Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Israele ha venduto così tante attrezzature di difesa a così tante nazioni che spera di isolarsi da qualsiasi reazione politica alla sua infinita occupazione. Gli alleati, siano essi reali o transazionali, hanno dato a Israele la protezione che desidera dalla censura internazionale o dalle comparizioni davanti alla Corte penale internazionale. Vendere Pegasus, lo strumento di hacking telefonico del gruppo NSO, e una serie di altri armamenti ad alta tecnologia è il tipo di politica sugli armamenti che garantisce alleanza e amicizia, sia da parte di stati autoritari che democratici. Israele si vanta di essere la nazione indispensabile.

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Facebook ha nominato Jordana Cutler direttore delle politiche pubbliche per Israele e la diaspora ebraica nel 2016. Lei è un ex consigliere del primo ministro Benjamin Netanyahu e capo dello staff dell’ambasciata israeliana a Washington, DC. Nel 2020 ha detto: “Il mio lavoro è… parlare su Facebook a nome di Israele e della diaspora ebraica. Ogni settimana organizziamo riunioni per parlare di tutto, dallo spam alla pornografia, dall’incitamento all’odio, al bullismo e alla violenza, e di come si relazionano con gli standard della nostra comunità. Rappresento Israele in questi incontri”. Non esiste un rappresentante Facebook con sede in Palestina.

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Facebook si è trovata di fronte a un dilemma interno quando si è trattato di gestire i contenuti provenienti dall’India. Avendo la prova che i post di Facebook avevano causato danni reali alle minoranze in Myanmar, Palestina, India, Russia e altrove, il team politico globale dell’azienda ha sostenuto che avrebbero rischiato la chiusura completa della piattaforma se non avessero rispettato le richieste del governo.

Privacy International, 3 aprile 2019

Privacy International, 3 aprile 2019

Lo spionaggio sui richiedenti asilo nell’UE è parzialmente fornito da Cellebrite perché il telefono cellulare è una parte fondamentale del possesso di ogni migrante. Secondo un venditore di Cellebrite nel 2019, il 77% dei rifugiati è arrivato nell’UE senza documenti e il 43% aveva uno smartphone durante il viaggio. L’azienda ha affermato che ciò ha aperto la porta all’utilizzo della loro tecnologia per determinare il viaggio dei migranti e la loro recente storia geografica e di comunicazione.

Ilan Pappé : ” Ten Myths About Israel “

Ilan Pappé : ” Ten Myths About Israel “

Intellettuale e studioso socialista, ebreo e anti-sionista, di formazione comunista, è uno dei rappresentanti della cosiddetta Nuova storiografia israeliana, che ha come fine scientifico ed etico quello di sottoporre a un accurato riesame la documentazione orale, che è prevalsa per decenni, nel tracciare le linee ricostruttive storiche relative alla nascita dello Stato d’Israele e del sionismo in Israele; nella “nuova storiografia” Pappé rappresenta la voce più critica nei confronti della leadership israeliana (da Ben Gurion in poi) e in favore dei palestinesi.

1881

Ondate di pogrom russi durano fino al 1884. Il movimento sionista appare in Europa.

1882

Prima Aliyah (1882-1904). La fondazione di Rishon LeZion, Zichron Yaacov e Rosh Pina in Palestina.

1897

Il primo congresso sionista a Basilea. L’istituzione del Congresso Sionista Mondiale.

1898

Il Secondo Congresso Sionista.

1899

Il Terzo Congresso Sionista.

1901

Viene fondato il Fondo Nazionale Ebraico (JNF).

1904

La seconda Aliyah (1904–14).

1908

Viene istituito l’Ufficio per la Palestina (nel 1929 divenne Agenzia Ebraica).

1909

Viene fondato Degania, il primo Kibbutz (Kvutzat Degania). L’edificio di Tel Aviv. Viene fondato l’Hashomer.

1915-1916

La corrispondenza Hussein-McMahon.

1916

L’accordo Sykes-Picot.

1917

La Dichiarazione Balfour. La Gran Bretagna occupa la Palestina e la governa attraverso un’amministrazione militare (fino al 1920).

1920

Viene fondata l’Haganah. Viene fondata l’Histadrut. La Conferenza di San Remo concede alla Gran Bretagna il mandato sulla Palestina.

1922

La Gran Bretagna riconosce la Transgiordania come entità politica separata e Amir Abdullah come suo sovrano. Il Congresso americano approva la Dichiarazione Balfour.

1923

Il mandato britannico sulla Palestina e sulla Transgiordania viene autorizzato prima dalla Società delle Nazioni, poi dal Trattato di Losanna.

1931

L’Irgun si divide dall’Haganah.

1936

Scoppia la rivolta araba che durerà fino al 1939.

1937

La Commissione Reale Peel.

1940

Il “Lehi” (banda Stern) si separa dall’Irgun. Lancio del progetto Village Files.

1946

La Commissione d’inchiesta anglo-americana.

1947

La Gran Bretagna annuncia la fine del mandato e trasferisce la questione della Palestina all’ONU. L’ONU forma un comitato speciale, UNSCOP, che raccomanda la spartizione. Ciò è approvato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (Risoluzione 181).

1948

La pulizia etnica della Palestina: finisce il mandato britannico, lo Stato d’Israele dichiarato e riconosciuto da Stati Uniti e URSS. Israele in guerra con le truppe che entrano in Palestina dai paesi arabi vicini mentre completa l’espulsione di metà della popolazione palestinese, demolendo metà dei suoi villaggi e svuotando e distruggendo undici delle sue dodici città.

1949

Risoluzione 194 dell’UNGA (che chiede il ritorno dei profughi palestinesi). Accordi di armistizio tra Israele, Egitto, Giordania, Libano ed Egitto. Ai restanti cittadini palestinesi in Israele viene imposto il governo militare, che rimarrà in vigore fino al 1966.

1950

Inizia l’immigrazione degli ebrei dai paesi arabi.

1956

Israele si unisce a Gran Bretagna e Francia in una guerra contro Nasser in Egitto, occupando la penisola del Sinai e la Striscia di Gaza. Il massacro di Kafr Qasim.

1959

Rivolte di Wadi Salib (rivolte dei Mizrahi ad Haifa per protestare contro la discriminazione).

1963

La fine dell’era Ben-Gurion.

1967

La Guerra dei Sei Giorni: Israele occupa il Sinai e la Striscia di Gaza, le alture di Golan, Gerusalemme Est e la Cisgiordania. La risoluzione 242 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite invita Israele a ritirarsi da tutti i territori occupati. Inizia il progetto di insediamento israeliano in Cisgiordania e Gaza.

1973

La guerra di ottobre: Israele occupa parte dell’Egitto vero e proprio e mantiene il controllo delle alture di Golan dopo un sanguinoso conflitto che ha colto lo stato di sorpresa.

1974

La Risoluzione 338 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite riafferma il diritto dei palestinesi all’autodeterminazione e all’indipendenza nazionale.

1976

La Giornata della Terra Proteste dei palestinesi in Israele contro la giudaizzazione della Galilea.

1977

Il Likud guidato da Menachem Begin vince le elezioni nazionali dopo trent’anni di governo laburista. Il presidente egiziano Anwar Sadat visita Gerusalemme e avvia colloqui bilaterali con Israele.

1978

Firmato il trattato di pace tra Israele ed Egitto. Attacco dell’OLP a Tel Aviv ricambiato dall’operazione “Litani”: Israele occupa parte del Libano meridionale.

1981

Annessione delle alture di Golan a Israele.

1982

Il Sinai tornò in Egitto. Operazione “Pace per la Galilea” in cui Israele invade il Libano nel tentativo di distruggere l’OLP.

1987

La prima Intifada palestinese.

1989

Crollo dell’URSS e migrazione di massa di ebrei e non ebrei da tutto il blocco orientale verso Israele.

1991

Prima Guerra del Golfo. Gli Stati Uniti convocano a Madrid una conferenza internazionale sulla Palestina.

1992

Il partito laburista torna al potere e Yitzhak Rabin diventa primo ministro per la seconda volta.

1993

L’OLP e Israele firmano alla Casa Bianca la Dichiarazione di principi di Oslo.

1994

Viene costituita l’Autorità Nazionale Palestinese e Yasser Arafat, presidente dell’OLP, arriva nei territori occupati per diventare presidente dell’ANP. Israele e Giordania firmano il trattato di pace.

1995

Firmato Oslo II (accordo provvisorio per il controllo palestinese di parti della Cisgiordania e della Striscia di Gaza). Yitzhak Rabin viene assassinato.

1996

Il Likud torna al potere e viene formato il primo governo Benjamin Netanyahu.

1999

Il laburista Ehud Barak eletto primo ministro.

2000

Israele si ritira dal Libano meridionale. Scoppia la Seconda Intifada.

2001

Ariel Sharon, capo del Likud, eletto primo ministro. Successivamente forma un proprio partito (Kadima) e vince le elezioni del 2005

2002

Il progetto del Muro in Cisgiordania è approvato; l’implementazione inizia nel 2003.

2005

Sharon rieletta. Viene lanciato il movimento per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni. Israele evacua dagli insediamenti e dalle basi militari di Gaza.

2006

Hamas vince le elezioni per il secondo Consiglio Legislativo Palestinese (PLC). Israele, il Quartetto del Medio Oriente (Stati Uniti, Russia, Nazioni Unite e Unione Europea), diversi stati occidentali e gli stati arabi impongono sanzioni all’Autorità Palestinese, sospendendo tutti gli aiuti esteri. Inizia l’assedio di Gaza. Seconda guerra del Libano e attacco israeliano alla Striscia di Gaza.

2006

Ehud Olmert eletto primo ministro (nel febbraio 2016 Olmert ha iniziato una pena detentiva di diciannove mesi per corruzione e ostruzione alla giustizia).

2008

Guerra di Gaza – Operazione “Piombo Fuso”. Le Nazioni Unite e le organizzazioni per i diritti umani contano più di 1.400 morti palestinesi, di cui 926 civili disarmati. Sono stati uccisi tre civili israeliani e sei soldati.

2009-2013

Secondo governo Netanyahu.

2011

Protesta sociale in tutto Israele (The Tent Movement).

2012

Operazione “Pilastro delle Nuvole”. Quattro civili israeliani e due soldati sono stati uccisi in attacchi missilistici palestinesi. Secondo l’ONU, morirono complessivamente 174 palestinesi, di cui 107 civili.

2013-2015

Terzo governo Netanyahu.

2014

Operazione “Margine Protettivo”. Secondo le stime principali, tra i 2.125 e i 2.310 abitanti di Gaza furono uccisi (1.492 civili, tra cui 551 bambini e 299 donne), e tra i 10.626 e i 10.895 furono feriti (tra cui 3.374 bambini, di cui oltre 1.000 rimasti permanentemente disabili). Sessantasei soldati israeliani, cinque civili israeliani (incluso un bambino) e un civile tailandese sono stati uccisi, e 469 soldati dell’IDF e 261 civili israeliani sono rimasti feriti. Israele ha distrutto circa 17.000 case e ne ha parzialmente distrutte 30.000.

2015

Quarto governo Netanyahu.

Vorrei ringraziare il mio amico Marcelo Svirsky per aver compilato questa sequenza temporale.

Ilan Pappé

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Tutti i media in Israele, insieme agli editori e agli autori, devono sottoporre le storie relative agli affari esteri e alla sicurezza al capo censore militare delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) prima della pubblicazione. Nessun altro paese occidentale ha un sistema del genere. È una regolamentazione arcaica iniziata subito dopo la nascita di Israele. Il censore ha il potere di bloccare interamente la storia o di oscurarla parzialmente.

Judith Butler : ” Undoing Gender “

Judith Butler : ” Undoing Gender “

Una concezione antimperialista o almeno non imperialista dei diritti umani internazionali deve mettere in discussione cosa si intende per umano e imparare dai vari modi e mezzi con cui viene definito nelle diverse sedi culturali. Ciò significa che le concezioni locali di ciò che è umano o, addirittura, di quali siano le condizioni e i bisogni fondamentali della vita umana, devono essere sottoposte a reinterpretazione, poiché ci sono circostanze storiche e culturali in cui l’umano è definito diversamente.

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Antony Loewenstein : ” The Palestine Laboratory “

Le vendite di armi israeliane nel 2021 sono state le più alte mai registrate, con un aumento del 55% rispetto ai due anni precedenti raggiungendo 11,3 miliardi di dollari. L’Europa è stata il principale destinatario di queste armi, anche prima dell’invasione russa dell’Ucraina, seguita dall’Asia e dal Pacifico. Razzi, sistemi di difesa aerea, missili, armi informatiche e radar erano solo alcune delle attrezzature vendute dallo Stato ebraico. Il risultato è che Israele è ora uno dei primi dieci trafficanti di armi al mondo, avendo venduto una vasta gamma di attrezzature a nazioni tra cui India, Azerbaigian e Turchia che hanno peggiorato i conflitti nelle loro stesse regioni.

Silvia Federici : “Witches, Witch-Hunting and Women “

Silvia Federici : “Witches, Witch-Hunting and Women “

Una lezione che possiamo trarre dal ritorno della caccia alle streghe è che questa forma di persecuzione non è più legata a un momento storico specifico. Ha acquisito una vita propria, così che lo stesso meccanismo può ora essere applicato a società diverse, ogni volta che vi sono persone che devono essere ostracizzate e disumanizzate. Le accuse di stregoneria, infatti, sono il meccanismo supremo di alienazione ed estraniamento, poiché trasformano gli accusati – ancora prevalentemente donne – in esseri mostruosi dediti alla distruzione delle loro comunità, rendendoli quindi immeritevoli di qualsiasi compassione e solidarietà.