Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Il motivo del profitto, tuttavia, è tornato negli anni ’80, quando la privatizzazione delle carceri divenne popolare negli Stati Uniti. All’inizio degli anni ’80, c’erano solo poche strutture di detenzione private che ospitavano un piccolo numero di detenuti. Ad esempio, nel 1981 lo Stato del Kentucky ha stipulato un contratto con una società senza scopo di lucro per gestire un carcere di sicurezza minima di ottanta letti. La privatizzazione delle carceri iniziò a crescere più rapidamente verso la metà degli anni ’80, quando la Corrections Corporation of America, fondata nel 1983, ricevette due contratti più grandi: l’Houston Processing Center di Houston, in Texas, che conteneva 350 prigionieri, e il Silverdale Detention Center della Contea di Hamilton, Tennessee, che deteneva 440 prigionieri. Alla fine del 1988, c’erano almeno venti strutture di detenzione gestite privatamente che operavano in nove stati a livello federale, statale e locale; nel 1990 il numero era aumentato a trentacinque. Entro il 2008, ben l’8% di tutti i prigionieri erano detenuti in carceri private. Per i prigionieri federali, il numero di detenuti nelle carceri private è più che raddoppiato tra il 2000 e il 2008: mentre c’erano 15.524 prigionieri di questo tipo nel 2000, il numero ha raggiunto 33.162 nel 2008. Anche i prigionieri di stato nelle carceri private sono aumentati tra il 2000 e il 2008 (anche se a un ritmo più lento), da 71.845 nel 2000 a 95.362 nel 2008. Solo tra il 2007 e il 2008, il numero di prigionieri federali nelle strutture a gestione privata è aumentato del 5,9 per cento. La più grande azienda, la Corrections Corporation of America, ha impiegato circa 17.000 lavoratori in tutto il paese nel 2010, non solo nella sicurezza, ma anche nell’istruzione accademica e professionale, nei servizi sanitari e nella manutenzione delle strutture, nonché nelle risorse umane, nella gestione e nell’amministrazione. Un confronto con altri grandi datori di lavoro negli Stati Uniti suggerisce che la Corrections Corporation of America è uno dei cento più grandi datori di lavoro nel paese. La società è quotata alla borsa di New York e le sue azioni hanno registrato performance straordinarie negli anni ’90 e 2000. Il valore delle azioni della società è salito alle stelle dalla sua fondazione nel 1983, da $ 50 milioni nel 1986 quando è stato reso pubblico per la prima volta sul NASDAQ a $ 53,5 miliardi nel 1997 quando stava vendendo sul NYSE.
Il termine “complesso industriale-carcerario” fa riferimento a questo periodo negli anni ’90 e tenta di catturare la rapida espansione del sistema penale e il modo in cui la costruzione di carceri divenne un grande affare, specialmente in California dove iniziò a competere con l’agricoltura come forza dominante nella vita rurale.

Non c’è dubbio che l’espansione del settore carcerario sia stata al servizio degli interessi finanziari di grandi settori dell’economia.

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Nell’anno fiscale 2007, gli stati hanno speso in media il 6,8 percento dei loro fondi del fondo generale per le istituzioni carcerarie, con un aumento di 1,8 punti percentuali rispetto al 1987 quando gli stati hanno speso in media il 5 percento dei loro fondi generali per le istituzioni penali. In alcuni stati, come l’Oregon, in Florida e nel Vermont, il governo spende circa il 10 percento dei suoi dollari per le istituzioni penali, in effetti il 10,9 percento in Oregon.

In molti stati, i bilanci annuali assegnano più finanziamenti per le carceri che per i college di quattro anni.

In cinque stati nel 2007 – Vermont, Michigan, Oregon, Connecticut e Delaware – il rapporto tra istituzioni penali e spese per l’istruzione superiore ha superato uno, il che significa che hanno speso più denaro nelle carceri che nelle università.

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Il fatto è che la svolta verso i mercati liberi e la privatizzazione dalla rivoluzione di Reagan è stata accompagnata da un aumento massiccio e dall’accumulo delle nostre prigioni. Dopo quasi cinquant’anni di relativa stabilità nelle nostre popolazioni carcerarie, la popolazione detenuta è salita alle stelle a livello nazionale a partire dagli inizi degli anni ’70, passando da meno di 200.000 persone a oltre 1,3 milioni nel 2002 (o, se sono inclusi i detenuti nelle carceri locali, a più di 2 milioni di persone entro il 2002). Nel 2008, gli Stati Uniti hanno raggiunto un nuovo traguardo: hannp incarcerato oltre l’1 percento della sua popolazione adulta: il tasso più alto del mondo, cinque volte il tasso in Inghilterra e dodici volte il tasso in Giappone, e anche il più alto numero grezzo nel mondo.
Questi numeri sconcertanti erano persino più alti all’interno di segmenti discreti della popolazione. Uno su trenta uomini di età compresa tra 20 e 34 anni è stato incarcerato nel 2008, e per gli uomini afroamericani in quella fascia d’età, il numero era uno su nove: oltre il 10 percento degli uomini neri in quella fascia d’età era dietro le sbarre. L’America è al primo posto tra tutte le nazioni industrializzate nel suo tasso di prigionia, per un ordine di grandezza. Non solo, si colloca al primo posto per numero di persone in prigione, anche rispetto a paesi molto più popolosi come la Cina (che, con una popolazione più di tre volte superiore a oltre 1,3 miliardi, ha incarcerato 1,5 milioni di persone nel 2008, rispetto a ai nostri 2,3 milioni di prigionieri). Questi numeri e tariffe sono esponenzialmente più alti quando includiamo persone sotto supervisione. Secondo un rapporto del PEW Center sugli Stati pubblicato nel 2008, uno su 31 adulti – il 3,2 percento della popolazione o circa 7,3 milioni di americani – era in prigione, in libertà vigilata o condizionale. Anche la durata delle pene detentive negli Stati Uniti è sorprendente. Nel 2009, uno su undici detenuti statali e federali stava scontando l’ergastolo: 140.610 persone, ovvero il 9,5% della popolazione carceraria, stavano scontando l’ergastolo. E tra loro, 41.095, o il 29 percento, non erano eleggibili per la libertà condizionale, cioè non avevano possibilità di rilascio della libertà condizionale. In cinque stati – Alabama, California, Massachusetts, Nevada e New York – il tasso era ancora più alto, con uno su sei prigionieri di stato che scontavano l’ergastolo. In effetti, in California, 34.164 persone, o il 20 percento di tutti i prigionieri, stavano scontando l’ergastolo e, di questi, il 10,8 percento scontavano l’ergastolo senza libertà vigilata. L’aumento esponenziale del numero e del tasso di persone incarcerate nelle carceri statali e federali ha portato a un enorme investimento complessivo nella sfera carceraria, un investimento che è cresciuto costantemente tra la fine del XX e l’inizio del XXI secolo. Nel 1987, gli stati hanno speso circa 10,6 miliardi di dollari delle loro tasse in misure penali.
Nel 2001, il numero era aumentato fino a un totale di $ 38 miliardi per le spese di istituzioni penali. Che ci crediate o no, quei numeri hanno continuato a crescere rapidamente durante il primo decennio del nuovo millennio. Il solo budget annuale della California per il 2007-2008 ha raggiunto quasi $ 10 miliardi, praticamente le dimensioni delle spese nazionali nel 1987 e circa il doppio del budget della prigione della California nel 2001. Per l’intero paese, gli investimenti degli Stati nella sfera carcerale ha raggiunto l’incredibile cifra di $ 44 miliardi nel 2007 e $ 47 miliardi nel 2008. Se si includono obbligazioni e contributi federali, gli Stati hanno speso più di $ 49 miliardi in istituzioni carcerarie nello stesso anno, rispetto a $ 12 miliardi nel 1987.

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

L’idea di un mercato autoregolato è assurda.
Sarebbe come un evento sportivo competitivo senza un arbitro: non funzionerebbe, né ha mai funzionato. E una volta che vediamo le regole del gioco, diventa altrettanto chiaro che tali regole distribuiscono risorse.
L’altezza del canestro da basket favorisce le persone alte. Il football americano favorisce le persone di grandi dimensioni in determinate posizioni. Le regole del gioco non sono mai neutrali. Al contrario, sono determinanti per il risultato.
Distribuiscono il successo, eliminano il fallimento, assegnano risorse scarse.
Questo è vero nell’arena sportiva così come lo è nel campo degli scambi di mercato. I mercati non si autosostengono. Non tendono per natura a raggiungere l’equilibrio. Richiedono un intervento e una regolamentazione costanti, ed è proprio quella normativa che alloca inevitabilmente le risorse.

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Paghiamo un prezzo per credere che l’economia sia il regno dell’ordine naturale e che la sfera legittima e competente dell’amministrazione governativa si trovi altrove, nella polizia e nella punizione.
Tale prezzo elevato include, in primo luogo, la naturalizzazione dei meccanismi regolatori nei nostri mercati contemporanei e quindi la protezione delle massicce distribuzioni di ricchezza che avvengono quotidianamente; e in secondo luogo, espandendo massicciamente la sfera carcerale.

la retorica della penalità neoliberista naturalizza il mercato e protegge così l’enorme distribuzione della ricchezza che vi si svolge. Maschera efficacemente il ruolo dello stato, i legami dello stato con attori e associazioni non statali e l’ampio quadro giuridico e normativo in cui sono integrati. Nasconde anche la libertà che esisteva prima.

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

All’interno della Chicago School of Economics, la nozione di “efficienza” è diventata indissolubilmente legata ai mercati. Alla base, il modello di Chicago si basa su alcune premesse centrali e semplici: “il perseguimento razionale dell’interesse personale da parte degli attori economici [è] considerato come dato, la concorrenza [è] vista come inerente e intrinseca alla vita economica, e si ritiene che i risultati generati dal mercato [siano] superiori a quelli risultanti da interferenze del governo con il meccanismo di mercato”. Friedman, Stigler e altri economisti di Chicago si baserebbero proprio su queste premesse per dimostrare il “nesso tra mercati competitivi e risultati efficienti” e per discutere di “meno intervento del governo, minori politiche di ridistribuzione della ricchezza, dipendenza dagli scambi volontari e dalla legge comune per la mediazione dei conflitti e una promozione trasversale di più imprese private, che, sulla base delle prove fornite dalla loro ricerca empirica, faciliterebbe un’allocazione più efficiente delle risorse”.
Questo principio raffinato e centrale, ovvero l’efficienza del mercato,
è stato raccolto a sua volta dagli avvocati nel movimento di legge ed economia. Qui è importante tenere presente le strette connessioni istituzionali che conducono dalla Chicago School of Economics alla nascita della legge e dell’economia presso la University of Chicago Law School.

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Bernard E. Harcourt : “The Illusion of Free Markets”

Beccaria fu uno dei primi sostenitori dell’idea che il piacere e il dolore fossero le metriche e i motivi dell’azione umana. “La causa prossima ed efficace delle azioni è la fuga dal dolore, la loro causa finale è l’amore del piacere”. L’idea di massimizzare il benessere sociale era fondamentale per il lavoro di Beccaria. A questo proposito, Beccaria ha attinto fortemente al lavoro del suo connazionale e collega stretto Pietro Verri, che ha articolato nelle sue Meditazioni sulla felicità, pubblicate un anno prima nel 1763, la chiave di volta per il loro nuovo approccio filosofico: la felicità. “La fine del patto sociale”, scrisse Verri nel 1763, “è il benessere di ciascuno degli individui che si uniscono per formare la società, che lo fa in modo che questo benessere venga assorbito dalla felicità pubblica o piuttosto la massima felicità possibile distribuita con la massima uguaglianza possibile”.
Beccaria ha scritto, nelle pagine introduttive del suo breve tratto, che la cartina di tornasole dell’intervento statale dovrebbe essere se “conducono alla più grande felicità condivisa tra il maggior numero”. In questo passaggio, Beccaria ha approvato un quadro utilitario che ha cercato di massimizzare non solo il benessere sociale, ma più specificamente la distribuzione equa del benessere sociale. La concezione del benessere di Beccaria – e Verri – in questo senso, era in qualche modo unica nella sua enfasi sull’uguaglianza. Allo stesso modo, nelle sue Riflessioni, Beccaria ha scritto di raggiungere l’obiettivo “La più grande felicità possibile divisa tra il maggior numero.” Le società che si avvicinano a questo sono “sociali”, ha scritto Beccaria, e quelle che sono più lontane sono “selvagge”.

Hannah Arendt : “The Human Condition”

Hannah Arendt : “The Human Condition”

Il declino del sistema degli Stati nazionali europei; il restringimento economico e geografico della terra, in modo che la prosperità e la depressione tendano a diventare fenomeni mondiali; la trasformazione del genere umano, che fino ai nostri giorni era una nozione astratta o un principio guida solo per gli umanisti, in un’entità realmente esistente i cui membri nei punti più distanti del globo hanno bisogno di meno tempo per incontrarsi di quanto i membri di una nazione ne necessitassero una generazione fa: questi segnano l’inizio dell’ultima fase di questo sviluppo. Proprio come la famiglia e le sue proprietà sono state sostituite dall’appartenenza alla classe e dal territorio nazionale, così l’umanità ora inizia a sostituire le società vincolate a livello nazionale e la terra sostituisce il limitato territorio statale. Ma qualunque cosa possa portare il futuro, il processo di alienazione mondiale, avviato dall’espropriazione e caratterizzato da un progresso sempre crescente nella ricchezza, può assumere proporzioni ancora più radicali se gli è permesso di seguire la propria legge intrinseca. Perché gli uomini non possono diventare cittadini del mondo in quanto cittadini dei loro paesi e gli uomini sociali non possono possedere collettivamente come gli uomini della famiglia possiedono la loro proprietà privata.

Nel frattempo, ci siamo dimostrati abbastanza ingegnosi da trovare modi per alleviare la fatica e i problemi della vita al punto in cui un’eliminazione del lavoro dalla gamma di attività umane non può più essere considerata utopica. Per ora, il lavoro è una parola troppo alta, troppo ambiziosa per ciò che stiamo facendo, o pensiamo che stiamo facendo, nel mondo in cui siamo venuti a vivere. L’ultima fase della società del lavoro, la società dei lavoratori, richiede ai suoi membri un puro funzionamento automatico, come se la vita individuale fosse stata effettivamente sommersa nel processo di vita globale della specie e l’unica decisione attiva ancora richiesta all’individuo fosse di lasciar andare, per così dire, di abbandonare la sua individualità, il dolore e le difficoltà della vita ancora avveriti individualmente e acconsentire a un comportamento stordito, “tranquillo”, funzionale. Il problema delle moderne teorie del comportamentismo non è che si sbagliano, ma che potrebbero diventare realtà, che in realtà sono la migliore concettualizzazione possibile di certe tendenze ovvie nella società moderna. È abbastanza ipotizzabile che l’era moderna – che è iniziata con uno sfogo così senza precedenti e promettente dell’attività umana – possa finire nella passività più mortale e sterile che la storia abbia mai conosciuto.

David Coates : “Capitalism: the Basics”

David Coates : “Capitalism: the Basics”

Quello che la crisi del 2008 e le sue conseguenze non hanno fatto è portare un altro paradigma economico al dominio. Quello che hanno fatto invece è stato creare ancora un periodo in cui nessun paradigma intellettuale è dominante e in cui la politica del Centro è stata pertanto bloccata dalla persistenza di profondi disaccordi tra neo-liberali e post keynesiani. Questi sono i disaccordi circa il motivo per cui le ruote si sono staccate dall’autobus capitalista ed esattamente come possono essere riattaccate al fine di generare un altro ciclo di crescita economica, aumentare l’occupazione e migliorare gli standard di vita per la massa e la generalità dei lavoratori impiegati in circuiti capitalistici di produzione. Questi sono disaccordi tra i paradigmi e non solo tra gli economisti. Questa empasse ha fatto un’altra cosa. Ha creato nuovamente lo spazio per valutare se le spiegazioni marxiste sulle crisi capitaliste potessero ancora avere qualche valore per raccontarci la nostra condizione contemporanea e possibili sviluppi futuri. E il marxismo ha certamente qualcosa da dire. I marxisti, a differenza dei liberali classici e dei Keynesiani, preferiscono che il capitalismo sia in crisi. Il loro problema tende ad essere quello inverso. Loro devono costantemente spiegare i periodi di stabilità e crescita delle economie in cui, dalla prospettiva marxista, la tensione tra capitale e lavoro dovrebbe minacciare permanentemente la capacità del sistema di generare sufficienti profitti e investimenti per sostenere livelli adeguati di occupazione e aumenti generalizzati degli standard di vita. Quella tensione tra capitale e lavoro, se Marx avesse ragione, dovrebbe minacciare la capacità dei capitalisti di accumulare abbastanza profitto se il lavoro è troppo forte. Un forte movimento del lavoro richiederà elevati salari e processi di lavoro più lenti, riducendo la scala dell’estrazione dei profitti nel processo. Allo stesso modo, la tensione tra capitale e lavoro dovrebbe minacciare la capacità dei capitalisti di realizzare i loro profitti se il lavoro è troppo debole: poiché i movimenti deboli dei lavoratori non hanno la capacità di richiedere salari elevati e quindi non riescono a sostenere le condizioni necessarie per la vendita di tutte le materie prime provenienti dalle fabbriche e dalle forze del capitalismo. I marxisti, cioè, si aspettano che le economie capitalistiche abbiano un’incredibile flessione tra “crisi di accumulo” e “crisi di realizzazione”.

David Coates : “Capitalism: the Basics”

David Coates : “Capitalism: the Basics”

I lavoratori sudcoreani hanno lavorato in media 2,256 ore l’anno nel 2008, secondo l’OCSE, mentre all’altro estremo, 1.389 nei Paesi Bassi e 1.764 nell’intera economia OCSE. Ovunque la storia della classe operaia è frutto delle forme dei salari stabiliti e delle condizioni stabilite dove ha vinto, e della negazione di adeguati salari e standard se sconfitta. C’è una venalità nel capitalismo contemporaneo che è sempre stata ovvia per i lavoratori nelle sezioni non sviluppate, una venalità parzialmente nascosta per mezzo secolo ai lavoratori ben organizzati nel suo nucleo centrale. Siamo più vicini al capitalismo del Manifesto Comunista di quanto non siamo mai stati: un capitalismo così unico nel perseguire i profitti che tutte le sue classi lavoratrici sono, come hanno già affermato Marx e Engels, “finalmente costrette ad affrontare con sensi sobri le reali condizioni di vita e le relazioni con il proprio genere”. (Marx & Engels, 1848: 38)