In linea di principio, quindi, il trattato di Maastricht aveva una “regola di non salvataggio”

Con l’esclusione dell’unione fiscale e l’ambiguità circa la possibilità che le nazioni coinvolte stressate dal punto di vista fiscale possano guadagnare respiro ritardando o riducendo i rimborsi ai loro creditori privati, la giusta conclusione avrebbe dovuto essere che un’unione monetaria europea non sarebbe stata possibile. Tuttavia, l’impegno per l’unione monetaria a tutti i costi è rimasto. Pertanto, le regole monetarie e fiscali arrivarono a occupare il centro della scena.
La dipendenza praticamente esclusiva dalle regole nel contratto di Maastricht fu un trionfo di speranza sul buon senso. Per essere legittime e applicabili, le regole per un’unione monetaria richiedevano anche un’unione politica. Chi avrebbe deciso se una regola fosse stata applicata in modo equo? Il rigido rispetto delle regole potrebbe creare un livello inaccettabile di invadenza amministrativa nell’autorità nazionale. Inoltre, come Kaldor aveva spiegato due decenni prima, regole uniformi applicate ai paesi divergenti potevano aumentare la divergenza, rendendo ancora più difficile la gestione dell’unione monetaria.
La confusione è stata aggravata dalla strana regola alla base del sistema di sorveglianza. L’idea, che ha avuto origine nel Rapporto Delors, era quella di stabilire limiti massimi vincolanti per i deficit di bilancio e i debiti dei paesi membri. Lo stesso Delors era scontento di tali limiti numerici. Tentò, in effetti, di annacquare l’idea subito dopo che i leader europei approvarono il suo rapporto a Madrid nel giugno 1989. Mormorò ai giornalisti che, in pratica, le regole “potevano essere meno vincolanti di quanto suggerito dal rapporto”. Ma nel 1991, mentre si aprivano i negoziati sull’unione monetaria, Delors riconobbe che senza tali limiti vincolanti sanciti dal trattato, i tedeschi avrebbero rifiutato l’unione monetaria, ma continuarono a sperare di essere soddisfatti del rispetto delle regole.
Delors ha azzeccatola previsione su una delle due regole; il pronostico sull’altra, è andato terribilmente storto. I negoziatori di Maastricht inizialmente concordarono che ogni paese membro sarebbe stato tenuto a mantenere il proprio debito / PIL (il suo rapporto debito / PIL) inferiore al 60 percento del PIL. Ma questo limite è diventato rapidamente irrilevante. Molti paesi avevano rapporti di debito significativamente più elevati e non potevano realisticamente portarli al di sotto del 60% del PIL in un breve periodo di tempo. Se la regola del rapporto debito / PIL fosse stata applicata, non ci sarebbe stata alcuna zona euro. I negoziatori, pertanto, concordarono sul fatto che fosse sufficiente che il rapporto debito / PIL scendesse chiaramente verso il 60% del PIL. Questa era una regola vaga e, quindi, insignificante. Il vero dramma era incentrato sulla regola dei deficit di bilancio. Nella loro proposta, presentata il 25 febbraio, i tedeschi hanno ideato la “regola d’oro”: un governo dovrebbe andare in deficit solo per investire in attività a lungo termine come le infrastrutture. La regola d’oro ha una certa logica e spesso i governi la usano per guidare la politica di bilancio. Ma una tale regola non è facile da implementare, perché il confine di ciò che costituisce investimenti a lungo termine è confuso. Per l’UEM, era inattuabile. I paesi membri avrebbero potuto facilmente mascherare le loro spese regolari come investimenti in infrastrutture e far fronte a deficit ingenti. Alla fine i francesi proposero, in alternativa alla regola aurea, un limite di deficit di bilancio più semplice, che aveva un’origine donchisciottesca nei primi anni ’80.
Di fronte a crescenti deficit fiscali, Mitterrand aveva chiesto al dipartimento del bilancio del ministero delle finanze francese di proporre una norma che avrebbe aiutato a frenare la spesa pubblica. Due giovani dipendenti pubblici hanno sottolineato che un limite del 2% del PIL sarebbe troppo difficile da raggiungere in modo coerente, mentre il 4% del PIL avrebbe concesso troppo margine. Così hanno proposto un limite del 3 percento del PIL, che l’amministrazione Mitterrand ha quindi iniziato a utilizzare per la sua guida interna. I francesi hanno ora suggerito di applicare lo stesso limite a tutti i membri dell’unione monetaria. I giornalisti Eric Aeschimann e Pascal Riché riportano che al posto della complicata regola aurea, “Parigi ha proposto una barriera meno sottile: limitare i disavanzi pubblici al 3% del PIL”.
Perché il 3 percento? “François Mitterrand ha deciso che i deficit francesi non avrebbero mai più raggiunto il livello del 3%”. Il limite del 3%, secondo Mitterrand, avrebbe soddisfatto l’insistenza tedesca su una regola e la Francia sarebbe stata al sicuro in una zona comoda dove la regola non era vincolante.
L’attrazione politica di un numero fisso era chiara. Non sarebbe richiesto alcun giudizio o analisi, e quindi l’aspettativa era di ridurre la possibilità di confondere e contrattare. I tedeschi concordarono rapidamente e ne fecero il loro mantra guida.

3 pensieri su “Ashoka Mody : “Euro Tragedy – A Drama In 9 Acts”

  1. I am not ѕure where you are getting your info, Ƅut
    gooԀ topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more.
    Thanks for excellent information I was ⅼooking
    for thіs info for my misѕion.

  2. I was ϲurious if you ever thought of changing the layout of your websіte?
    Its very well written; I love what youve got to
    say. But maybe you could a little more in the wаy
    of content so people could c᧐nnect with it better.
    Youve got an awful lot of text for only һaving one or two іmageѕ.
    Mayƅe you could sⲣace it out better?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected by WP Anti Spam