Jenny Chan : ” Dying for an iPhone “

Jenny Chan : ” Dying for an iPhone “

Nel 2010, Apple ha dimostrato la sua abilità aziendale acquisendo uno straordinario 58,5% del prezzo di vendita dell’iPhone, un risultato praticamente senza pari nella produzione mondiale.
Particolarmente degno di nota è che il costo del lavoro in Cina ha rappresentato la quota più piccola dell’iPhone “made in China”, solo l’1,8% o quasi 10 dollari USA del prezzo al dettaglio di 549 dollari USA dell’iPhone 4. Le aziende americane, giapponesi e sudcoreane che hanno prodotto i componenti elettronici più sofisticati, come il display touchscreen, i chip di memoria e i microprocessori, hanno acquisito poco più del 14% del valore dell’iPhone. Il costo delle materie prime è stato poco più di un quinto del valore totale (21,9 per cento). In breve, mentre Foxconn si è ritagliata una nicchia come assemblatore finale esclusivo dell’iPhone, la parte del leone dei profitti è stata catturata da Apple. In questa divisione internazionale del lavoro, Foxconn ha hottenuto solo una piccola parte del valore mentre i suoi lavoratori nell’elaborazione e nell’assemblaggio dell’elettronica hanno ricevuto una miseria. La Cina ha assistito alla più grande migrazione di manodopera al mondo, la migrazione interna, negli ultimi quattro decenni. A partire dal 2018, il 51,5% dei lavoratori migranti rurali è nato dopo il 1980.

Amelia Horgan : ” Lost in Work “

Amelia Horgan : ” Lost in Work “

Nei magazzini di Amazon vengono monitorati costantemente i movimenti di ogni lavoratore: quanto tempo impiega a prelevare un articolo per la consegna, quante volte va in bagno e così via. Questi dati vengono confrontati con gli standard previsti, spesso faticosi, come imballare centinaia di scatole all’ora. Il mancato rispetto degli standard richiesti può portare al licenziamento dei lavoratori. Spesso non c’è alcun coinvolgimento umano nell’amministrazione di questo processo. I lavoratori sono gestiti e persino licenziati da algoritmi.
Piuttosto che la possibilità o la realtà di un manager che ti osserva e ti sorprende a lavorare in modo non ottimale, non c’è posto dove nascondersi. Nei magazzini Amazon ci sono ancora dei gestori, si limitano a seguire le istruzioni date loro da un computer. Ciò significa che contestare decisioni quotidiane che non hanno senso diventa impossibile.

Joël van Houdt : ” Kuja Meri? “

Joël van Houdt : ” Kuja Meri? “

Nonostante quasi quarant’anni di guerra, due decenni di occupazioni da parte delle ex superpotenze della Guerra Fredda e un vuoto di sicurezza che potrebbe inghiottire la regione, il mondo sta chiudendo un occhio sul destino del popolo afgano, in particolare dei suoi rifugiati.
Una situazione di sicurezza vertiginosa, un governo debole e prospettive economiche abissali significano che gli afgani stanno cercando di lasciare il loro paese in gran numero. Poiché è praticamente impossibile per gli afgani ottenere un visto per un paese occidentale, molti vengono spinti nelle mani dei trafficanti. Nel principale mercato monetario di Kabul, esistono innumerevoli hawala (sistemi informali di trasferimento di denaro) per pagare i trafficanti. Spesso i rifugiati sono in grado di pagare solo una parte del viaggio e rimangono bloccati da qualche parte lungo il percorso: i trafficanti non forniscono alcuna informazione o consiglio sul viaggio. Con le loro famiglie a casa poi costrette a raccogliere più soldi, spesso devono vendere beni importanti, comprese le loro case.

Todd Miller : ” Border Militarization in a Warming World : Climate Adaptation for the Rich and Powerful “

Todd Miller : ” Border Militarization in a Warming World : Climate Adaptation for the Rich and Powerful “

Pochi giorni dopo il terremoto del gennaio 2010, un aereo cargo dell’aeronautica statunitense ha sorvolato per cinque ore il paese devastato di Haiti nell’ambito di una delle missioni di primo soccorso. Più e più volte l’aereo ha trasmesso la voce forte e preregistrata dell’ambasciatore di Haiti negli Stati Uniti, Raymond Joseph, a Kreyol:
Ascolta, non correre sulle barche per lasciare il paese. Se lo fai, avremo tutti problemi ancora peggiori. Perché sarò onesto con te: se pensi di raggiungere gli Stati Uniti e tutte le porte ti saranno spalancate, non è affatto così. E ti intercetteranno proprio sull’acqua e ti rimanderanno a casa da dove sei venuto.

Mark Akkerman : ” The Military and Security Industry “

Mark Akkerman : ” The Military and Security Industry “

La società di consulenza Visiongain ha stimato che il mercato globale della sicurezza delle frontiere valeva 18,9 miliardi di dollari nel 2016, rispetto ai 15 miliardi di dollari del 2015, con una crescita del 26% in un anno. Market Research Future prevede una crescita continua del mercato, a un tasso dell’8% all’anno fino al 2023. Le aziende europee di armi e tecnologia sono quelleche traggono maggiori profitti del segmento UE in questo mercato, con Airbus, Leonardo, Thales, Indra e IDEMIA che si distinguono come i grandi vincitori della tragedia dei rifugiati. Abbastanza cinicamente, Airbus, Thales e Leonardo sono anche grandi esportatori di armi verso il Medio Oriente e il Nord Africa, nutrendosi e approfittando del caos, della guerra, delle violazioni dei diritti umani e della repressione che alimentano le migrazioni forzate.

Siobhan McGuirk and Adrienne Pine : ” Asylum For Sale “

Siobhan McGuirk and Adrienne Pine : ” Asylum For Sale “

Per la maggior parte del ventesimo secolo, la migrazione messicana negli Stati Uniti ha costituito poco più di un rivolo. Nel 1994, l’anno in cui il NAFTA è entrato in vigore, c’erano solo 4,8 milioni di residenti messicani che vivevano negli Stati Uniti. Nel 2000, quel numero era quasi raddoppiato, arrivando a 9 milioni. Ha continuato a crescere dopo. I rifugiati economici che attraversano il confine sempre più militarizzato tra Messico e Stati Uniti sono criminalizzati e presi di mira dalla violenza del governo degli Stati Uniti, ma questi fattori non hanno scoraggiato molti messicani impoveriti se confrontati con le terribili circostanze che affrontano nel loro paese. Secondo le stesse statistiche del governo degli Stati Uniti, più di duemila migranti sono morti nel tentativo di attraversare il confine durante il primo decennio del NAFTA.

Nel 2006, l’Accordo centroamericano di libero scambio (CAFTA-DR) ha esteso le disposizioni agricole del NAFTA a Guatemala, Honduras, El Salvador, Nicaragua, Costa Rica e Repubblica Dominicana. Il CAFTA ha devastato gli agricoltori in Honduras, Guatemala ed El Salvador nello stesso modo in cui il NAFTA ha distrutto il sostentamento degli agricoltori in Messico. Il massiccio spostamento di lavoratori agricoli rurali in questi paesi dell’America centrale ha assicurato un surplus di forza lavoro che ha mantenuto bassi i salari nelle fabbriche di abbigliamento che producono abbigliamento per designer di marchi con sede negli Stati Uniti.

Siobhan McGuirk and Adrienne Pine : ” Asylum For Sale “

Siobhan McGuirk and Adrienne Pine : ” Asylum For Sale “

Sotto lo status quo capitalista neoliberista che definisce l’era attuale, la possibilità di chiedere asilo non può più essere considerata un diritto umano universale. È un prodotto in vendita. E, in puro stile capitalista, intorno ad essa si è sviluppata un’intera industria.

Data questa realtà, l’USMCA potrebbe essere chiamato più accuratamente l’accordo sul controllo dei migranti degli Stati Uniti.

Non consentendo la libera circolazione dei lavoratori attraverso i confini, l’USMCA, come il suo predecessore, l’Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA), garantisce che le società possano sfruttare i lavoratori nel Sud del mondo. Una casa automobilistica può chiudere un impianto di assemblaggio a Detroit e licenziare migliaia di lavoratori da 30 dollari l’ora e aprire una fabbrica in Messico, dove i salari sono di 2 dollari l’ora.

Se l’USMCA creasse effettivamente un mercato libero, i lavoratori sarebbero in grado di muoversi liberamente attraverso i confini. Uno scenario del genere abbasserebbe i salari negli Stati Uniti e in Canada, ma li aumenterebbe in Messico, perché il movimento dei lavoratori verso regioni in cui i salari sono più alti, in teoria, finirebbe per pareggiare i livelli salariali tra i tre paesi.

In realtà, gli Stati Uniti e il Canada potrebbero fornire sussidi, ma non il Messico.
Le misure di austerità neoliberali imposte al paese hanno effettivamente assicurato che il Messico non potesse esercitare le stesse “indennità” del NAFTA dei suoi partner.
Tra il 1997 e il 2005, ad esempio, i sussidi agricoli statunitensi ai produttori di mais nazionali sono stati in media di 4,5 miliardi di dollari l’anno. Questo mais veniva poi venduto in Messico molto sottocosto; gli agricoltori messicani non sovvenzionati non potevano competere. Le importazioni dagli Stati Uniti sono arrivate rapidamente a dominare il mercato messicano, devastando i produttori locali del principale alimento di base del Messico.

Fanny Pigeaud, Ndongo Samba Sylla : ” Africa’s Last Colonial Currency “

Fanny Pigeaud, Ndongo Samba Sylla : ” Africa’s Last Colonial Currency “

Joseph Tchundjang Pouemi lo ha ripreso, descrivendo visivamente il denaro come un “bene vuoto” che viene poi “riempito” dalla produzione. È essenziale disporre di un sistema monetario e finanziario funzionante che distribuisca credito ai settori produttivi e ai progetti economici. Ma questo non può essere dato per scontato, poiché il denaro può essere messo al servizio di interessi illegittimi.

Fanny Pigeaud, Ndongo Samba Sylla : ” Africa’s Last Colonial Currency “

Fanny Pigeaud, Ndongo Samba Sylla : ” Africa’s Last Colonial Currency “

Joseph Tchundjang Pouemi ha scritto “Denaro, schiavitù e libertà” nel contesto della fine del regime di Bretton Woods. Prendendo tutti di sorpresa, ha avanzato l’argomento iconoclasta secondo cui i problemi economici dell’Africa, il suo “sottosviluppo”, avevano principalmente un’origine monetaria.

Senza un’effettiva sovranità monetaria nessuno Stato può attuare politiche economiche che consentano l’accumulazione di capitale e il pieno impiego di risorse e lavoro, per il semplice fatto che il denaro, nel senso di credito creato dal sistema bancario, precede la produzione. In un sistema capitalista, per mettere in moto un processo produttivo, gli imprenditori devono avere accesso a prestiti sotto forma di credito per, ad esempio, acquistare materie prime e pagare i salari. Senza la creazione di denaro, l’accumulazione di capitale è impensabile.

Fanny Pigeaud, Ndongo Samba Sylla : ” Africa’s Last Colonial Currency “

Fanny Pigeaud, Ndongo Samba Sylla : ” Africa’s Last Colonial Currency “

Molti paesi africani importano grandi quantità di prodotti alimentari, che assorbono gran parte delle loro riserve estere. Ma potrebbero prendere provvedimenti per produrre localmente il cibo di cui hanno bisogno: terra, lavoro e know-how sono generalmente disponibili. Quello che manca, il più delle volte, sono i mezzi finanziari per sviluppare i loro sistemi agricoli, così come la protezione commerciale contro le importazioni dall’estero.

Purtroppo il sistema CFA impedisce qualsiasi politica volta alla mobilitazione delle risorse interne: i limiti imposti alla creazione di moneta scoraggiano l’attività economica e quindi la formazione di consistenti risparmi nazionali; mentre la libera circolazione dei capitali favorisce il deflusso del risparmio nazionale e il rimpatrio degli utili aziendali, che le imprese non sono obbligate a reinvestire nell’economia locale.