Sandro Mezzadra and Brett Neilson : ” Border As Method. Or, The Multiplication Of Labor “

Sandro Mezzadra and Brett Neilson : ” Border As Method. Or, The Multiplication Of Labor “

Fondamentale per qualsiasi considerazione degli attuali processi globali è il fatto che il mondo è diventato più aperto ai flussi di beni e capitali ma più chiuso alla circolazione dei corpi umani. Vi è, tuttavia, un tipo di merce inseparabile dal corpo umano e l’assoluta peculiarità di questa merce fornisce una chiave per comprendere e svelare la situazione apparentemente paradossale di cui sopra. Abbiamo in mente la merce della forza lavoro, che descrive immediatamente una capacità dei corpi umani ed esiste come un bene scambiato nei mercati su varie scale geografiche. Non solo la forza lavoro è una merce diversa dalle altre (l’unico termine possibile di confronto è la moneta), ma i mercati in cui viene scambiata sono peculiari. Questo anche perché il ruolo delle frontiere nella definizione dei mercati del lavoro è particolarmente pronunciato.
I processi di filtraggio e differenziazione che si verificano alla frontiera si svolgono sempre più all’interno di questi mercati, influenzando la composizione di ciò che, per usare un’altra categoria marxiana, chiamiamo lavoro vivente.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Le implicazioni fiscali di un UBI potrebbero essere significative. Una nuova analisi ha stimato i costi di fornitura di tale programma in quattro paesi europei. I trasferimenti UBI erano impostati uguali a quelli dei programmi di trasferimento di denaro esistenti. Secondo i risultati, il costo aggiuntivo di un UBI varia in modo significativo: il 13,8 per cento del PIL in Finlandia, il 10,1 per cento in Francia, l’8,9 per cento nel Regno Unito e il 3,3 per cento in Italia. Per coprire i costi aggiuntivi, sono state identificate due fonti di finanziamento: tassare i trasferimenti UBI insieme ad altri redditi e abolire le agevolazioni fiscali esistenti. In Finlandia e in Italia, queste misure erano più che adeguate per coprire i costi aggiuntivi di un UBI.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Otto von Bismarck, cancelliere tedesco alla fine del XIX secolo, è ampiamente riconosciuto come inventore di assicurazioni sociali: benefici per i lavoratori nel settore formale finanziati da imposte specifiche sui salari. Ciò che è meno noto, tuttavia, è che questo modello era il piano B di Bismarck. L’intenzione originale del cancelliere era quella di creare un sistema di pensioni finanziato dalle tasse sul tabacco. Quando questo piano fallì, Bismarck fece ricorso a finanziamenti contributivi basati sul salario.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

L’economia informale è onnipresente nella maggior parte delle economie emergenti. L’occupazione informale si attesta a oltre il 70 percento nell’Africa subsahariana e al 60 percento nell’Asia meridionale e a oltre il 50 percento in America Latina. In Kenya, l’occupazione informale è uno sbalorditivo 77,9 per cento dell’occupazione totale, uno dei tassi più alti nel continente africano. Quasi 6 milioni di aziende nel settore informale del Kenya non hanno licenza. E la produttività è bassa in questo settore: nelle economie emergenti i lavoratori informali sono, in media, solo il 15% più produttivi dei lavoratori formali.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Il mondo è più sano e istruito che mai. Nel 1980 solo 5 bambini su 10 in età scolare nei paesi a basso reddito erano iscritti a scuola. Nel 2015 questo numero era aumentato a 8 su 10. Nel 1980 solo 84 bambini su 100 hanno compiuto il loro quinto compleanno, rispetto ai 94 su 100 del 2018. Un bambino nato nei paesi in via di sviluppo nel 1980 poteva aspettarsi di vivere per 52 anni. Nel 2018 questo numero era di 65 anni. Quasi un quarto dei bambini di età inferiore ai 5 anni è malnutrito. In tutto il mondo, oltre 260 milioni di bambini e giovani non vanno a scuola. Nel frattempo, quasi il 60 percento dei bambini delle scuole primarie nei paesi in via di sviluppo non riesce a raggiungere una competenza minima nell’apprendimento. Il capitale umano è costituito dalle conoscenze, abilità e salute che le persone accumulano durante la loro vita, consentendo loro di realizzare il loro potenziale come membri produttivi della società. Ciò si traduce in grandi profitti per individui, società e paesi. Questo era vero nel 1700 quando l’economista scozzese Adam Smith scrisse: “L’acquisizione di talenti durante l’istruzione, lo studio o l’apprendistato, costa una spesa reale, che è [capitale] in [una] persona. Quei talenti [fanno] parte della sua fortuna [e] anche di quella della società”. Questo è ancora vero nel 2018.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) stima che ogni anno tra 100 e 240 miliardi di dollari di ricavo vengano persi a causa dell’erosione della base e del trasferimento dei profitti da parte delle società multinazionali. Tale importo equivale al 4-10 percento delle entrate fiscali globali del reddito delle società. Un’altra stima suggerisce che le multinazionali spostino circa il 40 percento dei loro profitti ai paradisi fiscali, con una perdita del 12 percento delle entrate fiscali globali delle società.
Queste perdite non sono uguali tra i paesi, tuttavia. Australia, Brasile, Francia, India, Giappone, Messico e Stati Uniti, così come gran parte dell’Africa, sono tra i paesi che si ritiene siano maggiormente colpiti dal trasferimento degli utili. Una moltitudine di scappatoie può essere trovata nelle leggi fiscali, molte create attraverso lobbying aziendale, che consentono alle aziende di ridurre il loro carico fiscale. Queste scappatoie possono essere utilizzate dalle società per aumentare le loro detrazioni fiscali e spostare i profitti altrove, a volte in giurisdizioni con imposte sul reddito delle società basse o pari a zero, i cosiddetti paradisi fiscali o hub di investimento. Questo fenomeno non è né nuovo né illegale, ma è più facile nell’economia digitale. Nel 2016 quasi il 60 percento delle società Fortune 500 aveva almeno un’affiliata stabilita nelle Bermuda o nelle Isole Cayman, entrambe con un’aliquota dell’imposta sul reddito delle società dello 0 percento. I Paradise Papers, trapelati alla fine del 2017, stanno esponendo molti esempi di elusione fiscale ed evasione fiscale in tutto il mondo.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Un aspetto dell’economia digitale è che pone nuove sfide per il diritto della concorrenza, le fusioni e acquisizioni e il benessere dei consumatori. L’ascesa delle imprese produttrici di piattaforme solleva questioni legate al potere di mercato (figura 2.2). Gli effetti di rete associati ad alcuni prodotti online spesso portano a benefici significativi per i primi utenti, con conseguente concentrazione del mercato e facilitazione alla nascita di monopoli. Nel 2017 Safaricom, il più grande operatore di telefonia mobile del Kenya, con l’80% del mercato, ha lanciato M-Pesa, il primo sistema di moneta mobile del paese. Un anno dopo, M-Pesa aveva la stessa quota di mercato nella moneta mobile.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

È difficile stimare la dimensione della gig economy. Laddove esistono dati, i numeri sono ancora piccoli. I dati provenienti da Germania e Paesi Bassi indicano che solo lo 0,4 per cento della forza lavoro di quei paesi è attivo nella gig economy. Nel mondo, la popolazione totale di liberi professionisti è stimata in circa 84 milioni, ovvero meno del 3 percento della forza lavoro globale di 3,5 miliardi. Una persona considerata come libero professionista può anche svolgere un lavoro tradizionale. Negli Stati Uniti, ad esempio, oltre i due terzi dei 57,3 milioni di liberi professionisti svolgono un lavoro tradizionale, utilizzando i freelance per integrare il proprio reddito. La migliore stima è che meno dello 0,5 percento della forza lavoro attiva partecipi alla gig economy a livello globale, con meno dello 0,3 percento nei paesi in via di sviluppo.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

Fin dall’inizio, i robot dovevano sostituire gli umani sul posto di lavoro. In effetti, Karel Capek, lo scrittore ceco che ha inventato la parola robot nel 1920, ha usato la parola in lingua slava per lavoro, robota, per chiarire a cosa sarebbero servite queste macchine. Nel corso dell’ultimo secolo, le macchine hanno sostituito i lavoratori in molti compiti. A conti fatti, tuttavia, la tecnologia ha creato più posti di lavoro di quanti ne abbia spostato. La tecnologia ha portato una maggiore produttività del lavoro in molti settori riducendo la domanda di compiti di routine per i lavoratori. Eppure, così facendo, ha aperto le porte a nuovi settori una volta immaginati solo nel mondo della fantascienza.

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

The World Bank – World Development Report 2019 : ” The Changing Nature Of World “

La disuguaglianza nella maggior parte delle economie emergenti è diminuita o è rimasta invariata nell’ultimo decennio. Dal 2007 al 2015, 37 di 41 di queste economie hanno sperimentato un calo o nessuna variazione nella disuguaglianza, misurata dal coefficiente Gini. Le quattro economie emergenti in cui le disuguaglianze sono aumentate sono state l’Armenia, la Bulgaria, il Camerun e la Turchia. Nella Federazione Russa, tra il 2007 e il 2015, la misura della disuguaglianza di Gini è scesa da 42 a 38. Tra il 2008 e il 2015, la quota di reddito del 10% superiore della popolazione (basata sul reddito al lordo delle imposte) è scesa dal 52 al 46%. La quota di occupazione nelle piccole imprese è aumentata durante quel periodo, il che ha migliorato i salari rispetto a quelli delle grandi imprese. Eppure c’è poco da festeggiare nel fatto che la disparità di reddito non è, nonostante le percezioni, in aumento – e ancor meno se si considera che 2 miliardi di persone a livello globale lavorano nell’economia informale, dove molti non hanno alcuna protezione. L’assicurazione sociale è praticamente inesistente nei paesi a basso reddito e anche nei paesi a medio-alto reddito raggiunge solo il 28 percento delle persone più povere.