Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Penso che se guardiamo alla storia americana, possiamo indicare almeno alcuni fattori dietro di essa. Questa è una società di immigrati, e prima della Depressione praticamente ogni ondata di immigrati che veniva qui era più o meno assorbita, almeno quelli che volevano rimanere – molti di loro non lo volevano, ricordate; infatti, il tasso di rendimento era piuttosto elevato durante i periodi di punta dell’immigrazione. Ma per gli immigrati che rimasero, gli Stati Uniti erano davvero una terra di opportunità. Quindi, mio padre poteva venire dalla Russia e lavorare duramente in una fabbrica, e infine riuscire a raggiungere il college, e poi vedere suo figlio diventare un professore – quella roba era reale. Ed era reale perché c’era un sacco di lavoro manuale in giro che poteva assorbire le ondate di immigrati: le persone potevano lavorare in fabbriche per sedici ore al giorno e guadagnare abbastanza per sopravvivere, quindi accumulare un po’ di denaro in eccesso, e le cose gradualmente sarebbero migliorate. Ma negli anni ’30 c’è stato un grosso crollo in questo sistema: la depressione ha posto fine a quelle opportunità. E gli Stati Uniti non sono praticamente mai usciti dalla depressione. Vedete, il boom economico del secondo dopoguerra è stato un tipo diverso di crescita economica da qualsiasi cosa sia mai accaduta prima. Per prima cosa, è stato sostanzialmente finanziato dallo stato e principalmente incentrato su industrie ad alta tecnologia, che sono legate al sistema militare. E quel tipo di crescita economica non consente di assorbire nuove ondate di immigrati. Lo ha permesso brevemente durante la seconda guerra mondiale, quando c’era una carenza di manodopera e la gente poteva uscire dalle fattorie nel sud e lavorare nelle industrie della guerra. Ma quello finì. E da allora, i lavori sono stati per lo più nell’alta tecnologia o nel settore dei servizi – che è marcio, non vai da nessuna parte. Quindi non ci sono le stesse possibilità per le persone di spostarsi: se riesci ad entrare nel settore high-tech, probabilmente eri già lì, e se stai lavorando per spazzare le strade o qualcosa del genere, è lì che rimarrai.

Ora, forse quella situazione sarebbe stata vivibile se non ci fosse stata una nuova ondata di immigrazione, ma c’era. C’è stata un’enorme ondata di immigrazione. Questa volta è stata un’immigrazione interna, ma dal punto di vista della società era come un’ondata straniera: proveniva dalla rapida meccanizzazione dell’agricoltura nel sud, che ha cacciato la popolazione nera, gli ex schiavi, dalla terra. Inoltre, c’è stato anche un grande afflusso di immigrazione ispanica. Quindi abbiamo avuto queste due grandi ondate di immigrazione che arrivavano nelle città del Nord e non c’era niente da fare per loro: non potevano fare quello che faceva mio padre, perché non c’era offerta dello stesso tipo di lavoro manuale che poteva occupare milioni in più di lavoratori. Quindi ciò che è effettivamente accaduto è che queste due enormi ondate di immigrati sono state semplicemente radunate nei campi di concentramento, che chiamiamo “città”. E la stragrande maggioranza di loro non uscirà mai, solo perché non c’è niente da fare per loro. L’economia semplicemente non sta crescendo; Voglio dire, il prodotto nazionale lordo sale, ma sale in un modo che non costituisce una crescita economica per una popolazione urbana povera. E con il declino delle industrie manifatturiere tradizionali negli ultimi anni, sta peggiorando, non migliorando. Man mano che il capitale diventa più fluido e diventa più facile per le aziende trasferire la produzione nel Terzo mondo, perché dovrebbero pagare salari più alti a Detroit quando possono pagare salari più bassi nel Messico settentrionale o nelle Filippine? E il risultato è che c’è ancora più pressione sulla parte più povera della popolazione qui. E ciò che è effettivamente accaduto è che essi sono stati chiusi nei bassifondi della città – dove poi ogni sorta di altre pressioni iniziano ad attaccarli: droghe, gentrificazione, repressione della polizia, tagli ai programmi di assistenza sociale e così via. E tutte queste cose contribuiscono a creare un autentico senso di disperazione e anche un reale comportamento antisociale: il crimine. E il crimine è per lo più gente povera contro altra gente povera, le statistiche lo dimostrano molto chiaramente – perché i ricchi sono rinchiusi dietro le loro barricate. Potete vederlo molto chiaramente quando guidate attraverso New York ora: le differenze di ricchezza sono come a San Salvador. Voglio dire, stavo parlando un po ‘di tempo fa, e mentre cammini è un po’ drammatico: ci sono questi castelli e ci sono guardie al cancello, arriva una limousine e la gente entra; dentro credo sia molto elegante e bello. Ma è come vivere in un sistema feudale, con molti barbari selvaggi fuori — e se sei ricco non li vedi mai, ti muovi solo tra il tuo castello e la tua limousine. E se sei povero, non hai un castello per proteggerti.

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Noam Chomsky : “Understanding Power: The Indispensable Chomsky (English Edition)”

Nella nostra società, il vero potere non si trova nel sistema politico, si trova nell’economia privata: è lì che le decisioni vengono prese su ciò che viene prodotto, quanto viene prodotto, cosa è consumato, dove avviene l’investimento, chi ha un lavoro, chi controlla le risorse, e così via. E finché la situazione rimane questa, i cambiamenti all’interno del sistema politico possono fare poca differenza, non voglio dire che è zero, ma le differenze saranno molto lievi. Infatti,
se pensate secondo questa logica, vedrete che fino a quando il potere rimane concentrato privatamente, tutti devono essere impegnati a un obiettivo prioritario: e questo è assicurarsi che i ricchi siano felici, perché se non lo sono, nessun altro otterrà nulla. Quindi se sei un senzatetto che dorme nelle strade di Manhattan, diciamo, la tua prima preoccupazione deve essere che quelli nelle case siano felici, perché se sono felici, allora investiranno e l’economia funzionerà, e le cose funzioneranno, e allora forse qualcosa verrà anche a te traboccando da qualche parte lungo la linea. Ma se non sono felici, tutto tenderà a fermarsi e non riuscirai nemmeno ad avere qualche briciola.
Quindi se sei un senzatetto per le strade, la tua prima preoccupazione è la felicità dei benestanti nelle loro case e nei ristoranti di lusso. Fondamentalmente questa è una metafora per l’intera società.

Marcel Fratzscher : “The Germany Illusion”

Marcel Fratzscher : “The Germany Illusion”

Un fattore, almeno per alcune aziende e in alcune aree, è la crescente mancanza di lavoratori qualificati. Il tasso di disoccupazione della Germania nel 2016 ha raggiunto un record minimo durato quarant’anni. Non solo il tasso di disoccupazione tedesco era basso nel 2017, ma oltre un milione di posti di lavoro erano aperti. Molte aziende cercavano disperatamente ingegneri, programmatori, specialisti IT e altri professionisti. La mancanza di lavoratori qualificati è stata notevolmente mitigata dalla recente immigrazione massiccia, in particolare da altri paesi dell’UE, nonché da un graduale aumento della partecipazione della forza lavoro delle donne e degli anziani. Questa mancanza di lavoratori qualificati continuerà a pesare pesantemente sugli investimenti tedeschi e sul suo potenziale economico negli anni e nei decenni a venire, poiché la società tedesca sta rapidamente invecchiando. Prima del 2030, il mercato del lavoro tedesco perderà circa 5 milioni di dipendenti per una forza lavoro totale di 44 milioni, poiché molti baby boomers andranno in pensione. I pensionati non saranno sostituiti uno a uno: il numero di giovani si sta riducendo. Anche nel 2017, molte aziende tedesche si stavano offrendo di assumere e formare giovani lavoratori, ma non potevano occupare posti vacanti. Questo dimostra che l’adeguamento del sistema educativo tedesco in modo da concentrare maggiormente i giovani sulle cosiddette aree di istruzione STEM (scienza, tecnologia, ingegneria, matematica) non sarà sufficiente. Solo attraverso un alto livello di immigrazione molte aziende tedesche saranno in grado di assumere lavoratori e ricoprire posizioni aperte nei prossimi decenni.

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Come può chiunque non sia intellettualmente in bancarotta difendere il sistema esistente in cui “un singolo paese, che possiede solo circa il 5% della popolazione terrestre, ha circa il 20% del suo PIL, spende quasi il 50% delle sue spese totali di difesa e stampa liberamente fatture che rappresentano il 65–70 percento delle riserve globali in valuta estera ”(Kennedy 2009). Come si può difendere una strategia di sviluppo che sacrifica la maggioranza a beneficio di una minoranza? Se il benessere e l’opinione della maggioranza possono essere ignorati, cosa rimane del valore democratico e dei diritti umani?

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Mobo Gao : “Constructing China: Clashing Views of the Peoples Republic (English Edition)”

Ciò che la Cina è rimane un problema. Ciò che la Cina è non è solo una questione etnica ma anche culturale. Non è solo una questione nazionale ma una questione multinazionale; non è solo una questione di stato nazionale, ma una questione storica; non è solo una questione geopolitica, ma una questione di paradigma concettuale. Ciò che la Cina è dipende non solo dalle circostanze storiche ma anche dalla realtà economica e politica attuale. Infine, ciò che è la Cina dipende da come la produzione e il consumo di conoscenza vengono svolti dalla “comunità internazionale”, cioè dall’Occidente dominante. La conoscenza di qual è la verità o qual è il giusto valore da parte del produttore della conoscenza occidentale può aiutare a creare nuove realtà quasi dal nulla. Ciò che è la Cina riguardo al Tibet, lo Xinjiang, Taiwan e persino Hong Kong dipende molto dal tipo di conoscenza prodotta e consumata all’interno e all’esterno della Cina.

World Bank Group : “Exploring Universal Basic Income”

World Bank Group : “Exploring Universal Basic Income”

Negli ultimi anni si sono registrati miglioramenti significativi nella disponibilità globale e nell’utilizzo dei servizi di moneta bancaria e mobile, con 1,2 miliardi di persone che hanno avuto accesso a una qualche forma di conto finanziario dal 2011 (Demirgüç-Kunt et al. 2018). Secondo Global Findex, il database più completo al mondo sull’inclusione finanziaria, il 69% degli adulti in tutto il mondo ha ora un conto presso un istituto finanziario (una banca, un istituto di credito, un istituto cooperativo o di microfinanza) o un fornitore di denaro mobile (Demirgüç-Kunt et al. 2018). Nei paesi ad alto reddito, l’accesso al conto è quasi universale, al 94 percento, e nei paesi a reddito medio-alto il tasso è ora del 73 percento.
Tuttavia, la proprietà dell’account è ancora solo del 58% nei paesi a reddito medio-basso e del 35% nei paesi a basso reddito. La stragrande maggioranza dei proprietari di account (98 percento a livello globale) ha un account presso un istituto finanziario (Demirgüç-Kunt et al. 2018). La moneta mobile è molto meno utilizzata (6 percento dei proprietari di account a livello globale), sebbene stia crescendo in disponibilità ed è ora presente in 90 paesi, inclusi i tre quarti dei paesi a basso e medio reddito (GSMA 2017). Il numero globale di conti di moneta mobile è aumentato del 25 percento nel 2017 rispetto all’anno precedente, trainato principalmente dalla rapida crescita in Africa e Asia. Ora ci sono 12 paesi (tutti nell’Africa sub-sahariana) in cui le persone hanno più conti con fornitori di denaro mobile che con un istituto finanziario (Demirgüç Kunt et al. 2018). Ma questi paesi rimangono l’eccezione; in circa la metà (52 percento) di tutti i paesi, meno del 5 percento dei proprietari di account ha conti di denaro mobile o non sono disponibili dati.

Robert Shiller : “Irrational Exuberance”

Robert Shiller : “Irrational Exuberance”

Quando Alan Greenspan, presidente del Federal Reserve Board di Washington, usò il termine esuberanza irrazionale per descrivere il comportamento degli investitori in borsa in un discorso altrimenti serio il 5 dicembre 1996, il mondo si fissò su quelle parole. I mercati azionari sono scesi precipitosamente. In Giappone, l’indice Nikkei è sceso del 3,2%; a Hong Kong, l’Hang Seng è sceso del 2,9%; e in Germania, il DAX è sceso del 4%. A Londra, l’indice FT-SE 100 è sceso del 4% ad un certo punto durante il giorno e negli Stati Uniti la media industriale di Dow Jones è scesa del 2,3% vicino all’inizio delle negoziazioni. Le parole esuberanza irrazionale sono diventate rapidamente la citazione più famosa di Greenspan – una frase di riferimento per tutti coloro che seguono il mercato.
Perché il mondo ha reagito così fortemente a queste parole? Un’ipotesi è che sono stati considerati semplicemente come prove del fatto che la Federal Reserve avrebbe presto inasprito la politica monetaria e che il mondo stava semplicemente reagendo alle previsioni modificate delle probabili azioni del Consiglio. Ma ciò non può spiegare perché il pubblico ricordi ancora l’esuberanza irrazionale così bene anni dopo. Credo che la reazione a queste parole rifletta la preoccupazione del pubblico che i mercati potrebbero effettivamente essere stati rilanciati a livelli insolitamente alti e insostenibili sotto l’influenza della psicologia del mercato. Le parole di Greenspan suggeriscono la possibilità che il mercato azionario cadrà – o almeno diventerà un investimento meno promettente.

Shoshana Zuboff : “The Age of Surveillance Capitalism:The Fight for a Human Future at the New Frontier of Power (English Edition)”

Shoshana Zuboff : “The Age of Surveillance Capitalism:The Fight for a Human Future at the New Frontier of Power (English Edition)”

Abbiamo sfruttato Facebook per raccogliere milioni di profili di persone”, ha ammesso Wylie, “e costruito modelli per sfruttare ciò che sapevamo su di loro e bersagliare i loro demoni interiori.” Il suo riassunto dei risultati di Cambridge Analytica è un prerequisito del progetto capitalista di sorveglianza e una logica per la sua determinazione a rendere dal profondo. Queste sono le stesse capacità che hanno raccolto forza nei quasi vent’anni di incubazione del capitalismo di sorveglianza nello spazio senza legge. Queste pratiche hanno prodotto indignazione in tutto il mondo, quando in realtà sono elementi di routine nell’elaborazione quotidiana dei metodi e degli obiettivi del capitalismo di sorveglianza, sia su Facebook che presso altre società capitaliste di sorveglianza. Cambridge Analytica ha semplicemente riorientato le macchine capitaliste di sorveglianza dai mercati commerciali in futures comportamentali verso risultati garantiti nella sfera politica.

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Reece Jones : “Violent Borders: Refugees and the Right to Move (English Edition)”

Proprio come i confini sono usati per limitare il movimento dei poveri creando pool di lavoro sfruttabile, sono anche usati per controllare l’ambiente creando pool di risorse sfruttabili, con regole su estrazione e accesso che differiscono tra i vari territori. Questi contenitori consentono ad alcuni di utilizzare le risorse del pianeta limitando l’accesso e l’uso alla maggior parte degli altri. La divisione della terra in giurisdizioni politiche separate significa che la scala del processo decisionale (lo stato) non corrisponde alla scala del sistema (il globo), che può produrre sovrasfruttamento e esacerbare la sfida di affrontare i problemi che
attraversano i confini.

Annie Lowrey: “Give People Money: The simple idea to solve inequality and revolutionise our lives”

Annie Lowrey: “Give People Money: The simple idea to solve inequality and revolutionise our lives”

L’aiuto inefficiente non è solo inefficiente, ma sprecato. E quell’aiuto sprecato
potrebbe fare molto per porre fine alla povertà. In questo momento, il divario di povertà – la quantità di denaro che ci vorrebbe per sollevare ogni uomo, donna e bambino dalla linea di estrema povertà della Banca Mondiale è di circa $ 66 miliardi, come stimato da Laurence Chandy e Brina Seidel della Brookings Institution. Che corrisponde a ciò che gli americani spendono ogni anno in biglietti della lotteria. È metà di ciò che il mondo spende per gli aiuti umanitari.