Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Israele era così fiducioso nelle sue azioni, senza timore della Corte penale internazionale o di qualsiasi sanzione interna, che il generale di brigata (di riserva) Zvika Fogel ha rilasciato un’intervista alla radio israeliana nell’aprile 2018. Fogel era un ex capo di stato maggiore del comando meridionale israeliano , che includeva Gaza. Dopo che i cecchini israeliani hanno causato la morte e il ferimento di migliaia di palestinesi, compresi bambini, il conduttore radiofonico Ron Nesiel ha interrogato Fogel e ha chiesto se l’IDF dovesse “riconsiderare l’uso dei cecchini”. Fogel ha affermato che l’uso dei cecchini è appropriato: “Se questo bambino o chiunque altro si avvicina alla recinzione per nascondere un ordigno esplosivo o per verificare se ci sono zone morte o per tagliare la recinzione in modo che qualcuno possa infiltrarsi nel territorio dello Stato di Israele ci ucciderà…”

“Allora la sua punizione è la morte?” chiese Nesiel.

“La sua punizione è la morte”, affermò il generale.

Baruch Kimmerling : ” Politicide “

Baruch Kimmerling : ” Politicide “

La politica interna ed estera di Israele è “in gran parte orientata verso un obiettivo principale: il politicidio del popolo palestinese. Per politicidio intendo un processo che ha, come obiettivo finale, la dissoluzione dell’esistenza del popolo palestinese come legittimo soggetto sociale, politico ed entità economica. Questo processo può anche, ma non necessariamente, includere la loro pulizia etnica parziale o completa dal territorio conosciuto come Terra d’Israele”.

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

L’IDF utilizza un ampio riconoscimento facciale con una rete crescente di telecamere e telefoni cellulari per documentare ogni palestinese in Cisgiordania. A partire dal 2019, i soldati israeliani hanno utilizzato l’app Blue Wolf per catturare i volti palestinesi, che sono stati poi confrontati con un enorme database di immagini soprannominato “Facebook per i palestinesi”. Ai soldati veniva detto di competere scattando il maggior numero di foto di palestinesi e il più prolifico avrebbe vinto dei premi.

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

AnyVision è una start-up israeliana che ha il compito di monitorare segretamente i palestinesi in Cisgiordania con una serie di telecamere, le cui posizioni non sono riconosciute né dalla società né da Israele. L’intelligenza artificiale si fonde così con la biometria e il riconoscimento facciale in dozzine di checkpoint israeliani in tutta la Cisgiordania. AnyVision sostiene che la sua tecnologia non discrimina in base alla razza o al genere e che crea solo prodotti “etici”. Quando nel 2019 NBC News gli ha chiesto informazioni sul suo lavoro in Cisgiordania, il CEO Eylon Etshtein ha inizialmente minacciato di denunciarli, ha negato addirittura che ci fosse un’occupazione e ha accusato il giornalista della NBC di essere pagato da attivisti palestinesi. In seguito si è scusato per lo sfogo.

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Era inevitabile che l’occupazione israeliana diventasse sempre più privatizzata. Con così tante aziende israeliane coinvolte nella manutenzione delle infrastrutture attorno all’occupazione, queste aziende hanno trovato modi innovativi per vendere i propri servizi allo Stato, testare le ultime tecnologie sui palestinesi e poi promuoverle in tutto il mondo. Israele ha abbracciato il neoliberismo a partire dalla metà degli anni ’80 e la privatizzazione delle principali imprese statali ha subito un’accelerazione negli anni ’90. Ciononostante, anche se le industrie della difesa sono sempre più in mani private, continuano ad agire come un’estensione dell’agenda di politica estera di Israele, sostenendone gli obiettivi e l’ideologia pro-occupazione. Il costo umano della svolta neoliberista è stato devastante; Israele ha la più alta disuguaglianza di reddito tra tutti i paesi dell’OCSE. Il tasso di povertà nel 2020 era del 23% della popolazione ebraica israeliana e del 36% della popolazione araba.

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Nel suo libro del 1998 sul Medio Oriente, Da Beirut a Gerusalemme, il giornalista del New York Times Thomas Friedman ha fornito un aneddoto del 1982 sulla vera, meno riconosciuta missione delle forze israeliane:

Due obiettivi in particolare sembravano interessare l’esercito di [Ariel] Sharon. Uno era il Centro di ricerca dell’OLP. Al Centro Ricerche dell’OLP non c’erano armi, né munizioni, né combattenti. Ma c’era qualcosa di più pericoloso: libri sulla Palestina, vecchi documenti e atti di proprietà appartenenti a famiglie palestinesi, fotografie sulla vita araba in Palestina, archivi storici sulla vita araba in Palestina e, cosa più importante, mappe – mappe della Palestina prima del 1948 con tutti i villaggi arabi su di essa prima che nascesse lo Stato di Israele e ne cancellassero molti. Il Centro di ricerca era come un’arca contenente l’eredità dei palestinesi, alcune delle loro credenziali come nazione. In un certo senso, questo è ciò che Sharon desiderava maggiormente portare a casa da Beirut. Lo si poteva leggere nei graffiti che i ragazzi israeliani hanno lasciato sui muri del Centro di ricerca: “Palestinesi? Chi sono?” E “Palestinesi, vaffanculo”, e “Arafat, scoperò tua madre”. (L’OLP costrinse successivamente Israele a restituire l’intero archivio come parte di uno scambio di prigionieri del novembre 1983.)

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

All’indomani della guerra del 1967 Israele stipulò un accordo con il Paraguay, allora una dittatura, che fornì una casa ai criminali di guerra nazisti, tra cui il dottor Josef Mengele, il cosiddetto “Angelo della morte” che fece esperimenti e massacrò centinaia di ebrei ad Auschwitz. L’accordo proposto prevedeva il pagamento di sessantamila palestinesi di Gaza, circa il 10% dell’intera popolazione, affinché si trasferissero in Paraguay con la cittadinanza garantita entro cinque anni. Un documento del governo israeliano trapelato includeva il capo del Mossad Zvi Zamir che affermava che il Paraguay era disponibile ad accogliere “60.000 arabi musulmani che non sono comunisti, secondo la loro definizione”. Il piano non si concretizzò mai e solo trenta palestinesi in totale emigrarono.

Jasper Jolly : The Guardian 21 ottobre 2020

Jasper Jolly : The Guardian 21 ottobre 2020

Israele è un attore chiave nella battaglia dell’UE sia per militarizzare i suoi confini che per scoraggiare i nuovi arrivi.
Nel 2020 l’UE ha annunciato partnership del valore di 91 milioni di dollari con Airbus, Israel Aerospace Industries ed Elbit per utilizzare i loro servizi per mantenere una presenza continua di droni nel Mediterraneo. Il drone Hermas di Elbit e il drone Heron di IAI sono stati utilizzati durante le guerre di Israele contro Gaza dal 2008. C’è una crescente concorrenza nella vendita di droni: il TB2 turco può trasportare bombe a guida laser, essere collocato in un camion a pianale e costa molto meno dei droni israeliani o americani. ma i modelli israeliani rimangono estremamente popolari. Nel 2017, i produttori israeliani di droni rappresentavano il 60% del mercato globale dei droni nei tre decenni precedenti.

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

“L’economia ha abbandonato le arance per le bombe a mano”, scrive il ricercatore Haim Bresheeth-Žabner in An Army Like No Other: How the Israel Defence Forces Made a Nation. È impossibile ottenere cifre esatte, perché lo Stato non le rende mai pubbliche, ma oggi ci sono oltre trecento multinazionali e seimila start-up che danno lavoro a centinaia di migliaia di persone. Le vendite sono in forte espansione, con le esportazioni della difesa che raggiungono il massimo storico nel 2021 di 11,3 miliardi di dollari, con un aumento del 55% in due anni. Anche le società israeliane di sicurezza informatica stanno crescendo vertiginosamente, con 8,8 miliardi di dollari raccolti in un centinaio di accordi nel 2021. Nello stesso anno, le società informatiche israeliane hanno assorbito il 40% dei finanziamenti mondiali nel settore.