Jeff Halper : ” War against the People “

Jeff Halper : ” War against the People “

La chiave per l’amministrazione della Matrice di Controllo è stata l’Ordine Militare 947 che ha istituito una “Amministrazione Civile” nel 1981. Nonostante il suo nome, l’Amministrazione Civile costituisce un governo militare sotto il Ministero della Difesa, ma dà l’impressione di una normale e corretta amministrazione della parte integrante di Israele piuttosto che un regime militare.

Jeff Halper : ” War against the People “

Jeff Halper : ” War against the People “

I palestinesi che desiderano entrare in Israele (uomini “approvati” di età superiore ai 16 anni) sono tenuti a portare con sé una carta d’identità elettronica contenente modelli biometrici (impronte digitali, misurazioni della retina e del viso), informazioni personali e di sicurezza. I dati vengono poi inseriti in un sistema di controllo degli accessi biometrico installato nei checkpoint israeliani: dei 99 checkpoint fissi in Cisgiordania protetti da sistemi avanzati di recinzione, rilevamento di intrusioni e sorveglianza elettronica a partire dal 2014, 59 erano checkpoint interni che separavano le enclavi palestinesi ben all’interno della West Bank. In centinaia di “checkpoint volanti” casuali e a sorpresa allestiti in tutta la Cisgiordania e a Gerusalemme Est, i dati personali possono essere elaborati anche su computer portatili. Il sistema di controllo dei dati fa parte del progetto BASEL sviluppato da EDS Israel, una filiale di Hewlett Packard, e utilizzato per limitare il movimento palestinese attraverso i checkpoint. (HP produce anche carte d’identità biometriche israeliane.

Jeff Halper : ” War against the People “

Jeff Halper : ” War against the People “

L’idea è quella di mettere a dieta i palestinesi, ma non di farli morire di fame”. Nel 2008, il Coordinatore delle attività governative nei territori (COGAT) ha elaborato un piano, chiamato Piano “Linee rosse”, per limitare il consumo di cibo a Gaza. È stato calcolato un “paniere minimo di sussistenza”, un valore nutrizionale “sufficiente per la sussistenza senza lo sviluppo della malnutrizione”. La formula delle “Linee Rosse” calcolava che, in media, ogni persona a Gaza necessitava di un minimo di 2.279 calorie al giorno, che si traducevano in 2.575,5 tonnellate di cibo per l’intera popolazione, o 170,4 camion carichi al giorno, cinque giorni alla settimana. Il COGAT ha poi detratto 68,6 camion per tenere conto del cibo prodotto localmente a Gaza – principalmente verdure, frutta, latte e carne – più altri 13 camion per adeguarsi alla “cultura ed esperienza” del consumo alimentare a Gaza. Ha poi aggiunto 34 tonnellate al giorno per prendere in considerazione il “campionamento” da parte di bambini di età inferiore ai 2 anni. Complessivamente, il COGAT ha concluso che Israele doveva consentire l’ingresso a Gaza di 131 camion carichi di cibo e altri prodotti essenziali ogni giorno.

Wikipedia – Dottrina Dahiya

Wikipedia – Dottrina Dahiya

La dottrina Dahiya, o dottrina Dahya, è una strategia militare di guerra asimmetrica, delineata dall’ex capo di stato maggiore delle forze di difesa israeliane (IDF) Gadi Eizenkot, che comprende la distruzione delle infrastrutture civili di regimi ritenuti ostili come una misura calcolata per negare ai combattenti l’uso di tale infrastruttura e che approva l’impiego di una “forza sproporzionata” per raggiungere tale scopo.

La dottrina prende il nome dal quartiere Dahieh di Beirut, dove Hezbollah aveva il quartier generale durante la guerra del Libano del 2006. Il quartiere venne poi pesantemente danneggiato dall’IDF.

Jeff Halper : ” War against the People “

Jeff Halper : ” War against the People “

La Barriera di Separazione si estende lungo un percorso tortuoso di circa 420 miglia (680 km), anche se la “Linea Verde” stessa è lunga solo 217 miglia (320 km). (Come primo ministro, Ariel Sharon ha insistito affinché non seguisse il confine del 1967 per non significare spazio in cui potrebbe emergere uno stato palestinese.) Per la maggior parte della sua lunghezza, nelle aree rurali, la Barriera è costituita da recinzioni elettroniche fortificate da torri di guardia , postazioni di cecchini, campi minati, fossati profondi 4 metri, filo spinato, perimetri di sicurezza, strade di pattugliamento, telecamere di sorveglianza, dispositivi di allarme elettronici e, per buona misura, pattuglie di cani assassini. Avvicinandosi alle città, ai paesi e ai quartieri palestinesi, diventa un muro di solido cemento alto 26 piedi (8 m), più del doppio dell’altezza del muro di Berlino. A differenza dell’altro famigerato muro, però, la barriera israeliana non è lineare; consiste in una complessa serie di barriere secondarie e terziarie che intrappolano i palestinesi in dozzine di minuscole enclavi. Un quarto di milione di persone si ritrovano rinchiuse in porzioni di territorio tra il confine e la Barriera, un centinaio di villaggi sono separati dalle loro terre agricole. Allo stesso modo, un altro quarto di milione di palestinesi residenti a Gerusalemme Est si ritrovano separati dalla Cisgiordania da un doppio sistema di barriere fisiche e restrizioni di movimento. Con le barriere che consentono agli agricoltori solo un accesso limitato ai loro campi, molti hanno abbandonato le loro fattorie e i loro frutteti. Costretti così a trasferirsi nelle Aree A e B, questo esodo indotto dalla terra apre la strada all’annessione israeliana dell’Area C.