Marcel Fratzscher : “The Germany Illusion”

Marcel Fratzscher : “The Germany Illusion”

Secondo le stime, un singolo rifugiato costa al governo circa 12.000 euro all’anno per l’alloggio e l’amministrazione. Pertanto, gli 1,1 milioni che sono arrivati nel 2015 e quelli aggiuntivi arrivati nel 2016 sono costati al governo circa altri 20 miliardi di euro nel solo 2016. Non si può sottolineare abbastanza che questa è una stima approssimativa; i costi per l’istruzione o la qualifica, ad esempio, possono essere più elevati. Tuttavia, 15 miliardi di euro, pari allo 0,5 percento del PIL, rappresentano certamente un costo enorme per la Germania. Tuttavia, va notato che, sebbene gran parte di questa spesa sia di beneficio ai rifugiati, avvantaggia anche molti cittadini e aziende tedeschi. L’affitto o l’edilizia abitativa avvantaggia le imprese di costruzione e i proprietari di case, mentre la spesa per l’istruzione e le qualifiche avvantaggia i tedeschi che lavorano in questi settori. Anche se alcune di queste spese finiscono per non andare a imprese e lavoratori tedeschi, la maggior parte delle stime economiche prevedono che l’economia tedesca sia cresciuta dello 0,3% nel 2016 a causa della spesa per i rifugiati.
In altre parole, le funzioni di spesa dei rifugiati lanciano un programma di stimolo economico. Anche se si sostiene giustamente che la Germania non abbia bisogno di un tale stimolo e potrebbe spendere questi soldi in modo più “produttivo”, come alcuni cinicamente sostengono, il punto valido è ancora che la spesa pubblica per i rifugiati non è denaro che scompare in un buco nero, ma denaro a beneficio di molte aziende e cittadini tedeschi.

Marcel Fratzscher : “The Germany Illusion”

Marcel Fratzscher : “The Germany Illusion”

Quasi tutte le questioni politiche chiave nel 2018 in Germania sono direttamente o indirettamente collegate alla disuguaglianza. La lotta su come affrontare il grande afflusso di rifugiati ha molto a che fare con le paure spesso irrazionali e false per i benefici sociali di cui soffrono i cittadini. La trasformazione demografica, che ha colpito la Germania molto più di qualsiasi altro paese in Europa, sta allineando sempre più gli anziani ai giovani, con i giovani che vedono un forte aumento dei loro contributi abbinato a minori benefici per se stessi.
Il conflitto politico e sociale sull’elevata e crescente disuguaglianza si svolge su cinque dimensioni. La prima è la politica educativa. Come descritto, le opportunità educative in Germania sono più diseguali rispetto a molti paesi comparabili. Il sistema educativo pone barriere insolitamente alte di fronte ai bambini di famiglie e contesti socialmente deboli. Supporta e investe troppo poco nell’educazione della prima infanzia, che richiede molti più investimenti e miglioramenti se si vogliono aiutare i bambini quando l’aiuto è più critico. Inoltre, il sistema scolastico tedesco ha bisogno di trasformazioni fondamentali per renderlo più inclusivo e fornire un sostegno migliore ai bambini che ne hanno bisogno e che non possono andare a casa. Inoltre, deve migliorare la transizione tra le diverse scuole secondarie. La politica fiscale e la giustizia fiscale sono una seconda dimensione sulla quale scaturisce un intenso dibattito politico in Germania. Il governo ha il privilegio, ma anche il problema di dover decidere cosa fare delle eccedenze fiscali di oltre 20 miliardi di euro, pari allo 0,7% del PIL, nel solo 2016. Alcuni preferiscono ridurre le imposte sul reddito per i ricchi e per le aziende; altri vogliono andare esattamente nella direzione opposta, aumentando le tasse sulla ricchezza e sulle successioni dei ricchi. Tuttavia il problema della Germania non è che le entrate fiscali siano troppo basse, ma piuttosto che la politica fiscale sia disomogenea: privilegia sistematicamente individui e famiglie con redditi elevati e, in particolare, un’elevata ricchezza. Le tasse sulla ricchezza e sul reddito della ricchezza sono più basse in Germania che in quasi tutti gli altri Paesi dell’OCSE, mentre le tasse lavoro tendono ad essere significativamente più elevate.
Un terzo settore politico chiave sono le politiche familiari. La Germania ha politiche ancora meno progressiste nei confronti di famiglie, bambini e donne rispetto alla maggior parte dei paesi comparabili. La Germania sta ancora superando la sua politica familiare tradizionale e conservatrice. Sta lentamente adottando un modello in cui le opportunità per le donne nel mercato del lavoro sono migliorate e lo stato fornisce un’infrastruttura più adeguata per le famiglie e l’assistenza all’infanzia. Ciò si riflette nel divario retributivo di genere ancora molto elevato in Germania, nella massiccia sottorappresentanza delle donne nelle posizioni dirigenziali e in diverse altre dimensioni.
Il quarto settore politico in discussione è rappresentato dalle politiche del mercato del lavoro. Nonostante l’acclamato miracolo sull’occupazione, che ha dimezzato il tasso di disoccupazione della Germania dal 2005, il mercato del lavoro è ancora molto segmentato, con elevati differenziali salariali tra settori e regioni. Il gran numero di disoccupati di lunga durata e l’integrazione di molti immigrati nei prossimi anni sono due enormi sfide; richiederanno l’adozione di nuovi modelli di formazione e l’integrazione dei lavoratori nel mercato del lavoro. La quinta e ultima questione centrale che domina la discussione politica in Germania nel 2018 è la sicurezza sociale che va da una migliore assistenza sanitaria a forti preoccupazioni crescenti sui benefici pensionistici in una società che sta rapidamente invecchiando. Entro il 2030, è probabile che la forza lavoro tedesca si riduca di oltre 5 milioni, su una forza lavoro di 44 milioni. Senza un’immigrazione di massa, il sistema previdenziale tedesco dovrà adeguarsi in modo significativo, riducendo le reti di sicurezza sociale o trovando nuovi modi per rendere sostenibile il sistema di previdenza sociale ancora generoso. Ciò include una riforma fondamentale del sistema pensionistico, che in futuro dovrà fare affidamento in misura sostanziale sulle disposizioni private e sull’accumulazione di ricchezza rispetto al passato.

Marcel Fratzscher : “The Germany Illusion”

Marcel Fratzscher : “The Germany Illusion”

Nel 2013, quando la BCE ha pubblicato il suo sondaggio sulla ricchezza delle famiglie nell’area dell’euro, i risultati hanno causato una grande controversia in Germania. Hanno dimostrato che la famiglia media tedesca aveva la ricchezza netta più bassa nell’area dell’euro.

Mentre una famiglia media tedesca ha circa 51.000 euro di ricchezza netta, le famiglie medie altrove nell’area dell’euro ne hanno più del doppio. La ricchezza netta comprende, tra gli altri, depositi su conto di risparmio, case e immobili, azioni e obbligazioni e assicurazioni sulla vita, nonché automobili e altri beni di consumo durevoli. Dal valore di questa ricchezza, l’indagine ha dedotto il debito e le altre passività delle famiglie. Molti sono confusi da questi numeri: come è possibile che le famiglie in uno dei paesi con uno dei redditi più alti abbiano i risparmi più bassi accumulati? Non è che le famiglie tedesche abbiano un basso tasso di risparmio – al contrario, le famiglie tedesche in media risparmiano una quota abbastanza alta del loro reddito. I numeri che confondono sono le enormi differenze con altri paesi. La famiglia media in Italia o in Spagna ha un patrimonio netto di oltre 170.000 euro, oltre tre volte la media della famiglia tedesca.
La risposta al quesito sulla ricchezza della Germania ha molte dimensioni. Ancora più importante, la Germania, insieme all’Austria, presenta la più elevata disparità di ricchezza privata nell’area dell’euro. Il 20% più ricco di famiglie possiede circa l’80% della ricchezza privata in Germania; rispetto al solo 61 percento in Italia e al 68 percento in Francia. Ancora maggiore è la differenza per il 10 percento delle famiglie più ricche: in Germania hanno il 29 percento di tutta la ricchezza privata, mentre in Italia è il 13 percento e in Francia il 16 percento.
Più scioccante, tuttavia, non è l’accumulo di ricchezza tra i ricchi in Germania, ma il fatto che il 40 percento inferiore delle famiglie in Germania fondamentalmente non abbia ricchezza netta. In altre parole, queste famiglie tedesche non hanno nulla su cui poter contare se hanno bisogno di soldi per sostenere l’educazione dei loro figli, per le spese sanitarie o per la vecchiaia. In nessun altro paese dell’area dell’euro i poveri hanno così pochi risparmi e ricchezza.

 

Papa Francesco : ” Fratelli Tutti “

Papa Francesco : ” Fratelli Tutti “

Il mercato da solo non risolve tutto, benché a volte vogliano farci credere questo dogma di fede neoliberale. Si tratta di un pensiero povero, ripetitivo, che propone sempre le stesse ricette di fronte a qualunque sfida si presenti. Il neoliberismo riproduce sé stesso tale e quale, ricorrendo alla magica teoria del “traboccamento” o del “gocciolamento” – senza nominarla – come unica via per risolvere i problemi sociali. Non ci si accorge che il presunto traboccamento non risolve l’inequità, la quale è fonte di nuove forme di violenza che minacciano il tessuto sociale. Da una parte è indispensabile una politica economica attiva, orientata a «promuovere un’economia che favorisca la diversificazione produttiva e la creatività imprenditoriale», perché sia possibile aumentare i posti di lavoro invece di ridurli. La speculazione finanziaria con il guadagno facile come scopo fondamentale continua a fare strage. D’altra parte, «senza forme interne di solidarietà e di fiducia reciproca, il mercato non può pienamente espletare la propria funzione economica. Ed oggi è questa fiducia che è venuta a mancare». La fine della storia non è stata tale, e le ricette dogmatiche della teoria economica imperante hanno dimostrato di non essere infallibili. La fragilità dei sistemi mondiali di fronte alla pandemia ha evidenziato che non tutto si risolve con la libertà di mercato e che, oltre a riabilitare una politica sana non sottomessa al dettato della finanza, «dobbiamo rimettere la dignità umana al centro e su quel pilastro vanno costruite le strutture sociali alternative di cui abbiamo bisogno».

Quanti pretendono di portare la pace in una società non devono dimenticare che l’inequità e la mancanza di sviluppo umano integrale non permettono che si generi pace. In ogni guerra ciò che risulta distrutto è «lo stesso progetto di fratellanza, inscritto nella vocazione della famiglia umana»

Così, il nostro mondo avanza in una dicotomia senza senso, con la pretesa di «garantire la stabilità e la pace sulla base di una falsa sicurezza supportata da una mentalità di paura e sfiducia».

Anche oggi, dietro le mura dell’antica città c’è l’abisso, il territorio dell’ignoto, il deserto. Ciò che proviene di là non è affidabile, perché non è conosciuto, non è familiare, non appartiene al villaggio. È il territorio di ciò che è “barbaro”, da cui bisogna difendersi ad ogni costo. Di conseguenza si creano nuove barriere di autodifesa, così che non esiste più il mondo ed esiste unicamente il “mio” mondo, fino al punto che molti non vengono più considerati esseri umani con una dignità inalienabile e diventano semplicemente “quelli”. Riappare «la tentazione di fare una cultura dei muri, di alzare i muri, muri nel cuore, muri nella terra per impedire questo incontro con altre culture, con altra gente. E chi alza un muro, chi costruisce un muro finirà schiavo dentro ai muri che ha costruito, senza orizzonti. Perché gli manca questa alterità».

I nostri sforzi nei confronti delle persone migranti che arrivano si possono riassumere in quattro verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare.

La parabola ci mostra con quali iniziative si può rifare una comunità a partire da uomini e donne che fanno propria la fragilità degli altri, che non lasciano edificare una società di esclusione, ma si fanno prossimi e rialzano e riabilitano l’uomo caduto, perché il bene sia comune.

Adam Tooze : “Crashed: How a Decade of Financial Crises Changed the World (English Edition)”

Adam Tooze : “Crashed: How a Decade of Financial Crises Changed the World (English Edition)”

Nell’autunno del 2017 il FMI ha pubblicato una tabella straordinaria che mostrava l’emissione di debito dal 2010. Come rivelato da questi dati, l’austerità e il QE avevano portato a un importante rimpasto dei portafogli di sicurezza. Date le misure di controllo del bilancio adottate in Europa, l’acquisto attivo di obbligazioni da parte della BCE e l’attivismo ancora maggiore della Banca del Giappone, non erano, per il prossimo futuro, fornitori significativi di attività sicure per gli investitori globali. Non solo la BCE stava accumulando obbligazioni della zona euro, ma la Germania, il principale fornitore di attività sicure in Europa, gestiva un avanzo di bilancio. Su scala globale per i prossimi cinque anni, gli Stati Uniti sarebbero stati l’unica fonte di attività sicure e di livello Tesoro per gli investitori di tutto il mondo. Qualunque cosa si possa pensare dell’amministrazione Trump, se avessi avuto bisogno di parcheggiare un grande volume di fondi in debito pubblico sicuro, non ci sarebbero  alternative ai Treasurys statunitensi.

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Penso che se guardiamo alla storia americana, possiamo indicare almeno alcuni fattori dietro di essa. Questa è una società di immigrati, e prima della Depressione praticamente ogni ondata di immigrati che veniva qui era più o meno assorbita, almeno quelli che volevano rimanere – molti di loro non lo volevano, ricordate; infatti, il tasso di rendimento era piuttosto elevato durante i periodi di punta dell’immigrazione. Ma per gli immigrati che rimasero, gli Stati Uniti erano davvero una terra di opportunità. Quindi, mio padre poteva venire dalla Russia e lavorare duramente in una fabbrica, e infine riuscire a raggiungere il college, e poi vedere suo figlio diventare un professore – quella roba era reale. Ed era reale perché c’era un sacco di lavoro manuale in giro che poteva assorbire le ondate di immigrati: le persone potevano lavorare in fabbriche per sedici ore al giorno e guadagnare abbastanza per sopravvivere, quindi accumulare un po’ di denaro in eccesso, e le cose gradualmente sarebbero migliorate. Ma negli anni ’30 c’è stato un grosso crollo in questo sistema: la depressione ha posto fine a quelle opportunità. E gli Stati Uniti non sono praticamente mai usciti dalla depressione. Vedete, il boom economico del secondo dopoguerra è stato un tipo diverso di crescita economica da qualsiasi cosa sia mai accaduta prima. Per prima cosa, è stato sostanzialmente finanziato dallo stato e principalmente incentrato su industrie ad alta tecnologia, che sono legate al sistema militare. E quel tipo di crescita economica non consente di assorbire nuove ondate di immigrati. Lo ha permesso brevemente durante la seconda guerra mondiale, quando c’era una carenza di manodopera e la gente poteva uscire dalle fattorie nel sud e lavorare nelle industrie della guerra. Ma quello finì. E da allora, i lavori sono stati per lo più nell’alta tecnologia o nel settore dei servizi – che è marcio, non vai da nessuna parte. Quindi non ci sono le stesse possibilità per le persone di spostarsi: se riesci ad entrare nel settore high-tech, probabilmente eri già lì, e se stai lavorando per spazzare le strade o qualcosa del genere, è lì che rimarrai.

Ora, forse quella situazione sarebbe stata vivibile se non ci fosse stata una nuova ondata di immigrazione, ma c’era. C’è stata un’enorme ondata di immigrazione. Questa volta è stata un’immigrazione interna, ma dal punto di vista della società era come un’ondata straniera: proveniva dalla rapida meccanizzazione dell’agricoltura nel sud, che ha cacciato la popolazione nera, gli ex schiavi, dalla terra. Inoltre, c’è stato anche un grande afflusso di immigrazione ispanica. Quindi abbiamo avuto queste due grandi ondate di immigrazione che arrivavano nelle città del Nord e non c’era niente da fare per loro: non potevano fare quello che faceva mio padre, perché non c’era offerta dello stesso tipo di lavoro manuale che poteva occupare milioni in più di lavoratori. Quindi ciò che è effettivamente accaduto è che queste due enormi ondate di immigrati sono state semplicemente radunate nei campi di concentramento, che chiamiamo “città”. E la stragrande maggioranza di loro non uscirà mai, solo perché non c’è niente da fare per loro. L’economia semplicemente non sta crescendo; Voglio dire, il prodotto nazionale lordo sale, ma sale in un modo che non costituisce una crescita economica per una popolazione urbana povera. E con il declino delle industrie manifatturiere tradizionali negli ultimi anni, sta peggiorando, non migliorando. Man mano che il capitale diventa più fluido e diventa più facile per le aziende trasferire la produzione nel Terzo mondo, perché dovrebbero pagare salari più alti a Detroit quando possono pagare salari più bassi nel Messico settentrionale o nelle Filippine? E il risultato è che c’è ancora più pressione sulla parte più povera della popolazione qui. E ciò che è effettivamente accaduto è che essi sono stati chiusi nei bassifondi della città – dove poi ogni sorta di altre pressioni iniziano ad attaccarli: droghe, gentrificazione, repressione della polizia, tagli ai programmi di assistenza sociale e così via. E tutte queste cose contribuiscono a creare un autentico senso di disperazione e anche un reale comportamento antisociale: il crimine. E il crimine è per lo più gente povera contro altra gente povera, le statistiche lo dimostrano molto chiaramente – perché i ricchi sono rinchiusi dietro le loro barricate. Potete vederlo molto chiaramente quando guidate attraverso New York ora: le differenze di ricchezza sono come a San Salvador. Voglio dire, stavo parlando un po ‘di tempo fa, e mentre cammini è un po’ drammatico: ci sono questi castelli e ci sono guardie al cancello, arriva una limousine e la gente entra; dentro credo sia molto elegante e bello. Ma è come vivere in un sistema feudale, con molti barbari selvaggi fuori — e se sei ricco non li vedi mai, ti muovi solo tra il tuo castello e la tua limousine. E se sei povero, non hai un castello per proteggerti.

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Nella nostra società, il vero potere non si trova nel sistema politico, si trova nell’economia privata: è lì che le decisioni vengono prese su ciò che viene prodotto, quanto viene prodotto, cosa è consumato, dove avviene l’investimento, chi ha un lavoro, chi controlla le risorse, e così via. E finché la situazione rimane questa, i cambiamenti all’interno del sistema politico possono fare poca differenza, non voglio dire che è zero, ma le differenze saranno molto lievi. Infatti,
se pensate secondo questa logica, vedrete che fino a quando il potere rimane concentrato privatamente, tutti devono essere impegnati a un obiettivo prioritario: e questo è assicurarsi che i ricchi siano felici, perché se non lo sono, nessun altro otterrà nulla. Quindi se sei un senzatetto che dorme nelle strade di Manhattan, diciamo, la tua prima preoccupazione deve essere che quelli nelle case siano felici, perché se sono felici, allora investiranno e l’economia funzionerà, e le cose funzioneranno, e allora forse qualcosa verrà anche a te traboccando da qualche parte lungo la linea. Ma se non sono felici, tutto tenderà a fermarsi e non riuscirai nemmeno ad avere qualche briciola.
Quindi se sei un senzatetto per le strade, la tua prima preoccupazione è la felicità dei benestanti nelle loro case e nei ristoranti di lusso. Fondamentalmente questa è una metafora per l’intera società.