. Il capitale umano è costituito dalle conoscenze, abilità e salute che le persone accumulano durante la loro vita, consentendo loro di realizzare il loro potenziale come membri produttivi della società. Ciò si traduce in grandi profitti per individui, società e paesi. Questo era vero nel 1700 quando l’economista scozzese Adam Smith scrisse: “L’acquisizione di talenti durante l’istruzione, lo studio o l’apprendistato, costa una spesa reale, che è [capitale] in [una] persona. Quei talenti [fanno] parte della sua fortuna [e] anche di quella della società”. Questo è ancora vero nel 2018.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) stima che ogni anno tra 100 e 240 miliardi di dollari di ricavo vengano persi a causa dell’erosione della base e del trasferimento dei profitti da parte delle società multinazionali. Tale importo equivale al 4-10 percento delle entrate fiscali globali del reddito delle società. Un’altra stima suggerisce che le multinazionali spostino circa il 40 percento dei loro profitti ai paradisi fiscali, con una perdita del 12 percento delle entrate fiscali globali delle società.
Queste perdite non sono uguali tra i paesi, tuttavia. Australia, Brasile, Francia, India, Giappone, Messico e Stati Uniti, così come gran parte dell’Africa, sono tra i paesi che si ritiene siano maggiormente colpiti dal trasferimento degli utili. Una moltitudine di scappatoie può essere trovata nelle leggi fiscali, molte create attraverso lobbying aziendale, che consentono alle aziende di ridurre il loro carico fiscale. Queste scappatoie possono essere utilizzate dalle società per aumentare le loro detrazioni fiscali e spostare i profitti altrove, a volte in giurisdizioni con imposte sul reddito delle società basse o pari a zero, i cosiddetti paradisi fiscali o hub di investimento. Questo fenomeno non è né nuovo né illegale, ma è più facile nell’economia digitale. Nel 2016 quasi il 60 percento delle società Fortune 500 aveva almeno un’affiliata stabilita nelle Bermuda o nelle Isole Cayman, entrambe con un’aliquota dell’imposta sul reddito delle società dello 0 percento. I Paradise Papers, trapelati alla fine del 2017, stanno esponendo molti esempi di elusione fiscale ed evasione fiscale in tutto il mondo.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Un aspetto dell’economia digitale è che pone nuove sfide per il diritto della concorrenza, le fusioni e acquisizioni e il benessere dei consumatori. L’ascesa delle imprese produttrici di piattaforme solleva questioni legate al potere di mercato (figura 2.2). Gli effetti di rete associati ad alcuni prodotti online spesso portano a benefici significativi per i primi utenti, con conseguente concentrazione del mercato e facilitazione alla nascita di monopoli. Nel 2017 Safaricom, il più grande operatore di telefonia mobile del Kenya, con l’80% del mercato, ha lanciato M-Pesa, il primo sistema di moneta mobile del paese. Un anno dopo, M-Pesa aveva la stessa quota di mercato nella moneta mobile.