Said Saddiki : “World of Walls: The Structure, Roles and Effectiveness of Separation Barriers (English Edition)”

Said Saddiki : “World of Walls: The Structure, Roles and Effectiveness of Separation Barriers (English Edition)”

Uno dei paradossi della “globalizzazione” è che un mondo sempre più
interconnesso e interdipendente è contemporaneamente segnato dall’ intensificazione della militarizzazione e fortificazione dei confini nazionali. Oggi,
alcune regioni, sia nel Nord America, nel Mediterraneo o in alcune sottoregioni dell’Asia – vengono tirate in due direzioni diverse: una verso più complementarità e integrazione (ad es. NAFTA, Unione per Mediterraneo, ASEAN, SAARC) e un’altra verso l’erezione di ulteriori barriere frontali tangibili e intangibili. Nonostante gli sforzi incessanti dei paesi di accoglienza per prevenire l’attraversamento di frontiera non autorizzato da parte degli immigrati, trafficanti di droga e dissidenti, questi gruppi non sono stati scoraggiati.
Piuttosto, si sono adattati alle strategie progettate per impedirne il movimento, sviluppando nuovi modi e mezzi per aggirare tali ostacoli. Si è sostenuto che l’immigrazione illegale e i gruppi armati transnazionali non possono essere fermati unicamente dall’erezione di più muri e recinti, ma da politiche globali volte soprattutto ad affrontare le loro cause profonde.
In alcune regioni, l’immigrazione non autorizzata non è diminuita come conseguenza del più stretto controllo alle frontiere ma a causa della crisi economica che ha colpito alcuni paesi ospitanti nell’ultimo decennio. Anche se una grande quantità di denaro e di sforzi sono stati spesi per la costruzione di barriere fisiche lungo vari confini internazionali o linee di combattimento nell’era post-guerra fredda, i risultati raggiunti sono stati spesso inferiori a quelli desiderati.

Adam Tooze : “Crashed: How a Decade of Financial Crises Changed the World (English Edition)”

Adam Tooze : “Crashed: How a Decade of Financial Crises Changed the World (English Edition)”

La moderna città di Londra è stata costruita sul sistema eurodollaro.
Grazie alla Fed, che è sopravvissuta alla crisi. Ma i regolatori americani hanno capito il ruolo di Londra come piattaforma per alcuni dei rischi più estremi che le banche americane avevano accumulato. Come era stato deciso in un comitato congressuale nel 2012 da un alto regolatore degli Stati Uniti, gli Stati Uniti avevano permesso ai propri rischi di migrare a Londra solo per “tornare indietro, schiantandosi sulle nostre coste”.

Sulla scia della crisi, i principali concorrenti delle banche globali americane non erano europei ma asiatici. La banca “britannica” che uscita meglio dalla crisi era HSBC. Spinta dalla pressione della concorrenza, Londra ha intrapreso una straordinaria scommessa nel XXI secolo. Come aveva fatto per gli Stati Uniti, la City di Londra sarebbe diventata la porta finanziaria della Cina verso il mondo. Accostando la geopolitica della concorrenza sino-americana, una relazione speciale con la Cina avrebbe ripristinato il vantaggio competitivo di Londra. Nella primavera del 2012, la City of London Corporation ha avviato un progetto per trasformare la City in un centro chiave per il commercio di renminbi. Il risultato sono stati una serie di primati spettacolari. Già nel 2012, HSBC aveva emesso la prima obbligazione denominata in RMB e Londra ha rivendicato il 62% di tutte le attività di pagamento in RMB al di fuori della Cina. Nel giugno 2013, per sostenere l’attività in espansione di RMB, la Banca d’Inghilterra ha stipulato un accordo di scambio con la PBoC. Pechino ha conferito ai gestori patrimoniali con sede a Londra il privilegio di essere le prime società occidentali a poter investire direttamente in azioni denominate in RMB. Nell’ottobre 2014 lo stesso Ministero del Tesoro britannico ha emesso un’obbligazione di 3 miliardi di RMB. Gli Stati Uniti avevano preso a lungo in prestito denaro dalla Cina. Ora il Regno Unito avrebbe dovuto prendere in prestito denaro in valuta cinese. Nel fare queste mosse la Banca d’Inghilterra ha esplicitamente citato il modello dei mercati degli eurodollari degli anni ’70. La differenza, ovviamente, era che nel facilitare l’emergere del mercato degli eurodollari, Londra aveva permesso alla finanza globale di sfuggire alla regolamentazione del governo. Al contrario, nel facilitare l’internazionalizzazione del renminbi, la città di Londra e il governo del Regno Unito stavano lavorando fianco a fianco con le autorità di Pechino.

Mentre i settori produttivi dell’economia britannica (manifatturiero, edile, ecc.) sono rimasti stagnanti, tra il 2010 e il 2014 i servizi finanziari sono aumentati del 12,4 per cento. Spinti dalla ricchezza della città, a Londra e nei suoi dintorni, i prezzi delle case sono aumentati del 50 per cento tra il 2013 e il 2016, superando in modo spettacolare la crescita nel resto del paese. Londra era la città cosmopolita globale per eccellenza, la casa preferita degli oligarchi.

Per la City le domande erano ancora più acute. Decine di migliaia di posti di lavoro e miliardi di sterline negli affari dipendevano dai cosiddetti accordi sui passaporti, che consentivano alle banche di Londra di operare come se fossero all’interno dell’area dell’euro. Era una finzione conveniente per le società finanziarie europee, britanniche, americane e asiatiche. Non era una concessione che Londra avrebbe potuto sperare di mantenere se non fosse stata più nemmeno un membro dell’UE.

 

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Una legiferazione aveva a che fare con la Nuova Inghilterra, o in realtà con il mondo: riguardava la pesca di Georges Bank, una zona al largo della costa del New England. Georges Bank è sempre stata la zona di pesca più ricca del mondo, ed è rimasta tale fino agli anni ’70. Ma negli anni ’80, i reaganiani hanno liberalizzato l’industria della pesca e allo stesso tempo sovvenzionato – perché è così che funziona il “libero mercato”: si deregolamenta così le industrie possono fare tutto ciò che vogliono, e poi il denaro pubblico le sovvenziona per assicurarsi che restino nel mondo degli affari. Bene, quando hai deregolato e sovvenzionato l’industria della pesca, non ci vuole un grande genio per capire quello che sta per accadere – quello che è successo è che hanno spazzato via il pesce dalla zona. Bene, ora il New England sta importando merluzzo dalla Norvegia. Ogni abitante del New England sa cosa significa: è inimmaginabile. E la ragione per la quale stiamo importando il merluzzo dalla Norvegia è che in Norvegia hanno continuato a regolare le loro zone di pesca; qui le abbiamo deregolate, quindi ovviamente sono state distrutte. Quindi ora gran parte della Georges Bank è chiusa alla pesca e nessuno sa se potrà riprendersi. Bene, se elimineranno il resto dell’apparato normativo del paese, lo stesso tipo di situazione si ripeterà dappertutto. Quindi se questo compito di organizzare una società democratica si dimostra impossibile, saremo tutti in guai molto seri: molto seri.

Yuval Noah Harari : ” Homo Deus – A Brief History Of Tomorrow “

Yuval Noah Harari : ” Homo Deus – A Brief History Of Tomorrow “

Mentre nel 2010 l’obesità e le malattie correlate hanno ucciso circa 3 milioni di persone, i terroristi hanno ucciso un totale di 7.697 persone in tutto il mondo, la maggior parte delle quali nei paesi in via di sviluppo. Per l’americano o europeo medio, la Coca-Cola rappresenta una minaccia molto più letale di al-Qaeda.
Come fanno allora i terroristi a dominare i titoli dei giornali e a cambiare la situazione politica nel mondo? Spingendo i loro nemici a reagire in modo eccessivo. In sostanza, il terrorismo è uno spettacolo. Nella maggior parte dei casi, questa reazione eccessiva al terrorismo rappresenta una minaccia di gran lunga maggiore per la nostra sicurezza rispetto agli stessi terroristi.
I terroristi sono come una mosca che cerca di distruggere un negozio di porcellane. La mosca è così debole che non può muovere nemmeno una tazza da tè. Quindi trova un toro, entra nel suo orecchio e inizia a ronzare. Il toro si scatena per la paura e la rabbia e distrugge il negozio di porcellane. Questo è quello che è successo in Medio Oriente nell’ultimo decennio. I fondamentalisti islamici non avrebbero mai potuto rovesciare Saddam Hussein da soli. Invece hanno infuriato gli Stati Uniti per gli attacchi dell’11 settembre e gli USA hanno distrutto per loro il negozio di porcellane del Medio Oriente. Ora fioriscono tra le macerie. Da soli, i terroristi sono troppo deboli per trascinarci indietro nel Medioevo e ristabilire la Legge della Giungla. Possono provocarci, ma alla fine tutto dipende dalle nostre reazioni. Se la legge della giungla tornerà in vigore, non sarà colpa dei terroristi.

Noam Chomsky : “How the World Works (English Edition)”

Noam Chomsky : “How the World Works (English Edition)”

Nel 1971, Nixon smantellò il sistema di Bretton Woods, deregolando in tal modo
le valute. Questo, e un certo numero di altri cambiamenti, ha tremendamente
ampliato la quantità di capitale non regolamentato nel mondo e accelerato
quella che viene chiamata la globalizzazione (o internazionalizzazione)
dell’economia. È un modo ingegnoso per dire che esporti lavori in aree di alte repressioni, a basso salario, che minano le opportunità di lavoro produttivo a casa. È un modo per aumentare i profitti aziendali, ovviamente. Ed è molto più facile farlo con un flusso libero di capitali, progressi nelle telecomunicazioni, ecc. Ci sono due importanti conseguenze della globalizzazione. Innanzitutto, essa estende il modello del Terzo Mondo ai paesi industriali.
Nel terzo mondo, c’è una società a due livelli, un settore di ricchezza e privilegi estremi, e un settore di enorme miseria e disperazione tra persone inutili e superflue. Questa divisione è approfondita dalle politiche dettate dall’Occidente. Implica un sistema neoliberale di “libero mercato” che indirizza le risorse ai ricchi e agli investitori stranieri, con l’idea che qualcosa gocciolerà per magia, qualche tempo dopo l’arrivo del Messia.

La seconda conseguenza, anch’essa importante, ha a che fare con le strutture governative. Nel corso della storia, le strutture del governo tendono a fondersi attorno ad altre forme di potere – nei tempi moderni, principalmente intorno al potere economico. Quindi, quando hai economie nazionali, tu ottieni stati nazionali. Ora abbiamo un’economia internazionale e ci stiamo muovendo verso uno stato internazionale – che significa, infine, un esecutivo internazionale.
Per citare la stampa economica, stiamo creando “una nuova età imperiale” con un “governo mondiale di fatto”. Esso ha le sue proprie istituzioni, come il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e la Banca Mondiale, strutture di commercio come il NAFTA e il GATT [l’accordo di libero scambio nordamericano e l’Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio, entrambi discussi in dettaglio più sotto], riunioni esecutive come il G-7 [i sette paesi industriali più ricchi: Stati Uniti, Canada, Giappone, Germania, Gran Bretagna, Francia e Italia – che si incontrano regolarmente per discutere di politica economica] e la Burocrazia Comunitaria europea. Come ti aspetteresti, questa intera struttura di decisione deve rispondere fondamentalmente alle multinazionali, alle banche internazionali, ecc.
È anche un colpo efficace contro la democrazia. Tutte queste strutture aumentano il processo decisionale a livello esecutivo, lasciando ciò che è chiamato “deficit democratico” – parlamenti e popolazioni con meno influenza. Non solo, ma la popolazione generale non sa cosa stia accadendo, e non sa nemmeno di non saperlo. Un risultato è un tipo di alienazione dalle istituzioni. Le persone pensano che non funzioni niente. Certo che no. Non sanno nemmeno cosa sta succedendo a quel livello remoto e segreto del processo decisionale. Questo è un vero successo nel compito a lungo termine di privare strutture formali democratiche
di ogni sostanza.

Noam Chomsky, Nathan Schneider : “On Anarchism (Penguin Special) (English Edition)”

Noam Chomsky, Nathan Schneider : “On Anarchism (Penguin Special) (English Edition)”

Il capitalismo predatorio ha creato un sistema industriale complesso e una
tecnologia avanzata; ha permesso una considerevole estensione della pratica della democrazia e promosso alcuni valori liberali, ma entro limiti che ora sono avvertiti come stretti e devono essere superati. Non è un sistema adatto per la metà del XX secolo. È incapace di soddisfare i bisogni umani che possono essere espressi solo in termini collettivi, e il suo concetto di uomo competitivo che cerca solo di massimizzare la ricchezza e il potere, che si assoggetta alle relazioni di mercato,
allo sfruttamento e all’autorità esterna è antiumano e intollerabile nel senso più profondo. Uno stato autocratico non è un sostituto accettabile; né il capitalismo militarizzato di stato in evoluzione negli Stati Uniti o lo stato assistenziale centralizzato burocratizzato possono essere accettati come obiettivo dell’esistenza umana. L’unica giustificazione per le istituzioni repressive è il deficit materiale e culturale. Ma tali istituzioni, in alcune fasi della storia, perpetuano e producono un tale deficit, e minacciano perfino la sopravvivenza umana. La scienza e la tecnologia moderne possono alleviare gli uomini dalla necessità di un lavoro specializzato e imbecille. Possono, in linea di principio, fornire le basi per un ordine sociale razionale basato sulla libera associazione e il controllo democratico, se abbiamo la volontà di crearlo.

Adam Tooze : “Crashed: How a Decade of Financial Crises Changed the World (English Edition)”

Adam Tooze : “Crashed: How a Decade of Financial Crises Changed the World (English Edition)”

Al G20 di San Pietroburgo dal 5 al 6 settembre 2013, mentre il mondo attendeva di vedere come avrebbe votato il Comitato per il mercato aperto della Fed, il tono era più misurato di quello di Ankara, ma il messaggio era forte e chiaro.
La Fed doveva riconoscere che tutti, compresi gli Stati Uniti, vivevano in un “mondo interdipendente”. I ministri delle finanze del Brasile e dell’Indonesia hanno chiesto maggiore chiarezza a Bernanke. La Cina, che è stata esposta agli Stati Uniti non solo attraverso il commercio ma anche attraverso la sua gigantesca detenzione di obbligazioni in dollari, non è stata meno rumorosa. Come ha affermato un portavoce ufficiale: “Dato che la politica monetaria degli Stati Uniti ha un’enorme influenza sui mercati emergenti e sull’economia globale, speriamo che le autorità della politica monetaria degli Stati Uniti, sia che escano o ridimensionino lo stimolo, non prendano in considerazione solo le necessità della stessa economia degli Stati Uniti ma pensino anche alle circostanze economiche dei mercati emergenti. ”Rajan era il portavoce dei mercati emergenti con il più alto profilo personale negli Stati Uniti. Durante la crisi del 2008, ha ricordato all’America, i mercati emergenti hanno intrapreso “enormi stimoli fiscali e monetari” a sostegno della crescita globale. I paesi industrializzati non possono ora “lavarsi le mani … e dire che faremo ciò di cui abbiamo bisogno e voi vi adeguerete …” Abbiamo bisogno di una migliore cooperazione e sfortunatamente ciò non è stato realizzato finora. “L’interdipendenza” è stata uno dei toccasana dell’era della globalizzazione. Ed è stato molto bello chiedere una maggiore cooperazione. Ma perché la Fed dovrebbe ascoltare tali richieste? Nel 2008 aveva fornito liquidità all’intera economia mondiale. Ora stava facendo del suo meglio per sostenere il risveglio. Ma il suo mandato era nazionale. Era responsabile per l’economia americana, non per il resto del mondo. Per quanto riguarda la Fed, l’argomento davvero convincente è stato quello del contraccolpo. Questo era ciò che aveva confermato il caso della massiccia azione sulla linea di swap nel 2008. Ed è stato questo il punto sollevato nell’autunno del 2013 dall’amministratore delegato dell’FMI Christine Lagarde. I riverberi degli enormi shock monetari della Fed, ha avvertito Washington, “potrebbero benissimo ricondurre al punto in cui sono iniziati”, cioè agli Stati Uniti. Ma era una cosa per la Fed riconoscere che le megabanche europee avrebbero potuto far crollare tutto. Altra cosa fare lo stesso reclamo per i mercati emergenti. Guardando i numeri, nessuno potrebbe seriamente sostenere che i cicli economici dell’Indonesia o dell’India abbiano avuto un grande impatto sulla stabilità finanziaria degli Stati Uniti. L’interdipendenza dell’era globale era pervasiva, ma non era enfaticamente simmetrica. Alcuni hanno ricevuto shock, altri li hanno distribuiti.

Adam Tooze : “Crashed: How a Decade of Financial Crises Changed the World (English Edition)”

Adam Tooze : “Crashed: How a Decade of Financial Crises Changed the World (English Edition)”

Mentre Berlino ha denunciato il QE come fonte di instabilità, le banche europee hanno adottato una visione molto diversa. Per ogni miliardo di dollari di titoli acquistati dalla Fed, essa ha accreditato un conto con un importo corrispondente di dollari. Ma chi ha tenuto quei conti in dollari con la Fed e quindi “finanziato” il QE? Come mostrano le statistiche della Fed, non sono state le banche americane a trarre vantaggio dal QE per scaricare grandi portafogli di obbligazioni o per detenere liquidità, sebbene alcuni fondi pensione e fondi comuni americani abbiano venduto obbligazioni alla Fed. Le banche più attivamente coinvolte nel QE2 non erano americane ma europee, riducendo i loro portafogli in titoli statunitensi e costruendo saldi monetari della Fed. Da novembre 2010 esiste un’identità quasi uno a uno tra l’espansione del bilancio della Federal Reserve e l’espansione dei saldi di cassa in dollari detenuti da banche non statunitensi con la Fed. Ciò suggerirebbe che, lungi dall’aumentare l’ “insicurezza dell’economia mondiale”, la Fed stava, in effetti, fungendo da salvadanaio mondiale. Mentre l’eurozona tornava alla crisi, le banche europee hanno abbandonato l’accordo di fermo del maggio 2010. Hanno spostato il denaro dall’Europa, ridotto le loro operazioni statunitensi, ridotto la leva finanziaria sui loro bilanci e accumulato un enorme ammontare di liquidità. Grazie al QE2 hanno detenuto quella riserva di liquidità non con la BCE, ma con il massimo garante del sistema finanziario globale, la Fed. Non era una ricetta per l’espansione economica. Ma in assenza di qualsiasi soluzione alla crisi dell’eurozona, prometteva almeno un cuscinetto di stabilità.

Adam Tooze : “Crashed: How a Decade of Financial Crises Changed the World (English Edition)”

Adam Tooze : “Crashed: How a Decade of Financial Crises Changed the World (English Edition)”

Come funziona esattamente l’allentamento quantitativo rimane oggetto di controversie. L’acquisto su larga scala di obbligazioni principalmente a breve termine fa aumentare i prezzi delle obbligazioni e quindi riduce i rendimenti. I tassi ridotti a breve termine possono aiutare a ridurre i tassi a lungo termine e quindi a stimolare gli investimenti. Ma ciò dipende dal fatto che ci siano imprese disposte a investire, che non possono essere date per scontate in un momento di crisi. L’effetto più diretto del QE arriva attraverso i mercati finanziari. Quando la banca centrale accumula obbligazioni, riduce i rendimenti, costringendo i gestori patrimoniali a cercare rendimenti in altre classi di attività. Il passaggio dalle obbligazioni alle azioni gonfia il mercato azionario, aumentando la ricchezza di quelli con portafogli azionari, tendendo a renderli più disponibili sia a investire sia a consumare. Questo, per non dire altro, è un metodo incerto e indiretto per stimolare l’economia. Aumentando la ricchezza di famiglie già benestanti, si predilige aumentare la disuguaglianza. Le famiglie a basso reddito non hanno modo di partecipare alle plusvalenze.