Basic Income Pilot Project Magazine

Basic Income Pilot Project Magazine

La tecnologia digitale ha permesso qualcosa che non era possibile nel mondo fisico: zero costi marginali. Il nostro mercato del lavoro e i nostri sistemi sociali si basano su costi marginali positivi. Se un prodotto non ha costi marginali, non produce lavoro che richiede contributi previdenziali e quindi nessuna distribuzione della ricchezza attraverso il mercato del lavoro. Mentre i lavoratori lavorano sempre più in lavori precari e talvolta diversi nel settore dei servizi, alcuni leader di mercato stanno scremando i profitti.

Il mondo in cui lavoriamo sta cambiando rapidamente. Sempre meno persone sono necessarie nelle occupazioni tradizionali. Ma questo non significa che ci sia meno da fare. Al contrario: i lavori domestici, l’educazione dei figli, la cura degli anziani e dei bisognosi, il lavoro sociale, culturale e di volontariato non possono essere digitalizzati o resi più efficienti. Sono ancora necessari. Semplicemente non sono compensati finanziariamente.

Quando il significato del lavoro necessario e significativo cambia, non dovremmo chiederci cosa si merita chi serve la nostra società?

89 miliardi di ore di lavoro non retribuito – 66 miliardi di ore di lavoro retribuito

Basic Income Pilot Project Magazine

Basic Income Pilot Project Magazine

Progetti pilota in tutto il mondo: Canada
Come la ricercatrice Evelyn Forget ha trovato prove negli archivi:
I soldi ti rendono sano.

Cosa succede se tutti i cittadini maggiorenni che non guadagnano abbastanza o per niente percepiscono un reddito annuo minimo? Il Canada ha condotto un tale esperimento dal 1974 al 1979 a Dauphin e Winnipeg nella provincia di Manitoba. Un totale di 1.000 famiglie il cui reddito era al di sotto della soglia di povertà ha chiesto il sostegno e ottenuto assegni mensili senza dover rendere conto delle proprie spese.
Il progetto “Mincome” aveva un budget di 17 milioni di dollari canadesi e gli scienziati tenevano meticolosamente un registro dei suoi progressi.
I dati non sono stati valutati fino a decenni dopo da un professore della Facoltà di Medicina dell’Università del Manitoba: l’area di competenza di Evelyn Forget sono i costi sanitari. Nel 2011 ha pubblicato il suo studio “The Town With No Poverty”.
Quello che ha scoperto è stato rivoluzionario: al tempo di Mincome, i ricoveri ospedalieri a Dauphin sono diminuiti dell’8,5 percento. Ci sono stati meno ricoveri per disturbi mentali, violenze familiari, incidenti stradali e infortuni sul lavoro. Il ricercatore Forget sospetta che le persone con un reddito minimo si sentano meno obbligate a svolgere lavori pericolosi quando sono stanche o non stanno bene perché sono meno dipendenti dal denaro. Meno stress e meno pressione hanno quindi portato ad un dimostrabile aumento del senso di benessere. Forget ha concluso qualcos’altro: se si allevia la povertà, i costi dell’assistenza sanitaria diminuiranno in modo così significativo che un reddito minimo garantito si tradurrà in un risparmio di denaro.

Linsey McGoey : ” The Unknowers – How Strategic Ignorance Rules The World “

Linsey McGoey : ” The Unknowers – How Strategic Ignorance Rules The World “

Negli anni Cinquanta, quando Hayek ei suoi colleghi prendevano sempre più denaro da grandi società e fondazioni filantropiche per svolgere le loro indagini sulla concorrenza di mercato, la loro scrittura divenne meno “classicamente liberale” nei toni e sempre più illiberale.
Oggi, un atteggiamento fondamentalista del mercato nei confronti della regolamentazione farmaceutica e della regolamentazione del governo più in generale – l’insistenza sul fatto che la regolamentazione raramente funziona – non è più vista come una visione estrema.
Piuttosto, una posizione anti-regolamentazione è diventata la posizione standard all’interno della teoria economica tradizionale negli ultimi 40 anni. Influenzato da un gruppo eterogeneo di economisti, inclusi gli economisti della Scuola di Chicago George Stigler e Friedrich Hayek, e teorici della “Virginia School” come James Buchanan, l’economia tradizionale ha adottato una lettura perversa di Adam Smith che afferma che, poiché i gruppi di interesse speciali possono esercitare ed esercitano un’influenza indebita sulle autorità di regolamentazione, sia meglio avere una regolamentazione molto limitata che avere una regolamentazione “catturata”.

Linsey McGoey : ” The Unknowers – How Strategic Ignorance Rules The World “

Linsey McGoey : ” The Unknowers – How Strategic Ignorance Rules The World “

Gli economisti tradizionali indicano tipicamente teorie economiche di vecchia data, come una teoria accademica nota come teoria della produttività marginale della distribuzione del reddito, per difendere le disuguaglianze della ricchezza lorda. È una teoria economica formulata per la prima volta alla fine del XIX secolo e, come sostengo, è diventata un potente strumento oracolare, legittimando la convinzione che gli stipendi eccessivi dei CEO, ad esempio, siano equamente guadagnati. Eppure, quando viene messa in discussione la base di prove alla base della teoria della produttività marginale, sia gli investitori che gli economisti si allontanano dagli oracoli degli uomini intelligenti e delle donne intelligenti verso i simboli tipicamente preferiti dagli uomini forti e dalle donne forti, come l’autorità divina.
Nel 2009, ad esempio, Lloyd Blankfein, CEO di Goldman Sachs, è stato interrogato sul fatto che Goldman Sachs meritasse protezioni governative e finanziamenti per il salvataggio durante la crisi finanziaria del 2007-2008, dato quanto l’azienda aveva tratto profitto durante la crisi. Blankfein ha insistito che la sua azienda stava “facendo il lavoro di Dio”. Ha aggiunto: “Aiutiamo le aziende a crescere aiutandole a raccogliere capitali. Le aziende che crescono creano ricchezza. Questo, a sua volta, permette alle persone di avere posti di lavoro che creano più crescita e più ricchezza. È un circolo virtuoso”. La seconda parte del discorso non è sorprendente: l’idea che gli investimenti e gli scambi finanziari generino un “ciclo virtuoso” di creazione di ricchezza è un principio fondamentale del capitalismo contemporaneo. Ma il suo riferimento all'”opera di Dio” ha destato perplessità: è stato visto come l’invocazione di una logica stravagante.

David Graeber : ” Bullshit Jobs : A Theory “

David Graeber : ” Bullshit Jobs : A Theory “

Qual è la differenza tra lavori del cavolo e lavori di merda?

“È facile: i lavori di merda sono semplicemente brutti lavori”, afferma Graeber. “Non vorresti mai avere un lavoro di merda. Il lavoro è sottopagato, non apprezzato, spesso massacrante e le persone che lo fanno non sono trattate con rispetto. Per la maggior parte, i lavori di merda non sono lavori di merda”. “Di solito implicano fare qualcosa che deve essere fatto: costruire, guidare, prendersi cura delle persone, pulire. I lavori inutili, d’altra parte, sono per lo più ben pagati, le persone che li fanno sono trattate come se fossero importanti e facciano qualcosa che deve essere fatto, ma in realtà non è così. I lavori del cavolo e i lavori di merda sono opposti, in realtà.”

I lavori di merda tendono ad essere di bassa manovalanza e pagati a ore, mentre i lavori inutili (del cavolo) tendono ad essere di concetto e stipendiati. Chi fa lavori di merda tende ad essere oggetto di umiliazione; non solo lavora sodo, ma è anche tenuto in scarsa considerazione proprio per questo motivo. Ma almeno sa che sta facendo qualcosa di utile. Coloro che fanno lavori inutili sono spesso circondati da onore e prestigio; sono rispettati come professionisti, ben pagati e trattati come persone che ottengono grandi risultati, come il tipo di persone che possono essere giustamente orgogliose di ciò che fanno. Eppure segretamente sono consapevoli di non aver ottenuto nulla; sentono di non aver fatto nulla per guadagnarsi i giocattoli di consumo con cui riempiono le loro vite; sentono che è tutto basato su una bugia, come, in effetti, è.

È anche teoricamente possibile avere un lavoro sia di merda che inutile.

Dostoevskij sviluppò la teoria che la peggior tortura che si potesse escogitare sarebbe quella di costringere qualcuno a svolgere all’infinito un compito ovviamente inutile.

I lavori del cavolo in tutti gli aspetti dell’economia sono una questione sociale di fondamentale importanza.

Se dal 37 per cento al 40 per cento dei lavori sono completamente inutili, e almeno il 50 per cento del lavoro svolto in inutili lavori d’ufficio è ugualmente inutile, possiamo probabilmente concludere che almeno la metà di tutto il lavoro svolto nella nostra società potrebbe essere eliminato senza alcuna reale differenza.

Potremmo facilmente diventare società di svago e istituire una settimana lavorativa di venti ore. Forse anche una settimana di quindici ore. Invece, ci troviamo, come società, condannati a trascorrere la maggior parte del nostro tempo al lavoro, svolgendo compiti che sentiamo non fare alcuna differenza nel mondo.

Adam Buick and John Crump : ” The Alternative to Capitalism ”

Adam Buick and John Crump : ” The Alternative to Capitalism ”

Abbiamo già visto che un sistema in cui i mezzi di produzione sono di proprietà di uno Stato non è una società senza classi in cui tutti i membri stanno nello stesso rapporto con i mezzi di produzione, ma una società di classi in cui coloro che controllano lo Stato stanno in una posizione privilegiata rispetto ai mezzi di produzione, poiché ne controllano l’uso ad esclusione del resto della società. Questo è il caso anche se, come nella teoria leninista, questo gruppo di controllo deve essere un partito d’avanguardia concepito come dedito al servizio degli interessi della maggioranza esclusa. Finché una parte della società è esclusa dal controllo dei mezzi di produzione, esiste una società di classe, non importa quanto generosa o ben intenzionata sia considerata la classe dominante. Questa è una delle ragioni per cui è impossibile un’evoluzione graduale dalla proprietà statale (capitalismo di stato) alla proprietà comune (socialismo). Un’evoluzione così graduale da una società di classi a una società senza classi è impossibile perché ad un certo punto dovrebbe esserci una rottura che priverebbe la classe dirigente capitalista di stato, sia essa benintenzionata o, più probabilmente, altrimenti, del proprio controllo esclusivo sui mezzi di produzione. Ci dovrebbe essere, in altre parole, una rivoluzione politica e sociale in cui il potere di controllare l’uso dei mezzi di produzione sarebbe trasferito consapevolmente dalla maggioranza esclusa dalla classe capitalista statale di minoranza a tutti i membri della società.

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Non cambiamo il passato. Si tratta dell’attuale profonda demoralizzazione riguardo alla nostra capacità di trasformazione, che è principalmente dovuta alla disorganizzazione e al disordine del movimento operaio, su una scala raramente conosciuta nella storia dell’umanità (tranne forse negli anni trionfali del fascismo) – una misura di questo disordine è l’attuale tasso di sindacalizzazione nel mondo, inferiore al 7 per cento.

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

In Cina, la politica del figlio unico ha gradualmente spinto nelle città i contadini la cui proletarizzazione era stata ritardata da una riforma agraria portata a termine con successo con la rivoluzione del 1949. A differenza di altri popoli del mondo che emigrarono nelle città negli anni Cinquanta e Sessanta, in La riforma agraria cinese aveva fissato i contadini sulla terra. Dopo la “pulizia interna” degli oppositori con il pretesto della rivoluzione culturale, e l’ultimo respiro di una rivoluzione della sinistra contro la burocrazia del Partito Comunista Cinese soffocata a Tiananmen nel 1989, i contadini cinesi furono a loro volta costretti a emigrare nelle città per trovare lavoro. Questa è una delle innumerevoli forme di esproprio dei contadini e della loro trasformazione in salariati, senza mezzi di produzione (vengono espropriati dei bambini che nelle fattorie sono mezzi di produzione). Non si trattava, crediamo, di contenere la crescita della popolazione, ma di garantire l’espropriazione che li obbligava a migrare verso le città.

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

All’indomani della guerra, il ruolo dello Stato incombeva, sia come investitore, a sostegno di un salario sociale (il welfare state), sia, più tardi, dopo gli anni ’70, come sostenitore finanziario, con l’esplosione del debito pubblico. Lo Stato è un argomento estremamente complesso all’interno della società – né le statistiche né l’attuale quadro giuridico sono sufficienti per descrivere tutti i tipi e la complessità dell’intervento diretto e indiretto dello Stato sulla struttura dell’economia, sulle relazioni / condizioni di lavoro e sullo stile di vita. Non è il momento né il luogo per discuterne, ma è uno degli esiti principali della Seconda Guerra Mondiale: ovvero lo Stato si alza e si consolida, in termini di mantenimento della forza lavoro (sanità), di formazione (istruzione e formazione); politiche fiscali; debito pubblico e bilanci; aree pubbliche e gestione dei trasporti, ecc. Inoltre, le classi lavoratrici sono state incorporate nella produzione, in un contesto di scarsità di forza lavoro.

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Raquel Varela : ” A People’s History of Europe “

Hiroshima non è mai stata “necessaria per vincere la guerra”. A Yalta, nel febbraio 1945, fu concordato che l’URSS sarebbe entrata in guerra contro il Giappone tre mesi dopo la resa tedesca. Ciò avvenne l’8 maggio 1945, quindi i russi sarebbero entrati e, di fatto, entrarono in guerra contro il Giappone l’8 agosto 1945. Ma gli USA, sganciando la bomba su Hiroshima il 6 agosto e su Nagasaki il 9 agosto provocarono la resa incondizionata del Giappone. Il 15 Agosto, l’imperatore giapponese Hirohito annunciò ai suoi sudditi la resa, firmata a Tokio Bay il 2 settembre 1945, a bordo della corazzata americana Missouri. Quindi, e contrariamente a quanto accaduto in Germania, gli Stati Uniti non dovevano condividere il territorio giapponese con i russi. Più di 200.000 persone sono morte sotto le due bombe atomiche. Il novanta per cento di questi erano civili. Non si sa quanti siano morti o si siano deformati e / o ammalati negli anni successivi a causa degli effetti delle radiazioni.