Mary O’ Hara : ” The Shame Game”

Mary O’ Hara : ” The Shame Game”

Philip Alston nei suoi rapporti ha affrontato direttamente la natura e il ruolo della narrativa che circonda la povertà. In una sezione intitolata “Chi sono i poveri?” nel rapporto degli Stati Uniti del 2017, offre una valutazione acuta di cosa sia questa narrativa, come venga diffusa e da chi, nonché come influisca sulle decisioni politiche che influenzano la vita e i mezzi di sussistenza delle persone. Alston osserva: Nel pensare alla povertà, è impressionante quanto peso sia dato alle narrazioni caricaturali sulle presunte differenze innate tra ricchi e poveri che sono costantemente spacciate da alcuni politici e dai media. I ricchi sono industriosi, intraprendenti, patriottici e sono i motori del successo economico. I poveri sono perditempo, perdenti e truffatori. Di conseguenza, i soldi spesi per il welfare sono soldi buttati via. Se i poveri vogliono davvero farcela negli Stati Uniti, possono farlo facilmente: possono davvero realizzare il sogno americano se solo lavorano abbastanza duramente.

Sasha Abramsky : ” The American Way of Poverty “

Sasha Abramsky : ” The American Way of Poverty “

Nel corso della storia, filosofi e personaggi politici hanno cercato di distinguere tra poveri meritevoli e immeritevoli; o, per dirla in un altro modo, tra coloro la cui povertà è causata da forze esterne e quindi merita la simpatia della società e coloro la cui povertà è il risultato di cattive decisioni di vita, o disfunzioni comuni e quindi merita il nostro disprezzo.

Mary O’Hara : ” The Shame Game “

Mary O’Hara : ” The Shame Game “

Dopo una ricerca di due settimane nel Regno Unito, dove ha ascoltato attentamente le storie e le esperienze di persone che vivevano in difficoltà finanziarie e che avevano sopportato il peso del regime di austerità introdotto dal governo di coalizione e lo sventramento della rete di sicurezza del paese, Il professore di diritto Alston, con un curriculum di tutto rispetto per aver avuto l’incarico di rendere conto dall’Arabia Saudita alle stesse Nazioni Unite, ha espresso un inequivocabile rimprovero ai politici e alle politiche responsabili: “L’esperienza del Regno Unito, soprattutto dal 2010, sottolinea la conclusione che la povertà è una scelta politica.

Philip Alston , UN Special Rapporteur on Extreme Poverty and Human Rights, 2017

Philip Alston , UN Special Rapporteur on Extreme Poverty and Human Rights, 2017

Circa 40 milioni di americani vivono in povertà, 18,5 milioni in povertà estrema e 5,3 milioni vivono in condizioni di povertà assoluta da Terzo Mondo. L’America ha il più alto tasso di povertà giovanile nell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e i più alti tassi di mortalità infantile tra gli Stati OCSE comparabili. I suoi cittadini vivono una vita più breve rispetto a quelli che vivono in tutte le altre ricche democrazie, le malattie tropicali sradicabili sono sempre più diffuse e ha il più alto tasso di incarcerazione al mondo, uno dei livelli più bassi di registrazione degli elettori tra i paesi OCSE e i più alti livelli di obesità nel mondo sviluppato. Il sogno americano sta rapidamente diventando l’illusione americana. Gli Stati Uniti sono già in testa al mondo sviluppato per disuguaglianza di reddito e ricchezza, e ora si stanno muovendo a tutto vapore per rendersi ancora più diseguali. Gli alti tassi di povertà infantile e giovanile perpetuano la trasmissione intergenerazionale della povertà in modo molto efficace e assicurano che il sogno americano stia rapidamente diventando l’illusione americana.

J. Wilson, J. Allison, E. Reese : ” The Cost Of Free Shipping – Amazon In The Global Economy “

J. Wilson, J. Allison, E. Reese : ” The Cost Of Free Shipping – Amazon In The Global Economy “

Amazon è il nuovo simbolo aziendale del capitalismo globale. Mentre la pandemia globale di coronavirus del 2020 ha inaugurato l’ultima iterazione della crisi capitalista in tutto il mondo, il potere e il dominio del mercato di Amazon si sono espansi. Mentre milioni di persone sono rimaste a casa durante i lockdown dovuti al COVID-19 in tutto il mondo, gli ordini di e-commerce sono aumentati, mettendo a dura prova le operazioni logistiche di Amazon poiché la società ha elaborato fino al 40% di spedizioni in più rispetto al normale. Con l’aumento delle vittime… sono aumentati anche i profitti di Amazon. Amazon Web Services (AWS), ad esempio, ha registrato un enorme incremento nel business (AWS rimane una delle operazioni più redditizie di Amazon) ed è emerso tra i pochi “vincitori aziendali” della pandemia di coronavirus. Poiché le chiusure degli uffici e dei negozi hanno spinto più attività online, l’archiviazione nel cloud di dati di Amazon e di altre grandi aziende tecnologiche è diventato un collegamento essenziale per le principali società del mondo.

J. Wilson, J. Allison, E. Reese : ” The Cost Of Free Shipping – Amazon In The Global Economy “

J. Wilson, J. Allison, E. Reese : ” The Cost Of Free Shipping – Amazon In The Global Economy “

Con oltre 50.000 dipendenti e un quinto degli uffici principali della città, Amazon domina l’economia di Seattle. Nel frattempo, il fondatore e CEO di Amazon Jeff Bezos ha accumulato una vasta fortuna personale, gareggiando con un altro magnate della tecnologia dell’area di Seattle, Bill Gates di Microsoft, per il titolo di essere umano più ricco del mondo.
Seattle offre numerosi vantaggi alle aziende tecnologiche, da una popolazione altamente istruita a splendidi dintorni naturali, ma forse nessuno è più prezioso della sua legge fiscale favorevole. A Seattle, i ricchi stanno vincendo decisamente la guerra fiscale. Il sistema fiscale di ogni stato americano è regressivo, ma quello di Washington è il peggiore: il quintile più povero paga quasi il 18% del proprio reddito in tasse statali e locali, mentre l’1% più ricco paga meno del 3%. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che Washington è uno dei pochi stati senza tasse basate sul reddito.