Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Gli anticomunisti avrebbero ovviamente attirato l’attenzione sulla scarsità economica nell’era di Mao, per giustificare il loro quadro di concettualizzazione. A quei tempi anche gli articoli quotidiani di base come il sapone erano razionati. Questo è spesso citato come prova del fallimento di un’economia pianificata gestita da un regime comunista. Solo un’economia di mercato può fare miracoli e la riforma economica post-Mao ha dimostrato che i cinesi non solo non dovevano più razionarsi, ma c’era un eccesso di offerta di materie prime. A parte il fatto che anche nelle società occidentali sviluppate la ricchezza è un fenomeno recente, lo stato cinese ha dovuto razionare le necessità quotidiane in quel momento come scelta strategica, una scelta fatta durante l’apice della guerra fredda. La RPC ha affrontato forze ostili tutt’intorno, perché alla fine degli anni ’50 la Cina si era separata dall’Unione Sovietica e aveva dovuto estrarre e risparmiare ogni centesimo per sviluppare rapidamente le industrie della difesa nazionale. L’addio cinese alla scarsità di beni di consumo divenne possibile quando la guerra fredda divenne più calda all’inizio degli anni ’70 a causa delle decisioni prese dagli Stati Uniti, e solo allora la Cina fu in grado di avere un posto alle Nazioni Unite. Questi cambiamenti geopolitici internazionali hanno spianato la strada alla Cina per spostare la strategia di investimento dalle industrie della difesa pesanti e nazionali alle industrie leggere e di consumo. Allo stesso tempo, la Cina avrebbe potuto iniziare a importare tecnologia occidentale e valute estere e persino investimenti dalla comunità cinese d’oltremare. La verità secondo la propaganda anticomunista della Guerra Fredda è che nell’era di Mao, la Cina si isolò dal mondo esterno e fu solo quando Deng Xiaoping salì al potere che la Cina iniziò ad aprirsi.

United Nations Development Programme : “Human Development Report 2019”

United Nations Development Programme : “Human Development Report 2019”

I benefici ambientali del cambiamento dietetico superano ciò che i produttori possono ottenere da soli. Ma la tendenza è nella direzione opposta, a causa principalmente della crescita della popolazione ma anche di altre variabili, come l’urbanizzazione e l’aumento del reddito pro capite, che tendono ad aumentare la domanda di alimenti per animali. Tra il 2000 e il 2014 la produzione globale di carne è aumentata del 39 percento.

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Il secondo sviluppo è l’ascesa e l’espansione delle imprese cittadine e degli abitanti dei villaggi (TVE). Nella sua critica di Stalin e del modello sovietico di sviluppo economico, Mao sviluppò l’idea del decentramento e di incoraggiare le iniziative locali nell’industrializzazione. Mao ha riassunto l’idea nel detto popolare, “camminare su due gambe”; la gamba dell’economia pianificata centrale delle imprese statali e la gamba delle imprese di proprietà collettiva sviluppate localmente. Queste idee sono state avviate e sviluppate durante il GLF, ma sono state accantonate dopo il suo fallimento. Sono riemerse durante la CR, che ha dato origine ai TVE. Molti di questi TVE non solo erano transitori, ma hanno anche ispirato lo sviluppo del settore privato cinese che esiste oggi nell’economia (Wong 2003). Vale la pena sottolineare che le idee di decentralizzazione e promozione di iniziative locali hanno gettato le basi per il decollo economico nella Cina post-Mao, poiché i governi locali erano i veri attori dietro lo sviluppo. Vale la pena ripetere che le iniziative locali avviate durante gli anni della GLF si sono riaccese durante la CR e sono state chiamate CBE. Prendiamo la provincia di Jiangsu come esempio. Il valore totale dei TVE nel 1975 ha raggiunto oltre 244 milioni di RMB, un aumento di 2,22 volte rispetto al 1970 (calcolato al valore del potere d’acquisto in quel momento), un aumento annuale del 20 percento (Mo Yuanren 1987: 140).

United Nations Development Programme : “Human Development Report 2019”

United Nations Development Programme : “Human Development Report 2019”

Il bestiame è il maggiore utilizzatore agricolo mondiale di risorse terrestri, con pascoli e terreni coltivati ​​ dedicati alla produzione di mangimi che rappresentano quasi l’80 percento di tutti i terreni agricoli (fornendo al contempo solo il 37 percento delle proteine ​​del mondo e il 18 percento delle sue calorie, inclusa l’acquacoltura). Circa un quinto dell’acqua dolce disponibile è destinato alla produzione zootecnica. L’intensità dell’uso delle risorse da parte del bestiame è strettamente legata, direttamente e indirettamente, alle inefficienze energetiche nei sistemi di produzione di alimenti per animali. La maggior parte della materia vegetale che gli animali ingeriscono, compresi i mangimi, viene utilizzata dagli animali stessi anziché immagazzinata come muscolo o grasso per essere consumata dalle persone. Il rapporto di perdita varia ma è stato stimato essere fino al 90 percento, il che rende gli animali una fonte altamente inefficiente di calorie per le persone. Per ogni caloria, la produzione di alimenti per animali richiede molta più terra e risorse rispetto alla produzione di una quantità equivalente di alimenti a base vegetale. Fino all’80 percento delle emissioni di gas serra generate dal settore agricolo globale proviene dalla produzione di bestiame, che aggiunge fino a 7,1 gigatonnellate di biossido di carbonio equivalente all’anno, ovvero il 14,5 percento delle emissioni globali di gas serra antropogeniche. Le emissioni provengono da tutta la catena di approvvigionamento, con la produzione di mangimi, la fermentazione enterica, i rifiuti animali e i cambiamenti nell’uso del suolo tra le fonti più importanti a livello di azienda agricola. I bovini sono responsabili di circa i due terzi delle emissioni equivalenti di biossido di carbonio legate al bestiame, in gran parte sotto forma di emissioni di metano, un gas serra circa 30 volte più potente dell’anidride carbonica nell’intrappolare il calore.

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Nel contesto storico c’era una seria minaccia di guerra contro la Cina e le guerre di Corea e Vietnam mostrano che la Cina non era stata mai lontana dalle minacce di guerra e persino dalle minacce di guerra nucleare dagli Stati Uniti. Va benissimo per gli studiosi occidentali nelle loro torri d’avorio, o cinesi occidentali addestrati, ritrarre Mao come irrazionale quando vivono e lavorano per il potere che domina il mondo e quando possono bombardare, invadere e umiliare il popolo di qualsiasi nazione in ogni momento. Non possiamo capire la Cina se non ci mettiamo nella posizione della Cina in quel momento. Non possiamo capire la Cina se consideriamo le cose solo dal punto di vista occidentale, che domina il nostro quadro concettuale, stabilisce programmi di ricerca e regola gli standard delle borse di studio.

United Nations Development Programme : “Human Development Report 2019”

United Nations Development Programme : “Human Development Report 2019”

I tassi di raccolta dei rifiuti variano considerevolmente tra e all’interno dei paesi. La raccolta dei rifiuti è quasi universale nei paesi ad alto reddito, con poca disparità tra aree urbane e rurali. A livelli di reddito più bassi i tassi di raccolta dei rifiuti diminuiscono costantemente e si evidenziano forti differenze tra le aree urbane e quelle rurali. Circa il 40 percento dei rifiuti globali viene smaltito in discarica e un terzo viene scaricato all’aperto. La stragrande maggioranza dei rifiuti nei paesi a basso reddito viene scaricata all’aperto e la discarica all’aperto diminuisce costantemente a favore dell’interramento con l’aumentare del reddito dei paesi. L’incenerimento viene utilizzato principalmente nei paesi a medio-alto e ad alto reddito. I rifiuti industriali in genere superano di gran lunga i rifiuti solidi urbani e mostrano una forte pendenza in base al reddito del paese. In generale, il riciclaggio è un metodo di smaltimento dei rifiuti significativo solo nei paesi ad alto reddito.

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

La Cina ha fatto molto per diventare una società di mercato. Gli osservatori della Cina sono incuriositi dall’assemblaggio di etichette e descrivono la Cina come un esempio del capitalismo esistente, con politiche favorevoli al mercato e istituzioni leniniste dell’economia politica post-Mao cinese. La Cina è stata in alternativa etichettata come “capitalismo di nomenclatura”, “capitalismo burocratico”, “capitalismo con caratteristiche cinesi”, “com-capitalismo”, “leninismo di mercato”, “capitalismo di stato” e “capitalismo mercantilista” per citarne solo alcuni (Baum e Shevchenko 1999: 333). Comunque si chiami la Cina post-1989, un punto è chiaro: dall’addio alla Rivoluzione alla neo illuminazione, e dallo smantellamento dell’agricoltura collettiva allo “sviluppo a tutti i costi”, la Cina ha abbracciato senza tante cerimonie il neoliberismo. Come ha acutamente sottolineato Wang Hui (2006), i tragici eventi del 1989 sono stati di fondamentale importanza per far rispettare una logica neoliberista in Cina. Quell’anno non fu solo caratterizzato dalla repressione della libertà: portò all’ordine del neoliberismo e ad una sorta di economia di mercato che è una soppressione della democrazia e della libertà. In tal modo, la Cina ha effettivamente salvato il capitalismo.

United Nations Development Programme : “Human Development Report 2019”

United Nations Development Programme : “Human Development Report 2019”

La gestione dei rifiuti richiede trasporto ed energia. È un notevole contributo al cambiamento climatico. Quasi il 5 percento delle emissioni globali di gas a effetto serra è dovuto alla gestione dei rifiuti (esclusi i trasporti), trainata principalmente dallo spreco alimentare e da una gestione impropria. Se bruciati all’aperto, i rifiuti contribuiscono all’inquinamento atmosferico e ai rischi per la salute; quando depositati in discarica, occupano spazio e possono lisciviare le tossine nel suolo e nelle acque sotterranee. I rifiuti si fanno strada anche nei corsi d’acqua e negli oceani. Più di 270.000 tonnellate di rifiuti di plastica si trovano negli oceani del mondo, dove i vortici li concentrano in enormi macchie di immondizia. Finora ne sono stati identificati tre: uno nel Nord Pacifico (il Great Pacific Garbage Patch), uno nel Sud Pacifico e uno nel Nord Atlantico. Il Great Pacific Garbage Patch misura 1,6 milioni di chilometri quadrati (tre volte le dimensioni della Francia) e parti di essa hanno fino a 100 chilogrammi di plastica per chilometro quadrato. La plastica può circolare negli oceani per anni, degradando alla luce del sole in microplastiche, formando una sorta di zuppa pepata consumata da uccelli e pesci. Le microplastiche marine non si limitano alla superficie del mare; sono state anche documentate nella colonna d’acqua e nelle comunità animali del mare profondo. Il più grande spazio abitativo sulla terra, il mare profondo, potrebbe anche rivelarsi uno dei più grandi serbatoi di microplastiche, che sono stati trovati anche nell’atmosfera e nelle montagne remote.

Il 20 presidente Ronald Reagan : “Osservazioni alla cerimonia di presentazione della medaglia presidenziale della libertà”, 19 gennaio 1989.

Il 20 presidente Ronald Reagan : “Osservazioni alla cerimonia di presentazione della medaglia presidenziale della   libertà”, 19 gennaio 1989.

Un uomo mi scrisse: “Puoi andare a vivere in Francia, ma non puoi diventare un francese. Puoi andare a vivere in Germania, Turchia o Giappone, ma non puoi diventare un tedesco, un turco o un giapponese. Ma chiunque, da qualsiasi angolo della Terra, può venire a vivere in America e diventare un americano”.
Sì, la torcia di Lady Liberty simboleggia la nostra libertà e rappresenta la nostra eredità, la compattezza con i nostri genitori, i nostri nonni e i nostri antenati. È quella signora che ci dà il nostro posto fantastico e speciale nel mondo. Perché è la grande forza vitale di ogni generazione di nuovi americani che garantisce che il trionfo americano continuerà senza pari nel prossimo secolo e oltre. Altri paesi potrebbero cercare di competere con noi; ma in quest’area vitale, come un faro di libertà e opportunità che attira la gente del mondo, nessun paese sulla Terra ci si avvicina. Questa, credo, è una delle fonti più importanti della grandezza dell’America. Governiamo il mondo perché, unico tra le nazioni, attiriamo il nostro popolo – la nostra forza – da ogni paese e ogni angolo del mondo. E così facendo rinnoviamo e arricchiamo continuamente la nostra nazione. Mentre altri paesi si aggrappano al passato stantio, qui in America insuffliamo la vita nei sogni. Creiamo il futuro e il mondo ci segue nel domani. Grazie a ogni ondata di nuovi arrivati in questa terra di opportunità, siamo una nazione sempre giovane, piena di energia e nuove idee, e sempre all’avanguardia, che porta sempre il mondo alla prossima frontiera. Questa qualità è vitale per il nostro futuro come nazione. Se mai chiudessimo la porta ai nuovi americani, la nostra leadership nel mondo sarebbe presto perduta.